KORG Nu:Tekt NTS-1

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

In origine era il KORG Monotron: facile, leggerissimo, da portare nel taschino senza sgualcire la pochette, con un suono che – se amplificato opportunamente – poteva convincere più di uno scettico. Poi, è stato il Prologue, con il suo oscillatore digitale configurabile attraverso una scelta di algoritmi liberamente programmabili. Oggi, è il momento di NTS-1, una versione on steroids del sintetizzatore KORG minimo, assemblabile dall’utente e personalizzabile come contenuti.

Di Enrico Cosimi

1

A differenza dei precedenti synth toys, questa volta la connettività audio e di controllo non nega possibili implementazioni all’interno di network prosumer o professionali. Insomma, vale la pena di aspettarlo al varco… Di seguito, qualche informazione ancora preliminare.

Arturia Keystep Firmware Update 1.1

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Software

Probabilmente, da sempre la più popolare tastiera di controllo MIDI/USB/CV-Gate, Arturia Keystep è oggi interessata da un significativo Firmware Upgrade 1.1 che aggiunge nuove funzioni. Come è facile immaginare, anche il MIDI Control Center è stato aggiornato per gestire i nuovi parametri e – come al solito in ambiente Mac – la procedura di aggiornamento non è tra le più immediate… Sia come sia, dopo aver portato a buon fine il trasferimento firmware, eccoci pronti a vedere cosa c’è di nuovo e a rinfrescare il comportamento degli altri parametri.

Di Enrico Cosimi

KeyStep Apertura

Le nuove caratteristiche del Firmware Upgrade 1.1 comprendono:

  • un nuovo sistema per impostare velocemente la lunghezza in step della sequenza che deve essere programmata; si usano i primi 16 tasti funzione per definire la lunghezza in passi della sequenza; basta usare il tasto REC insieme alle prime 16 note della tastiera…
  • la KeyStep può ora essere armata per predisporsi alla ricezione del clock esterno e partire con ancora maggior velocità di reazione;
  • l’escursione del clock interno è regolabile in passi da +/-1 BMP usando il tasto Shift; in questo modo, si avanza più fluidamente fino al raggiungimento della velocità desiderata;
  • si possono aggiungere o togliere ottave di rivolto/range all’arpeggiatore (da 1 a 4) usando Shift + tasti ottava;
  • ci sono due nuovi motori di randomizzazione – selezionabili via MIDI Control Center – per scompaginare con diversi algoritmi i dati programmati in precedenza;
  • tutte le nuove funzioni trovano posto nell’aggiornamento del MIDI Control Center;
  • è possibile regolare l’intensità luminosa dei tastoni LED presenti sulla plancia comandi della KeyStep; se suonate su palchi poco illuminati e non volete essere abbagliati, il nuovo comando vi salverà la vita;
  • anche il manuale utente è stato aggiornato ed è liberamente scaricabile.

Andiamo per ordine

UDO Super 6

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Il Super 6 è un sintetizzatore a 12 voci polifonic Binaurale Analog-Hybrid. L’armonioso matrimonio di oscillatori FPGA digitali allo stato dell’arte con tecnologia analogica in Controllo di Voltaggio. È flessibile, immediato, potente e raffinato, con un eccellente suono analogico. Tessiture ricche e progressive sono facilmente ottenibili grazie all’esclusivo core Super-Wavetable e il suono può essere manipolato nel percorso audio binaurale analogico grazie alle flessibili modulazioni disponibili. Robusto e compato, lo strumento è un invito ad andare in giro per suonare con controlli morbidi e sensibili che chiedono di essere usati.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

 udo blu angled

Informazioni in breve

  • 12-Voice Polyphonic Analog-Hybrid Synthesizer
  • 4 Octave Fatar Keyboard with Velocity and Aftertouch, Expression and Sustain
  • Binaural Analog Signal Path for Stereo Movement and Spatial Effects
  • 7-core Super-Wavetable Main Oscillator with Waveform Download
  • DDS Oscillator 2 with FM, Sync, Sub Oscillator and X-Fade Modes
  • Flexible Hybrid FPGA & Analog Voice Architecture
  • Robustly Built with Solid, Playable Controls
  • Multi-purpose Flexible LFOs, Envelopes & Modulation Matrix
  • Arpeggiator & Step Sequencer
  • External Audio Input with Audio Trigger
  • Dual Stereo 24-bit Digital Effects

