Arturia SEM V: il piccoletto mena!

Written by Jacopo Mordenti on . Posted in Recording, Software, Tutorial

Guardate l’immagine appena sotto. Guardatela bene: è l’arsenale a cui mamma Arturia ha dato il nome di V-Collection, la pornografica incarnazione (software) dei desiderata tastieristici contemporanei. C’è (quasi) tutto, c’è (quasi) il meglio: il colpo d’occhio restituisce una distesa di tasti bianchi & neri, di sliders e knobs, di chassis e cavalletti. Ci vuole poco a lasciarsi tramortire prima di aver messo a fuoco quello scatolotto bianco panna all’estrema destra dell’ensemble: l’Oberheim SEM.

Di Jacopo Mordenti

SEM immagine 1

Dell’indimenticato Synthesizer Expander Module, progettato e prodotto da Tom Oberheim fra il 1974 e il 1979, si è già parlato qui su Audio Central Magazine: tempo addietro, per la gioia dei musicisti su piattaforma iOS, Antonio Antetomaso e Attilio De Simone hanno diffusamente chiamato in causa su queste pagine Arturia e il suo iSEM. Oggi affrontiamo la declinazione arturiana di questo piccolo gigante – o meglio la penultima declinazione, stante i rilasci delle ultime settimane – da un punto di vista squisitamente pratico, verificandone l’impiego nell’ambito di un concerto dell’Invisibile Unicorno Rosa e traendone – se possibile – un qualche bilancio.

Keith McMillen QuNexus Smart Sensor Keyboard Controller

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

McMillen ha stabilito un nuovo standard per le periferiche MIDI (e non solo) ad alto impatto tecnologico,basso costo e notevole densità di funzioni disponibili. La QuNexus non fa eccezioni e offre, nel consueto packaging slim che caratterizza il marchio, un modo rapido e facile per controllare sintetizzatori H/S digitali, virtuali, analogici. Il tutto, nel palmo di una mano…

Di Enrico Cosimi

Schermata 2016-06-07 alle 16.26.27

L’apparecchio è class compliant: non necessita di driver dedicato e può essere messo in funzione da subito senza preoccuparsi di nulla; se necessario, in un secondo momento, si può ricorrere all’Editor gratuito per configurare al meglio il suo funzionamento, o – ancora più specificamente – si possono scaricare dei template per velocizzarne l’integrazione con i più diffusi programmi DAW attualmente in uso.

TSM 2016 – Una galleria di immagini

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events

Come promesso, ecco una prima infornata di immagini catturate al TSM 2016 di Torino. Inutile dire che la panoramica è parziale, non completa e frammentaria. Inutile scaldarsi, il nostro tempo era quello che era e – purtroppo – non c’è stato modo di giochigliare fino in fondo con tutte le cose (talune veramente ghiotte) che erano esposte.

Di Enrico Cosimi

DSC00480

Per prima cosa, il tempo: quando a Torino piove, piove veramente e non rimane che controllare i giubbotti di salvataggio. Sarebbe stato meraviglioso avere il sole; in sua assenza, ci siamo scaldati con le macchine accese.

Uno sguardo al Torino Synth Meeting 2016

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events

Si è appena conclusa, con buoni risultati, la manifestazione torinese; il bilancio è positivo,  perfettibile ma positivo: molto ha pesato il cambio di location e la logistica per certi versi non priva di criticità. Grande affluenza, grande presenza di bellissime macchine e di disponibilissimi interlocutori. Grande sforzo organizzativo di Francesco e Luca. Hats off.

Di Enrico Cosimi

Schermata 05-2457540 alle 07.05.38

Per ora, beccatevi questo video senza musica (o quasi…). Da domani, qualche gallery di immagini rubate tra gli stand.

Propellerhead annuncia Reason 9

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Recording, Software

Propellerhead ha annunciato la nuova versione della DAW con tutto il necessario per la produzione musicale in un rack virtuale. Sviluppato dalla software house svedese nota a tutti per aver fatto la storia della computer music con programmi come ReBirth, ReCycle e Record, Reason rappresenta un rivoluzionario sistema modulare dedicato alla creazione musicale in ogni suo aspetto. In un unico ambiente operativo sono inclusi synth di emulazione analogica, synth granulari, campionatori software, loop player, mixer, moduli effetto, un sequencer, la registrazione audio con la straordinaria emulazione del mixer SSL 9000K, il tutto sfruttando al meglio le possibilità della CPU.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Schermata 2016-05-26 alle 16.49.35

La principale novità di Reason 9 è data dall’estensione dei device “Player” con tre nuovi instrument: Note Echo, Scales & Chords e Dual Arpeggio. Note Echo consente di aggiungere delay MIDI per parti ritmiche e melodiche. Scales & Chords trasforma istantaneamente melodie semplici in accordi e progressioni armoniche. Dual Arpeggio aggiunge un ulteriore livello alle parti ritmiche essenziali.

Apogee Groove

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, no-categoria, Recording

Quando si vuole far uscire audio da un laptop, per piacere personale o per professione, di solito iniziano i guai. La qualità nativa delle porte audio built-in è spesso allineata sullo standard 44.1 kHz/16 bit che risale – è meglio ricordarlo – agli Anni 80 dello scorso secolo. Per questo motivo, esiste una serie pressochè sterminata di hardware dedicate alla gestione professionale multivia; in questo comparto, il marchio Apogee non ha certo bisogno di presentazioni.

