I nuovi modelli Casio Privia e Celviano

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Casio presenta due nuovi pianoforti digitali della serie Casio Privia (PX-760 e PX- 860) e della linea Celviano (AP-260 e AP-460). Grazie al generatore di suoni Multi-dimensional Morphing AiR* Sound Source, Casio continua ulteriormente a migliorare la sua line-up di pianoforti digitali. Novità importanti per tutti questi pianoforti sono le funzioni Concert Play, la tripla pedaliera integrata e il Simulatore Hall.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

CASIO PRIVIA PX-860WE_L_open

 

Il PX-760 è un pianoforte digitale di ultima generazione in grado di riprodurre un suono  tridimensionale come un vero e proprio pianoforte acustico. I suoni vengono supportati dalla tripla pedaliera integrata, che, grazie alle risonanze smorzate (sordina), è in grado di riprodurre tutti i toni in modo assolutamente autentico. La funzione Concert Play, presente in questo pianoforte,permette di esercitarsi con un vero accompagnamento orchestrale.

Teenage Engineering in promozione…

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear

C’è un’interessante promo valida a partire dal 15 Novembre e fino a Natale (o fino ad esaurimento scorte) per Teenage Engineering,  con due bundle che consentono di risparmiare molto sull’acquisto di OP-1.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

TE_facebook cover_BTS main

Ecco tutti i dettagli: 

  • xmas offer #1: OP-1 + gratis le cuffie Urbanears Zinken (valore 100 Euro)
  • xmas offer #2: OP-1 + oplab + oplab case ad un prezzo scontato

OP-1 è uno strumento portatile e compatto con un design estremamente innovativo che integra in un’unica soluzione sintetizzatore, campionatore, controller e tape recorder a 4 tracce. 

Reaktion Sound Deep Time – Tips’n tricks

Written by Antonio Antetomaso on . Posted in Gear, Software, Tutorial

Iniziative come quella di Michele Laneve e Gabriele Achilli, aka il team di Reaktion Sound  vanno sostenute ed incoraggiate dal momento che esse, a mio avviso, sono la prova dell’eccellenza a cui si può arrivare se spinti dalla passione e dalla voglia di creare qualcosa di buono e ben concepito.  Per chi si fosse perso la puntata ad essi dedicata, basterà ricordare che in sintesi questi due ragazzi, forti della loro esperienza con l’ambiente di programmazione Reaktor di Native Instruments, hanno creato due cloni virtuali dei “giocattolini” di casa Doepfer noti con il nome di Dark Energy (synth analogico) e Dark Time (step sequencer analogico).

Di Antonio Antetomaso

COPERTINA

E, icing on the cake, hanno offerto il primo “free of charge”, mentre il secondo ad una cifra simbolica di 19 euro, cifra che poi salirà all’altrettanto simbolico valore di 29 euro a fine novembre. Si poteva mai resistere dal mettere le mani sopra le loro creazioni? Ma figuriamoci. Ragion per cui, mano al portafogli virtuale, ho acquistato il Deep Time, onde poterlo saggiare con mano.

Ricostruirsi un sintetizzatore introvabile

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

La rete è bella perché è varia… Tra le migliaia di pagine inutili, andando a caccia di notizie e informazioni attinenti alla sintesi del suono può capitare di imbattersi in autentiche miniere di entusiasmo e competenza, come quella di Zeitdehner, dove – tra le tante cose – è raccontato l’assemblaggio di un sint analogico in grado di non far rimpiangere le prestazioni del vecchio EMS VCS-3.

Di Enrico Cosimi

Schermata 11-2456978 alle 17.33.35

L’idea in se è affascinante: usare moduli Euro Rack scegliendo i circuiti più adatti a riprodurre – almeno teoricamente – tutte le funzionalità ottenibili con una vecchia macchina ormai inavvicinabile (per prezzo e rarità). Come è facile immaginare, oltre a scegliere con consapevolezza (cioè, conoscendo cosa può effettivamente fare la macchina originale), occorre anche che quei determinati circuiti siano disponibili e riprodotti da qualche altro fabbricante.
Per fortuna, tanto EMS quanto Buchla (ma anche Serge, in tempi ancora più recenti) sono stati oggetto d’ispirazione per parecchi costruttori che, in molti casi, hanno realizzato vere e proprie clonazioni su licenza.

Casperelectronics Drone Lab V2

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Drone Department, Gear

Il nostro interesse per la Drone Music è noto ai più; altrettanto nota è la relativa scarsità di apparecchi appositamente concepiti per questo tipo di musica che è fatto con poco e richiede notevoli doti di auto disciplina per la sua organizzazione. Per questo motivo, abbiamo ripescato dagli archivi di tempi migliori un interessante progetto DIY che anche solo per l’impostazione merita qualche ragionamento. Magari non siete portati alla costruzione autonoma, ma sarà sempre possibile prendere ispirazione dalle funzioni offerte dal Drone Lab V2 per realizzare qualcosa di simile in ambiente virtuale.

