Mutable Instruments Plaits

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Dopo aver tolto dal catalogo il macro oscilllator Braids, Mutable Instruments non poteva lasciare a lungo sguarnito quel determinato settore di mercato e, prontamente, ha realizzato una versione ottimizzata, snellita e potenziata, del potente oscillatore versatile.

Di Enrico Cosimi

Schermata 2018-04-01 alle 20.03.52

Plaits, il nuovo modulo, è un oscillatore digitale che contiene otto più otto modelli di sintesi differenziati per campi di applicazione; i primi otto modelli sono concentrati sulla riproduzione di meccanismi fondamentali della sintesi “intonata” e gli otto modelli successivi sono dedicati alla generazione di comportamenti a vocazione maggiormente percussiva.

L’interfaccia utente è semplificata, con soli quattro comandi di pannello (Frequency, Timbre, Harmonics e Morph); dall’esterno, il musicista può controllare l’intonazione V/Oct, innescare le timbriche percussive (o, con gli altri modelli, far partire la simulazione Vactrol LP e VCA), regolare il livello di uscita, scegliere il modello timbrico (il vecchio Meta-Mode dell’oscillatore precedente), dosare la quantità di Harmonics e controllare, attraverso attenuverter, la gestione a distanza di Timbre, FM e Morph.  Il circuito è dotato di un’uscita monoaurale OUT e di una connessione AUX che cambia funzione in base al modello selezionato.

Come per il precedente Braids, la cosa più difficile è ricordare tutto quello che è disponibile all’interno del modulo; per il resto, il funzionamento non crea grossi problemi.

Warm Audio WA47 – Microfono a valvole

Written by Emiliano Girolami on . Posted in Gear, Recording

Warm Audio ci ha ormai abituati alla riproposizione di classici della elaborazione audio che, pur rimanendo fedeli ai modelli di riferimento, integrano funzionalità e form factor più moderni.  Questa volta è il turno dello WA47. Un microfono che, almeno nella forma, fa riferimendo al superclassico Neumann U47. Questo è universalmente riconosciuto essere il Santo Graal per le riprese di voci e strumenti e, da questo punto di vista, l’operazione di Warm Audio sembra essere non priva di ambizione.

di Emiliano Girolami

WoodenBox

Anche questa volta ci siamo avvalsi della preziosa collaborazione di Midiware (https://midiware.com/ ) che ci ha lasciato un WA47 per tutto il tempo necessario al test.

Teknosign Gain – Preamplificatore microfonico

Written by Emiliano Girolami on . Posted in Gear, Recording

Teknosign () è una azienda italiana sul mercato dell’audio dal 2011. I due fondatori (Claudio Furno e Riccardo Angeletti) si conoscono, però, da molto prima. La loro esperienza spazia dalla musica in quanto tale all’elettronica professionale in senso stretto. È inevitabile, perciò, che i dispositivi in catalogo si pongano l’obiettivo di coniugare musicalità e tecnologia allo stato dell’arte.

di Emiliano Girolami

TeknosignFront

Grazie alla preziosa collaborazione di Midiware, abbiamo avuto la possibilità di passare un po’ di tempo con il doppio preamp microfonico denominato (senza sforzo eccessivo di fantasia, in verità) Gain.

Strymon Magneto

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Strymon è uno di quei (pochi) marchi che riesce a far battere velocemente il cuore tanto ai chitarristi quanto ai tastieristi e ai musicisti elettronici; forti di una numerosa collezione di effetti raffinati, dettagliati e costruiti con la robustezza di un carro armato, trovano posto nei rig di musicisti sparsi su tutto il pianeta. Oggi, dopo un annuncio che data ormai allo scorso anno, vede la luce l’esordio Euro Rack di Strymon con il nuovo modulo Magneto, un emulatore realizzato con il potente algoritmo dTape per gestire tape delay multi testina, loop e altre piacevolezze.

Di Enrico Cosimi

magneto_800

Magneto Four Head dTape Echo & Looper (questo il nome completo) è un piccolo parco giochi con il quale realizzare stereo multi head tape delay, looper, sampler, spring reverb vintage, clock multiplier/generator in perfetta coerenza di fase, chaotic oscillator, sub oscillator, armonizzazione

Vermona randomRHYTHM in profondità

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Abbiamo avuto modo di lavorare per qualche giorno con il potente gestore di eventi Vermona randomRHYTHM e, ora che la polvere si è depositata, possiamo analizzare con maggior chiarezza il suo funzionamento e i suoi (eccellenti) comportamenti all’interno della struttura Euro Rack.

Di Enrico Cosimi

vemona randomRHYTHM 700

Ricordiamo, per quanti avessero perso la puntata di  presentazione, che randomRHYTHM è un gestore di Clock/generatore di eventi ritmici su base probabilistica: il musiicista può decidere che peso possono avere, nel ritmo generato, eventi ai quarti, agli ottavi, ai sedicesimi o con andamento terzinato. Come è facile immaginare, dosando con accuratezza le diverse deinsità, diventa facile generare flussi ritmici che – opportunamente collegati a sequencer, arpeggiatori o a semplici articolazioni di inviluppo – rendono meno statico e più affascinante l’ascolto.

