Author Archive

Case Study: Arturia MatrixBrute Analog Synthesizer – Prima parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Un case study è un meccanismo per rinforzare la conoscenza di un determinato fenomeno. Useremo il soon to be reachable Arturia MatrixBrute per mettere a punto quanto è chiaro il funzionamento di un sintetizzatore analogico e, nell’analisi puntigliosa di quanto scritto sul manuale utente, per verificare se ogni possibile dubbio possa trovare – con l’esperienza diretta – una risposta univoca.

Di Enrico Cosimi

Schermata 2017-02-08 alle 23.53.05

Parliamo di esperienza diretta, perché appena terminato l’esaltante Festival di Sanremo, complice la cortesia di Midiware – importatore italiano Arturia – avremo a disposizione il MatrixBrute per una prova su strada e, last but not least, per il synth day torinese prossimo venturo. In questo modo, la sfida diventa doppia: cosa capiamo di una macchina, attraverso il “semplice” studio del manuale? Come riusciamo a confermare, o a negare, eventuali punti oscuri quando – finalmente – mettiamo le mani sull’apparecchio? Accendete la vostra lanterna, intabarratevi nel mantello pesante e partiamo per un’escursione notturna sulle oscure colline del MatrixBrute.

Elysia Beech Boys Limited Edition

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Recording

Da sempre, Elysia produce apparecchiature high-end per la produzione e il trattamento professionale del suono in sede recording e P.A.; oggi, la Beech Boys Limited Edition propone il meglio dei moduli in formato API 500 con preziosi pannelli realizzati in legno di faggio – per dirla in inglese, in spalted beech (da qui, il gioco di parole).

Di Enrico Cosimi

Senza titolo

Sufficientemente resistente per non scheggiarsi, duro da lavorare, anelastico e da sempre usato per compiti impegnativi (torniture di ebanisteria, ma anche calci dei fucili), il legno di faggio è lavorato a cera o a olio per fornire i pannelli comandi più belli che vi capiterà mai di osservare montati all’interno di un rack API 500.

Pioneer TORAIZ AS-1

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Pioneer DJ, in collaborazione con Dave Smith Instruments, ha sviluppato un nuovo sintetizzatore monofonico per produzioni musicali e performance dal vivo che apre nuove possibilità creative in studio come sul palco: TORAIZ AS-1, ultimo prodotto della serie TORAIZ (che comprende il live sampler TORAIZ SP-16).

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

po

Il TORAIZ AS-1 è azionato da un motore di sintesi analogico vero e proprio, completamente programmabile, basato sul circuito analogico del sintetizzatore Prophet-6 di Dave Smith Instruments, upgrade del classico Prophet-5. Grazie alla stretta collaborazione con Dave Smith, Pioneer DJ ha realizzato un sintetizzatore che produce un potente suono analogico, ideale per i set-up dei professionisti o degli aspiranti produttori.

Eve Audio PMR 2.10

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Quasi sempre, il musicista “normale” ignora l’esistenza di una serie di apparecchi appositamente sviluppati per risolvere i problemi a monte dell’impiego musicale vero e proprio. Così come, alla fine degli Anni 70, gli espositori per tastiere migrarono nell’attuale forma commerciale dei “supporti per tastiera”, abbandonando l’esistenza esclusiva all’interno dei negozi, altre apparecchiature si trovano oggi nel periodo di transizione da “oggetto per gli addetti ai lavori” a “oggetto per la produzione e la pratica musicale”. E’ il caso di Eve Audio PMR 2.10, un Passive Monitor Router particolarmente intelligente nella gestione a prova di idiota.

Di Enrico Cosimi

PMR210-2

Cosa è un Passive Monitor Router? Semplicemente, è un meccanismo che permette di smistare una coppia di sorgenti sonore (anzi, in questo caso, due coppie di segnali audio) alla volta di un certo numero di possibili uscite; il modello 2.10 (come è facile immaginare dalla sigla) offre due coppie di ingressi e dieci coppie di uscite. selezionabili con un remote control.

