Quattro workshop Solid State Logic

Written by Enrico Cosimi on . Posted in no-categoria

Solid State Logic in collaborazione con MidiWare mette in cantiene quattro workshop gratuiti dedicati ai sommatori Solid State Logic, XL-Desk e alle altre soluzioni SSL per l’audio professionale.   

A cura  della Redazione di Audio Central Magazine      

Schermata 03-2457451 alle 11.55.42
Si tratta di un’opportunità unica: vedere, toccare ed ascoltare il salto di qualità che la tecnologia SSL può rappresentare per lo studio. Gli ‘SSL Studio Workshops’ rappresentano un’ottima occasione per incontrare professionisti e appassionati, condividere esperienze e tecniche di lavorazione e rafforzare le community locali.

Bus Driver: comprimere e saturare. Con stile.

Written by Jacopo Mordenti on . Posted in no-categoria, Software, Tutorial

Appena qualche giorno fa Nomad Factory ha rilasciato gratuitamente – benché per un periodo limitato – Bus Driver, un compressore ottico in formato VST che, per certi versi, può essere inteso come parte del testamento professionale di Bernie Torelli.

Di Jacopo Mordenti

 

nomad

Lo sviluppatore a capo dell’azienda che, negli anni, ha sfornato diversi plugin fra emulazioni e progetti originali – magari grandi nel risultato ma piccoli nel prezzo, anche grazie alle occasionali campagne sconto di Don’t Crack – ha perso la sua lunga, personale battaglia contro il cancro, ma ha voluto ripagare la vicinanza mostratagli da tanti utenti nel corso della malattia con un ultimo prodotto accessibile a tutti.

Electro Harmonix Crash pad

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, no-categoria

Electro Harmonix non è nuova agli exploit di tipo percussivo. Questa volta, complice la tecnologia compiacente (per integrazione, miniaturizzazione e tenuta operativa), si è pensato di recuperare il classico modo di generare timbriche per cluster armonici di noise generator o oscillatori accordati, fornendo all’utente un meccanismo di generazione e trattamento per eventuali segnali esterni.

Di Enrico Cosimi

crash-pad

Il Crash Pad permette la creazione di sonorità ad impatto percussivo regolabili in volume di uscita, decadimento di ampiezza elongabile fino a 6 secondi di durata, presenza di Resonance (caratterizzazione per formanti di filtraggio) e andamento Sweep articolato nei classici parametri EHX di Frequency Start, Frequency End e Travel Time. In questo modo, il suono può essere fatto chiudere più o meno velocemente dopo aver definito uno Start di posizione superiore allo Stop (ma è possibile anche fare il contrario…); le due escursioni sono comprese tra 250 e 7500 Hz; la velocità di spostamento può essere dosata tra 40 millisecondi e 4 secondi.

Eventuali segnali audio esterni possono essere filtrati nel complesso meccanismo di filtraggio low pass di trattamento e arricchiti attraverso controllo Resonance; il comportamento di articolazione volume/filtraggio è innescato attraverso trigger button sulla plancia dell’apparecchio o con un impulso di Trig collegato alla porta External Trig (va bene praticamente qualsiasi tipo di impulso elettrico compreso tra 3 e 15V unipolari o tra +/-3 e +/-8V bipolari). Lo sweep del filtro può essere gestito dinamicamente attraverso la porta Expression Pedal con connettore TRS; con un DIP switch interno, si può disabilitare l’inviluppo di ampiezza e tenere il volume sempre aperto per processare eventuali segnali esterni.

Qui, ulteriori informazioni.

Roland Boutique Series – Il sequencer di bordo

Written by Enrico Cosimi on . Posted in no-categoria

Nelle tre macchinette, c’è un sequencer step che può essere usato per programmare fino a 16 pattern diversi. Ciascun apparecchio ha il proprio corredo di parametri personalizzato in base alle caratteristiche serigrafie di pannello, ma il meccanismo operativo è sempre lo stesso.

Di Enrico Cosimi

Schermata 10-2457300 alle 20.21.16

Non essendo questa la sede per riscrivere i manuali di bordo, ci limiteremo a riportare i comandi facendo riferimento al pannello del JU-06 (nel caso dei due apparecchi JX e JP, il nome dei tastini da premere in stile shift potrebbe cambiare).

Intervista a (un) Invisibile Unicorno Rosa

Written by Antonio Antetomaso on . Posted in no-categoria

Un gruppo di tre amici, tanta passione e molta originalità è quanto si avverte nel primo sforzo del gruppo “Invisibile Unicorno Rosa” dal titolo “Tipo un flusso di coscienza”. Lanciamoci alla scoperta di questo interessante lavoro con una intervista a Jacopo Mordenti, tastierista e arrangiatore della band.

