Arturia BeatStep Pro – Interazione con MIDI Control Center – Prima parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Software

Il BeatStep Pro nasce per lavorare senza eccessivo ausilio esterno da parte del computer, ma – superata una certa soglia di complessità – taluni livelli di programmazione e personalizzazione operativi sono raggiungibili solo attraverso l’uso coordinato del software gratuito MIDI Control Center disponibile per Mac/PC. Quindi, volenti o nolenti, dovremo fare i conti con le funzioni in esso disponibili.

Di Enrico Cosimi

Schermata 09-2457289 alle 18.23.43

Diciamo subito che il MCC è auto configurante in base al tipo di hardware Arturia che viene riscontrato all’altro capo del cavo USB di connessione; diciamo anche che la sua interfaccia utente è ben studiata e permette di suddividere concettualmente il funzionamento in tre blocchi separati:

  • gestione e archiviazione delle programmazioni, trasferimento della memoria da e per l’apparecchio;
  • programmazione vera e propria delle sezioni comprese nella piramide gerarchica (Projecto, Seq1, Seq2, Drum, ControllerMap);
  • personalizzazione di funzionamento intrinseco (quali canali MIDI, quali formati elettrici, quali maschere di note, eccetera).

Le sorprese non mancano.

BIAS FX di Positive Grid

Written by Attilio De Simone on . Posted in Software

Le applicazioni di Positive Grid hanno stupito più di un chitarrista per la loro capacità di rispondere in modo molto fedele alla dinamica esecutiva, cosa che è quasi sempre mancata in altri software.

di Attilio De Simone

07

Cosa fa Bias FX? Rappresenta l’evoluzione di due applicazioni di Positive Grid per ipad e computer Bias e Jamup, la prima destinata all’emulazione fedele di amplificatori, valvolari e non, che hanno fatto la storia del chitarrismo (il modello per computer prevede la possibilità di fare matching di qualsiasi modello di ampli disponibile raggiungendo livelli di fedeltà molto interessanti), la seconda applicazione, oltre a consentire di utilizzare i modelli di amplificatore di Bias (ma senza poterne modificare la struttura interna), mette a disposizione una vastissima gamma di effetti per chitarra,  che rievocano in modo davvero credibile i circuiti degli effetti che sono diventati uno standard nel mondo chitarristico.

Native Instruments annuncia Reaktor 6!

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software

Dopo troppi anni di attesa, finalmente è arrivato il momento di rimettersi a studiare la nuova revisione di Reaktor 6. Il potentissimo ambiente di programmazione, che ha insegnato tanto a tanti, è stato recentemente aggiornato e potenziato con una serie di migliorie che accolgono, in parte e non solo, le richieste accumulate da anni e anni presso la comunità degli utenti. Native Instruments ha fatto un lavoro eccezionale che, unito alla possibilità di un upgrade a soli 99 euro, rende praticamente obbligatorio procedere all’aggiornamento.

Di Enrico Cosimi

rkt 6 b

Se a questo aggiungiamo che Reaktor 6 viene aggiunto, ma non sostituito alla vecchia installazione di Reaktor 5.x, ecco che le cose diventano ancora più facili da gestire. In forma ancora preliminare, ma avremo modo di passare mesi insonni sul nuovo programma, ecco alcuni dei punti chiave.

Logic Pro X 10.2 mette il turbo

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Recording, Software

Interessanti espansioni funzionali per la popolare DAW targata Apple. La versione Logic Pro 10.2 include – era nell’aria… – Alchemy, sintetizzatore/risintetizzatore fiore all’occhiello dei sound designer più raffinati. E non solo.

A cura della Redazione  di Audio Central Magazine

Schermata 08-2457262 alle 14.56.47

Negli scorsi anni, Alchemy come stand alone e nelle successive versioni ha insegnato molto ai musicisti alla ricerca di sintesi, morphing, risintesi, trattamento e sfruttamento creativo del suono; oggi, con una grafica rinnovata e “appiattita”, è in linea assieme agli altri virtual instruments disponibili dentro Logic.