Di Enrico Cosimi

Groove

Se il mondo professionale e quello prosumer hanno di che saziarsi con facilità, diverso è il discorso relativo alla gestione di alta qualità per l’audio inteso come godimento dello spirito. Ancora una volta, Apogee può venire in nostro soccorso con la piccola, divertentissima, interfaccia Apogee Groove.

Arturia V Collection 5

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software

Con cinque nuovi strumenti software e update sostanziali ai precedenti dodici, la V Collection 5 è il più grande risultato ottenuto dalla casa francese in termini di quantità e qualità delle emulazioni di synth (e non solo): ora la V Collection 5 mette a disposizione un totale di 9 sintetizzatori che hanno fatto la storia di questo strumento (7 analogici e 2 digitali), 3 organi, 2 piani elettrici, 1 string machine e 1 nuovo straordinario pianoforte. Con nuove interfacce grafiche che consentono una risoluzione fino a 4K e un importante upgrade del motore audio, si tratta di una raccolta imperdibile per ogni tastierista e producer.

A cura della  Redazione di Audio Central Magazine

unnamed

La V Collection 5 include ora un totale di 17 instruments, dei quali 5 completamente nuovi: Synclavier V, B-3 V (Hammond), Stage-73 V (Rhodes), Farfisa V e Piano V, realizzato con sintesi a modelli fisici per ricreare alla perfezione un pianoforte acustico.

Moog Music rimette in commercio il Minimoog Model D

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events, Gear

Ci sono personaggi fenomenali che, alle fiere, in barba alle più stringenti regole di undisclosure richieste dai costruttori – che, magari, poco prima hanno fatto firmare a tutti un accordo di non divulgazione… – si mettono tomi tomi cacchi cacchi col proprio iPad a documentare in anteprima delle anteprime l’oggetto segretissimo che hanno davanti. Certe volte, ad esempio, in occasione dell’ultimo Factory Tour Arturia, il Candido di turno è stato placcato appena in tempo da un addetto stampa con i riflessi sufficientemente pronti. Ora, è la volta di un nuovo Candido che – a discapito delle precauzioni prese da tutti – ha pensato bene di instagrammare la notizia delle notizie… prima che fosse permesso. Ormai, il danno è fatto e, con il beneplacito della Casa Madre, pubblichiamo una serie di notizie preliminari sulla nuova produzione del Minimoog Model D. Il monofonico più desiderato dello scorso millennio.

Di Enrico -gentleman’s agreement- Cosimi

Ci vorranno ancora diverse settimane prima che tutte le informazioni in nostro possesso siano liberate dalla non divulgazione; nel frattempo, la stampa internazionale ha avuto il permesso di pubblicare queste notizie…

Hanno chiuso il DalVerme…

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events

L’immagine che apre questo articolo è, inequivocabilmente, presa da Google Maps e – altrettanto inequivocabilmente – dietro all’albero, si vede una serranda abbassata. Quella serranda è del DalVerme, uno dei posti dove, da diversi anni, più è attiva la scena elettronica (e non solo) romana. Il locale, piccolo, per certi versi scomodo, ha ospitato i fermenti più interessanti del suono elettronico di questo periodo. Da qualche settimana, il DalVerme è stato chiuso d’impulso dall’autorità costituita, senza che si capisse bene il motivo di tale decisione. Abbiamo deciso di chiedere informazioni direttamente a Toni Cutrone, una dei referenti nel DalVerme, che – per certi versi – ha chiarito quanto sia poco chiara la situazione stessa. Speriamo di saperne presto qualcosa in più; qui, di seguito, l’intervista con Antonio.

Di Enrico Cosimi

Schermata 2016-05-17 alle 16.35.49

Il DalVerme è uno dei posti storici romani dove si suona elettronico (e non solo) nella più totale libertà espressiva; vuoi raccontarci come è nata questa realtà?
Il DalVerme prende vita come idea nel 2008: il bisogno di avere uno spazio dove organizzare concerti senza stress e nervosismi e casini tipici da locale, fuori dalle solite dinamiche di denaro ed incassi, e concentrati sulla qualità della proposta, per quanto ostica o estrema o non facilissima! Suoniamo ed organizziamo eventi a Roma da ben più di un decennio e abbiamo sempre cercato di portare ciò che ci piace (e che altrimenti  non arriverebbe) qui in Città.
Realtà che scopriamo andando in tour, o che scoviamo nei meandri di internet: un quartier generale per la sperimentazione a tutto tondo e per la scena musica DIY, oltre ogni genere. Si parla di attitudine principalmente. In più, siamo grandi appassionati del bere bene: infatti il DalVerme è conosciuto, oltre che per la programmazione, per il suo fantastico bar (tra birre di piccoli produttori, vini naturali e cocktail “marziani”), considerato parte effettiva della proposta culturale al fianco di quella musicale.

Dalla TV analogica a quella digitale – Seminario gratuito

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Events

Dalla TV analogica a quella digitale: la storia e la tecnologia del futuro nella generazione e riproduzioni di immagini televisive. Seminario sponsorizzato; 17 Maggio 11:30 
Dipartimendo di Ingegneria Eletteronica In collaborazione con la RAI.

A cura della Redazione di Audio Central Magazin

unnamed

Il seminario partirà dalla esposizione dei concetti di base sui segnali Segnali analogici e dalla descrizione del funzionamento del tubo catodico come origine della evoluzione tecnologica nella riproduzione delle immagini fisse o in movimento. Si passerà quindi a definire il Rapporto di aspetto e la Risoluzione. Verranno introdotti i segnali digitali e le modalità di conversione dei segnali analogici in formato digitale (A/D).