AKAI presenta MPC X e MPC Live

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Dopo decenni di attesa (non stiamo scherzando), finalmente AKAI si ricorda di quanto fossero potenti, facili, immediate ed epocali le macchine originali della MPC Series concepite insieme a Roger Linn. In un’epoca nella quale non c’erano laptop da sbatacchiare sul palco, la MPC originale offriva sampling percussion oriented, programmazione ritmica, 64 tracce di MIDI su 4 porte indipendenti, sincronizzazione SMPTE per il multitraccia analogico, uscite audio dedicate per i suoni residenti, mixer send/return indipendente, uscita metronomica dedicata (non ha mai funzionato, ma questo è un altro discorso), connettività RS422, salvataggio dati su dischetto. Un paradiso della produzione musicale pronto da afferrare e portare sotto braccio. Poi, è arrivato il laptop che ci hanno trasformati in premitori di barra spaziatrice…

Di Enrico Cosimi

akai-mpc-x-front

Ora, finalmente, dopo una falsa partenza a colpi di remote control per software residenti, AKAI ha spremuto il proprio blasonato e sferragliante know-how per fornire due hardware di produzione completamente stand-alone (ma in grado di lavorare con un laptop esterno a richiesta) con i quali portare la propria musica in giro per il mondo. Ovviamente, i tempi sono cambiati, le aspettative anche. The heritage è quella, fortunatamente.  Di seguito, le prime informazioni sugli apparecchi, che non mancheranno di stordire quanti avranno la fortuna di partecipare alla prossima Winter NAMM tra una decina di giorni.

Modellare il Roland Juno 106 – Quinta parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Tutorial

Chiudiamo l’anno concludendo le parti ancora mancanti della ri-programmazione applicata al Roland Juno 106. Eravamo rimasti alla struttura timbrica quasi completa; ora, è il momento di inserire il meccanismo High Pass e il doppio Chorus selezionabile. Dovremo fare qualche acrobazia…

Di Enrico Cosimi

apertura-5

Il problema più grosso, per ciò che riguarda la sezione HPF, è la sua natura squisitamente monofonica; cioè, un unico filtro passa alto che influenza simultaneamente tutte e sei le voci di polifonia. Per questo motivo, sarà necessario installare i moduli di filtraggio (e anche quelli di Chorus) nella sezione del NMG2 naturalmente dedicata alla monofonia, ovvero la FX Area.

Modellare il Roland Juno 106 – seconda parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Tutorial

Dopo aver passato rapidamente in rassegna le caratteristiche operative del Roland Juno-106, siamo pronti per iniziare la ri-modellazione.

Di Enrico Cosimi

106-dco

Ovviamente, partiremo dalla generazione sonora. L’oscillatore DCO produce quattro segnali simultaneamente: onda rampa, onda impulsiva a simmetria variabile, onda quadra in suboscillazione all’ottava inferiore, rumore bianco.

Modellare il Roland Juno 106 – Prima parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Tutorial

Ogni tanto, è necessario fare esercizio di programmazione prendendo uno strumento qualsiasi e provando a riprogrammarlo nelle sue funzioni principali. Questa volta, è il turno del classico Roland Juno 106, sintetizzatore polifonico (in origine) di fascia medio bassa, oggi assurto a notevole valore commerciale.

Attenzione! Quando diciamo “riprogrammare” una struttura di sintesi, intendiamo “costruire una struttura di sintesi che sia in grado di fare le stesse cose del modello preso in esame”; nulla garantisce che il nuovo strumento suonerà tale e quale all’apparecchio vintage; per questo genere di equivalenze, è sempre necessario procedere ad una fase successiva di confronto A/B.

Di Enrico Cosimi

106-apertura

Come è ormai tradizione, useremo per questo esercizio di ri-programmazione il classico dei classici Clavia Nord Modular G2 (si sarebbe potuto utilizzare anche Reaktor 6.x, ma da un certo punto di vista le cose sarebbero state meno divertenti).