Di Enrico Cosimi

drone lab 2

Il Drone Lab V2 proposto da Casperelectronics è un meccanismo a quattro oscillatori indipendenti, regolabili in intonazione e in parametri aggiuntivi, con interessanti soluzioni che favoriscono l’interazione e la creazione di timbriche stratificate.

Nord Mellotron Master Tapes

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear, Software

Nord Keyboard – aka Clavia – annuncia, con il giusto orgoglio, il recupero dei Master Tape usati per realizzare, nei lontani Anni 60, la sound library del Mellotron. La libreria originale è ora disponibile in formato digitalizzato per tutti gli strumenti Nord che possiedono un’area RAM caricabile/organizzabile dall’utente.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

mellotron clavia

In molti casi, si tratta di file audio non più disponibili da molto tempo, sviluppati per clienti del calibro di Yes, Roxy Music, Black Sabbath, Tangerine Dream e altri nomi dello stesso calibro. In aggiunta ai suoni puri, la nuova acquisizione ha portato in luce anche tutti i Rhythm and Fills originariamente registrati per poter essere poi triggerati sulla singola nota.

Analogue Solutions Nyborg-12

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Il nuovo strumento di Tom Carpenter strizza l’occhio al precedente Semblance, estraendo l’indispensabile per un’implementazione timbrica analogicamente corretta. Nyborg-12, questo il nome dell’apparecchio, è concepito per lavorare stand alone, per essere accoppiato in bifonia o pluri affiancato in quadrifonia, con possibilità di montaggio (in coppia) rack e alloggiamento predisposto con fianchetti in legno che – come tutti ben sanno – scaldano il suono… :-D :-D

Di Enrico Cosimi

nyborg

L’apparecchio possiede due oscillatori audio indipendenti per intonazione (fine e ottava) e scelta della forma d’onda. L’architettura mediata dal Semblance (a sua volta, mediata dal SEM Oberheim) privilegia i doppi percorsi di modulazione gestibili con attenuatore-crossfader a zero centrale; in questo modo, si può mandare il controllo sulla frequenza o sulla simmetria dell’onda quadra avendo cura di scegliere – per ciascun oscillatore – una sorgente di controllo diversa.

Ma il mixer analogico serve ancora?

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Recording, Tutorial

Sottotitolo: quando si ha una scheda audio? Il dubbio è meno peregrino di quanto si possa pensare e, prima o poi, assale chiunque produca musica elettronica principalmente attraverso un’interfaccia audio multicanale (ma non troppo) collegata al proprio PC. Come al solito, la risposta più corretta è: dipende…

Di Enrico Cosimi

Schermata 11-2456968 alle 12.25.48

Dipende da tante cose: il tipo di interfaccia audio e il numero di canali simultaneamente disponibili in ingresso/uscita, il tipo di produzione che si vuole mettere in piedi (con o senza strumenti musicali esterni), il tipo di mixer analogico che si vuole collegare all’interfaccia. Anticamente, quando i dinosauri analogici regnavano sulla terra, il mixer era già oggetto di discussione per la differenza fondamentale tra le sue due possibili configurazioni: mixer recording e mixer da live. Il primo tipo era quello più adatto per gestire la registrazione multitraccia e, ancora oggi, risulta quello più comodo per indirizzare i segnali verso le diverse porte d’ingresso presenti nell’interfaccia audio; il secondo tipo era (ed è) quello più semplice, più economico e più diffuso sul pianeta. Per questo motivo, oggi, occorre imparare a fare i salti mortali adattando la propria metodologia di lavoro al limite del mixer live.

Mode Machines DT200 V2

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

In un periodo di ripescaggio scientifico delle vecchie apparecchiature analogiche, può essere utile (e confortante) sapere che c’è chi scava nicchie di mercato per tenere viva la possibilità di usare al meglio antichi strumenti altrimenti difficili da mantenere attivi. E’ il caso di Mode Machines, che affianca alla produzione di hardware originali, una linea di apparecchi pensati per supplire a vecchi controller ormai non più disponibili.

Di Enrico Cosimi

DT200_800px

Il Programmer DT200 V2 è la sostituzione esatta e fedele del vecchio hardware Roland con il quale si potevano editare le timbriche residenti nei polifonici JX-3P a tastiera e MKS-30 a rack; due macchine dalle prestazioni interessanti, in grado di offrire (a colpi di DCO) suoni profondi o metallici, a seconda delle necessità.

Dynaudio BM Compact mkIII

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Recording

BM Compact mkIII è un monitor near field di piccolo formato che sfrutta approfonditamente tutta l’esperienza Dynaudio nelle realizzazioni professionali. Utilizza un amplificatore D-Class (qualcuno lo chiama digital amplifier…) ed è dotata di un sofisticato sistema di sospensione acustica ISO-L8R155 per il disaccoppiamento meccanico e la corretta angolazione.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

bm5-compact-mkiii

Il woofer utilizzato è da 5.7 pollici, il tweeter è da 1.1 pollici, tutti e due con voice coil in alluminio. Le connessioni sono in formato RCA e XLR. La potenza generata dal sistema di biamplificazione interno copre 50 watt per le basse e altre 50 watt per le acute; la pressione sonora dichiarata è pari a 116 dB, con risposta in frequenza pari a 49-24000 Hz.