Gamechanger Audio Motor Synth

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Dopo aver fatto battere velocemente più di un cuore con il Plasma Pedal, ora Gamechanger presenta un interessante Motor Synth. È un sintetizzatore elettromeccanico che riprende buona parte delle soluzioni originalmente concepite da Yvgeni Sholpo alla metà del secolo scorso. La produzione sonora è affidata a dei dischi rotanti sui quali sono state fotoincise – in cerchi concentrici – i profili delle tre principali forme d’onda analogiche; otto motori passo passo mettono in rotazione i dischi che, con la rotazione della grafica sovra impressa, generano un profilo successivamente convertito in frequenza.

Schermata 2019-05-15 alle 11.58.15

Di Enrico Cosimi

Gli otto motori mettono in rotazione altrettanti dischi, su velocità rpm indipendenti; è possibile organizzarli in due unità timbriche indipendenti, ciascuna delle quali può eseguire con buona immediatezza quattro note diverse (ciascuna nota, se necessario, può produrre due timbri diversi indipendenti).

Novation Summit Polyphonic Synthesizer

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

C’era ovviamente da aspettarselo, dopo il successo di Peak… Il nuovo Summit  – nomen omen – riprende la struttura di sintesi del tabletop basato su FPGA e la espande con approccio quantitativo assai interessante. Summit lavora in bitimbricità – otto più otto voci – sotto controllo di una tastiera sensibile a dinamica e aftertouch lunga cinque ottave. Sapendo già usare Peak, non dovrebbe essere difficile domare il nuovo strumento. Di seguito, poche indicazioni che siamo stati autorizzati a far circolare sul nuovo apparecchio.

Di Enrico Cosimi

Schermata 2019-05-07 alle 12.49.29

Summit ha architettura a 16 voci organizzabili in due blocchi timbrici indipendenti da otto voci cadauno; questi possono essere usati in modo globale, split, layer per omogeneità o bitimbricità a discrezione del musicista. Ciascuna parte assegna le voci in round robin polifonico, recuperando le note suonate da più tempo; se l’apparecchio è in layer, le voci 1-8 sono sovrapposte alle voci 9-16. Sono previsti interruttori di pannello dedicati alla sintonizzazione dei comandi sull’editing della parte timbrica desiderata.

IK Multimedia presenta UNO Drum analog/PCM drum machine

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear

IK Multimedia presenta UNO® Drum, l’ultima novità della sua serie UNO. Progettata in collaborazione con gli specialisti italiani del suono analogico Soundmachines – lo stesso team con cui ha sviluppato l’acclamato UNO® Synth – UNO Drum offre un’ampia gamma di suoni che combinano suoni analogici fat e punchy con la flessibilità e comodità del digitale. Un’ampia selezione di funzioni e controlli di programmazione per performance dal vivo rendono semplice per musicisti, produttori e DJ l’aggiunta di potenti groove di batteria alla loro musica. La compattezza di UNO Drum, l’alimentazione a batteria e il prezzo conveniente ne fanno lo strumento ideale per la creazione e performance di musica in mobilità.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Schermata 2019-05-07 alle 10.42.56

Suono analogico e flessibilità PCM

Sei suoni analogici di batteria caldi, ricchi e reali – due differenti kick drum più rullanti, clap e hi-hat – formano il kit centrale ed essenziale per realizzare ricchi beat analogici. Gli elementi PCM addizionali (con 54 campioni tra cui scegliere) espandono la possibilità di utilizzare altri suoni. Questi elementi includono tom, rim, cowbell, piatti ride e crash per realizzare tracce ritmiche complesse, uniche e ricche. Possono essere utilizzati fino a 12 elementi, tra analogici e digitali, con la disponibilità di una polifonia a 11 voci. Gli elementi analogici e digitali possono essere liberamente scambiati per ottenere possibilità sonore che vanno oltre alle combinazioni dei pre-set. Insieme, i suoni analogici e PCM, possono essere utilizzati per la maggior parte dei generi musicali e in un’ampia varietà di situazioni live.