IK Multimedia iGrand Piano & iLectric Piano per Android

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Software

I due potenti pacchetti sono ora disponibili anche per Android direttamente tramite Google Play e Samsung Galaxy App store; è richiesto Android 4.2 o superiore.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

unnamed

iGrand Piano & iLectric Piano offrono un estremo grado di realismo attraverso multi campionamenti gestiti con SampleTank 3. iGrand Piano contiene otto strumenti (più un nono strumento ottenibile dopo la registrazione del software); iLectric Piano contiene venti strumenti (più uno).

Roland System-100 Plug-Out

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Software

Inarrestabile, prosegue la serie dei plug-out prodotti da Roland per l’impiego con gli hardware della serie AIRA o, in versione plug-in, con le più diffuse DAW attualmente in distribuzione. Questa volta, come promesso nei mesi scorsi, è il turno dello storico System-100.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

rol 1

Il System-100 era una struttura semi modulare, prodotta nel 1975, composta da un sintetizzatore standalone, un expander di raddoppio timbrico, uno step sequencer 12×2, un mixer audio a quattro canali con riverbero a molla e una coppia di casse autoamplificate. Il plug-out prende in esame la struttura stand alone del modello a tastiera Model 101 e, come di consueto, ne arricchisce con discrezione i comportamenti di base.

FabFilter Pro-C2 Compressor

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Recording, Software

L’aggiornamento del popolare plug-in di compressione Pro-C comprende ora cinque nuovi stili di funzionamento e diverse altre funzioni per il vocal processing, il mastering, EDM pumping, eccetera.

A cura della Redazione  di Audio Central Magazine

fab

Con 149 euro, per Mac OsX o Windows, nei formati VST ⅔, AU, AAX, RTAS e AudioSuite, la nuova versione offre:

Blamsoft Zero Hybrid Synthesizer

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Software

Zero Hybrid è un sintetizzatore Rack Extension per Reason che offre funzioni di FM multiwave e sofisticate tecniche di trattamento audio, con una matrice di modulazione particolarmente flessibile.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

zero 1

Il sistema offre sintesi additiva, sottrattiva, FM e RM con sei oscillatori/operatori multiwave tra loro interconnessi attraverso matrice di modulazione. Ci sono due filtri multi modo per la sintesi sottrattiva; diversi moduli LFO offrono controlli ciclici, insieme agli inviluppi e alle altre sorgenti di controllo. Il segnale viene processato attraverso chorus, delay e riverbero.

OSCiLLOT 03 – verificare vibrato e hard sync

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software, Tutorial

E’ il momento di verificare i comportamenti di modulazione esponenziale e lineare sulla frequenza dell’oscillatore “tipo” OSC A. Funzionerà tutto come nel mondo analogico?

Di Enrico Cosimi

Schermata 08-2457262 alle 16.15.54

Il sistema non è difficile da verificare, funzione dopo funzione. Per analizzare la risposta operativa alla FM lineare, non c’è nulla di più semplice che collegare alla porta LIN dell’oscillatore portante, cioè di quello collegato in audio, l’uscita di un secondo oscillatore modulante. Ovviamente, ma non in maniera obbligatoria, sarà utile controllare tutti e due gli oscillatori con il Keyboard Control Voltage, portando l’uscita PITCH del modulo MIDI TO CV/GATE all’ingresso CV1 del nuovo oscillatore.

OSCiLLOT 02 – Iniziamo dalle sorgenti sonore

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software, Tutorial

Quasi sempre, per capire come funziona un sistema di sintesi, si parte da chi genera fisicamente il segnale audio. Possono essere oscillatori, lettori di campioni, versioni intermedie delle due tecnologie… in tutti i casi, le sorgenti sonore sono alla base del nostro funzionamento. Dopo aver recuperato i moduli a corredo della patch di Default che suggerivamo nel precedente appuntamento, siamo pronti per installare il nostro primo modulo “serio”: l’OSC A.

Di Enrico Cosimi

Schermata 08-2457260 alle 13.39.40

Già dal primo sguardo, rivela interessanti caratteristiche operative. Premesso che, come per quasi tutti i moduli di OSCiLLOT, è possibile fare riferimento a una Info residente nel programma stesso, occorrerà passare in rassegna le prestazioni offerte, in modo da poterle poi apparecchiare con un corredo di moduli necessari alle successive investigazioni pratiche.

ga('send', 'pageview');