Di Antonio Antetomaso

COPERTINA

Allora ragazzi, rompiamo subito il ghiaccio partendo dalla domanda che forse tutti i lettori si staranno ponendo iniziando a leggere queste righe: nome del gruppo assolutamente singolare e “fuori dalle righe”; perchè? Da dove viene?

Molto prima che un gruppo musicale, l’Invisibile Unicorno Rosa è una divinità satirica creata per portare alla luce le contraddizioni del teismo: il metodo e gli argomenti alla base di questo pseudo-culto sono logicamente e dialetticamente solidi, ma conducono di fatto a risultati esilaranti. Già qualche anno fa mia moglie mi aveva raccontato – divertita – di questo equilibrio fra solidità intellettuale e leggerezza comunicativa: un equilibrio che mi è appunto tornato in mente mentre eravamo alla ricerca di un nome efficace per il gruppo.

iceGear Lorentz Polyphonic Synthesizer

Written by Attilio De Simone on . Posted in no-categoria, Software

Dallo sviluppatore degli ottimi synth per ipad Cassini (un synth mono-polifonico con una ricchissima matrice di modulazione) Laplace (synth basato sulla sintesi resonator) arriva il polifonico Lorentz sempre per piattaforma ipad ios 8. Lorentz si ispira ai classici giapponesi (come lo sviluppatore di iceGear, Satoshi) degli anni ’80: la famiglia dei Roland Juno (60 e 106).

di Attilio De Simone
 lorentz 1
Premettiamo che Lorentz, pur riprendendo la struttura di base dello strumento Roland, implementa degli elementi aggiuntivi che ne espandono le possibilità espressive.

Behringer rilascia X AIR per Android App 1.21

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear, no-categoria, Recording, Software

Rilasciata praticamente ieri la Android App con la quale controllare il sistema X AIR Digital Mixer in tutte le sue funzioni.  X AIR 1.21 permette la gestione a distanza dei modelli X18, XR18, XR16 e XR12. L’interfaccia utente è configurabile sia per l’accesso semplificato che per un livello di utenza esperto.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Schermata 06-2457177 alle 11.59.05

 

In questo modo, diventa facile gestire i 18 canali in ingresso, i 12 bus di assegnazione, i 4 processori effetti interni direttamente desunti dal motore X32.

Patchblocks

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in no-categoria

MidiWare annuncia un nuovo accordo di distribuzione con il marchio Patchblocks. Considerata come una delle più interessanti novità presentate al Musikmesse di Francoforte 2015, Patchblocks è un sistema per la sintesi modulare e il processamento di segnale interamente programmabile, che consente di decidere via software che tipo di comportamento dovrà avere l’hardware in dotazione.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Schermata 05-2457169 alle 18.33.56

Con una qualità sonora elevatissima, il sistema si presenta sotto forma di singoli blocchi che si possono combinare tra loro e che, in base ad un semplicissimo software in dotazione, possono diventare di volta dei generatori o dei processori di suono.

Roland SYSTEM-1m Plug-Out Synthesizer Module

Written by Enrico Cosimi on . Posted in no-categoria

In questo ultimo MusikMesse, Roland ha messo a segno tre colpi assai ben diretti; ce ne occuperemo approfonditamente nel corso della stagione… Per ora, passiamo in rassegna quello più colorato: la versione Euro Rack compatibile e semi modulare del potente SYSTEM-1.

Di Enrico Cosimi

Schermata 04-2457139 alle 13.25.46

Il SYSTEM-1m è un sintetizzatore semi modulare che rispetta tutte le possibilità plug-out presenti nel precedente modello a tastiera (può quindi caricare istruzioni per funzionare come SH-101, ProMars, Juno60 e tanti altri strumenti storici Roland appositamente modellati e disponibili tanto in versione plug-in sulle tradizionali DAW quanto – appunto – in plug-out per l’apparecchio in questione).  L’apparecchio può essere usato, indifferentemente, dopo essere alloggiato in un cabint (occupa 84 unità Euro Rack di ingombro), come table-top o come montaggio in rack 19” standard.

Darklight IIx – il Fairlight CMI di UVI – prima parte

Written by Antonio Antetomaso on . Posted in no-categoria, Software

Chi segue i miei articoli da un po’ su Audio Central Magazine avrà notato una mia certa “simpatia” (azzardando un eufemismo) per il campionatore Fairlight CMI ideato e realizzato da Peter Vogel e Kim Riye nel 1979 e diventato ben presto una delle icone della musica anni ‘80.

Di Antonio Antetomaso

COPERTINA

Lo stato dell’arte odierno in merito alle emulazioni software di strumenti elettronici vintage, ha consentito l’uscita sul mercato di diverse emulazioni davvero ben riuscite di questo meraviglioso strumento, per lo più consistenti in librerie di campionamenti. Fa eccezione un’app per iPad concepita dalla stessa Peter Vogel Instruments Inc., la CMI app, in versione gratuita e pro.