All’interno dei 100 pre-set completamente programmabili di kit e pattern di UNO Drum è disponibile una vasta gamma di elementi di batteria. Per gli utilizzatori è quindi facile e veloce trovare un kit che li ispiri a sperimentare o trovare le impostazioni per realizzare il groove perfetto. Tutti i suoni, inoltre, possono essere salvati e richiamati al volo.

Solid State Logic SiX, l’anello che mancava – Parte Prima

Written by Emiliano Girolami on . Posted in Gear, Recording

 

Solid State Logic (SSL per semplificare) costruisce console super-professionali dal 1969. Da allora sono circa 3000 i clienti che si sono avvalsi del brand per attrezzare i loro studi.

Fondata da Colin Sanders e passata per le mani di Peter Gabriel, l’azienda è attualmente proprietà del gruppo Audiotronix, una multinazionale dell’estremo oriente che possiede anche altri marchi di prestigio (Allen&Heath, Calrec, DiGiGrid, DiGiCo tra questi). Gabriel ci risulta ancora in possesso di una quota minoritaria del pacchetto azionario.

di Emiliano Girolami

La nuova proprietà ha mantenuto il target di SSL UK allargando contemporaneamente la produzione a fabbriche proprietarie di alto rango situate, indovinate un po’, in Cina.

SiX

La mossa consente di muoversi su due fronti a tutto vantaggio dei clienti. Da una parte l’ovvia riduzione dei prezzi e, dall’altra, la possibilità di sviluppare chip specificamente disegnati per le esigenze della casa. Tutto questo mantenendo la qualità inalterata come vedremo tra poco.

Moog Matriarch

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear

Moog Matriarch è un sintetizzatore parafonico a 4 voci con percorso audio completamente analogico dotato di Sequencer di bordo, Arpeggiatore, filtro Ladder stereofonico e Analog Delay stereofonico. E’ possibile creare da subito pattern e accordi di grande spessore timbrico senza ricorrere ad alcuna forma di patching, o si può costruire tessiture, suoni e comportamenti imprevediili attraverso i 90 punti patch previsti dall’architettura semi modulare di Matriarch. Lo strumento si basa pesantemente sull’architettura circuitale del Moog Modular e rappresenta un deciso passo in avanti per la programmazione a multi dimensione espressiva.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Schermata 2019-04-24 alle 13.38.39

Matriarch è un sintetizzatore analogico concepito per enfetizzare l’immaginazione del musicista; ad oggi, rappresenta il pinnacolo delle architetture semi-modulari targate Moog. L’architettura patchable di Matriarch garantisce un comportamento praticamente infinito relativo a programmazione, sperimentazione, performance.

Moon Modular 528 Sample And Hold

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Tra i primi ri-costruttori di moduli in formato 5U, Moon Modular ha da tempo stabilito uno standard di elevata operatività che coincide con una notevole intelligenza nella scelta delle funzioni offerte. Il modulo 528 Sample & Hold non fa eccezione.

Di Enrico Cosimi

moon modular 528-142

Il modulo ospita il consueto corredo di circuiti necessari a rendere operativo il Sample & Hold (quindi, condensatore di cattura, LFO per generare clock e noise generator per fornire materiale da campionare) con una significativa disponibilità simultanea per tutti i comportamenti normalmente “risparmiati” dagli altri costruttori. In questo modo, si può lavorare con il Sample & Hold, gestire il White/Pink Noise Generator, clockare il segnale con eventuali sorgenti esterne o usare il generatore di clock interno, sfruttare il modulo LFO/clock interno per produrre onde triangolari e quadra adatte alle modulazioni di altri parametri del sintetizzatore. Il tutto dentro una singola unità di ingombro nel formato 5U.

ga('send', 'pageview');