Arturia Minibrute 2 – Terza parte. Il modello MiniBrute 2S

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Ora, è il momento di affrontare il più complesso sistema proposto con MiniBrute 2S, versione senza tastiera che prende in prestito parecchie cose dalle funzioni di arpeggio/sequencing già implementate nel BeatStep Pro.

Di Enrico Cosimi

MiniBrute 2S 700

Dopo il consueto, triplice, ringraziamento a Midiware, esordiamo mettendo le mani avanti: le funzioni incarnate nello Step Sequencer sono molto complesse e articolate. Paradossalmente, è più facile imparare a usare il motore di sintesi che tutti gli automatismi di gestioni previsti per le quattro tracce parallele. Come al solito, un sano periodo di apprendistato, oltre che la lettura del completo manuale utente, faciliteranno le cose.

Arturia MiniBrute 2 – Seconda parte. Il Sequencer

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Abbiamo visto il funzionamento del sintetizzatore compreso nel cabinet MiniBrute 2, ci siamo rassicurati al pensiero che le stesse funzioni sono reperibili nel modello MiniBrute 2S. Ora, è il momento di affrontare il primo grande blocco di differenze tra i due modelli, relativi ai comportamenti di sequenza – strettamente imparentati con il precedente modello KeyStep – incarnati nel sintetizzatore a tastiera.

Di Enrico Cosimi

Schermata 2018-02-18 alle 12.06.32 Schermata 2018-02-18 alle 12.06.32

La doppia illustrazione dovrebbe ricordarci che ci troviamo di fronte a una seconda puntata, quindi andatevi a rileggere anche la prima e – strada facendo – ringraziate come di consueto Midiware per la cortesia dimostrata.

Arturia MiniBrute 2/2S – Prima parte. Il motore di sintesi

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Dopo un lungo periodo di attesa, e dopo i consueti leak di notizie preliminari, sono finalmente arrivati i nuovi strumenti targati Arturia, pesantemente sbilanciati sul versante del comportamento semi-modulare, con l’ormai consueta disposizione controlli a sinistra e patchbay a destra della plancia comandi. Nel ringraziare Midiware che, come di consueto, colpisce secco e duro con disponibilità e differenziazione dell’offerta, non potevamo farci scappare l’occasione di un bel giro sopra i nuovi apparecchi. Stiamo parlando di due versioni del sintetizzatore, rispettivamente MiniBrute 2 MiniBrute 2S differenziate per presenza della tastiera e integrazione di funzioni sequencer/arpeggio prese in prestito da KeyStep o da BeatStep Pro; in più, c’è una famiglia di due possibili cabinet Euro Rack, RackBrute, che permettono l’integrazione elettromeccanica con le funzioni di pannello predisposte nella patchbay.

Di Enrico Cosimi

Schermata 2018-02-18 alle 12.06.32

La materia da trattare è parecchia, quindi – cercando di mantenere una regolare cadenza sull’uscita delle singole parti – saremo costretti ad affrontare il tutto dividendolo in:

  • struttura di sintesi e funzioni di generazione/controllo/patching comuni ai due modelli MB2/MB2S
  • struttura di sequencer/arpeggio nel modello MiniBrute 2
  • struttura di sequencer/arpeggio nel modello MiniBrute 2S
  • funzioni meccaniche ottenibili con la famiglia dei cabinet Euro Rack RackBrute.

Insomma, c’è parecchia carne al fuoco.

Pittsburgh Modular Microvolt 3900

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Nella tradizione dei sistemi semi-modulari a struttura ibrida già collaudata con MakeNoise 0-Coast, Microvolt 3900 si impone per la scelta dei moduli e dei comportamenti circuitali che raccolgono il meglio delle due “scuole di pensiero” East e West Coast.

Di Enrico Cosimi

microvolt+left+angle 2

L’apparecchio ospita un oscillatore audio con doppio VCA integrato e generazione multpla di forme d’onda, con filtro binary in grado di auto oscillare; con la sezione dynamic VCA, è possibile sottrarre o restituire armoniche al segnale.  A differenza di un amplificatore tradizionale, che agisce solo sul livello del segnale, il dynamic VCA sviluppato da Pittsburgh Modular interviene anche sul contenuto armonico, che viene variato parallelamente alle modifiche sul livello – in modo, quindi, del tutto simile a quanto accade negli strumenti acustici.

RND 535 e 551 ovvero il suono Shelford per la serie 500

Written by Emiliano Girolami on . Posted in Gear, Recording

Rupert Neve Designs (RND) è una azienda americana che produce componenti high end per l’elaborazione di segnali audio. Come si evince dal nome, si avvale della collaborazione di Rupert Neve che non ha bisogno di presentazioni. I prodotti RND sono importati in Italia da Midiware.

di Emiliano Girolami

535-compressor

La serie Shelford è costituita da un gruppo di processori che hanno come riferimento il suono vintage degli inizi di carriera del nostro Rupert utilizzando, però, tutti i progressi della tecnologia degli ultimi 40 anni. Il risultato è un connubio tra suono Neve e operatività moderna.

ga('send', 'pageview');