Doepfer A-157 Trigger Sequencer

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Fortemente influenzato dallo Schaltwerk, sequencer a matrice 16×16, il nuovo A-157 è il Trigger Sequencer che i fan di Dieter Doepfer aspettavano per controbilanciare l’offerta circadiana. Il sistema, composto da tre moduli indivisibili, offre otto linee da 16 trigger liberamente programmabili e articola le proprie funzioni su tre hardware separati, ma collegati internamente attraverso flat cable: A-157-1 è la matrice di trigger vera e propria; A-157-2 è il modulo di Trigger Output e A-157-3 è il modulo con i Control Input. I tre costano 500 euro in blocco e occupano 44 + 4 + 4 HP di ingombro.

Di Enrico Cosimi

a157

Le caratteristiche operative sono interessanti:

SSL On Tour

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events

Solid State Logic in collaborazione con MidiWare è lieta di invitarvi a tre workshop gratuiti dedicati ai sommatori Solid State Logic, XL-Desk e alle altre soluzioni SSL per l’audio professionale.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

unnamed

Si tratta di un’opportunità unica: potrete vedere, toccare ed ascoltare il salto di qualità che la tecnologia SSL può rappresentare per il vostro studio. Gli ‘SSL Studio Workshops’ rappresentano un’ottima occasione per incontrare professionisti e appassionati, condividere esperienze e tecniche di lavorazione e rafforzare le community locali.

Roland Boutique TR-09 & TB-03

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Agganciati indissolubilmente al claim we design the future, molto spesso Roland ha dato l’impressione di voler snobbare il grande passato di storici strumenti prodotti nei decenni precedenti. Da qualche tempo, con il vantaggio del dominio digitale, la serie Boutique ha permesso di rinverdire fasti e prodotti che – seppure in versione miniaturizzata, seppure riprodotti digitalmente – non sarebbero stati altrimenti disponibili. Ora, è il turno delle due nuove unità TR-09 e TB-03, rispettivamente riedizioni Boutique delle storiche TR-909 e TB-303. In attesa di mettere le mani su due apparecchi finalmente disponibili, elenchiamo le caratteristiche più interessanti dei due nuovi modelli.

Di Enrico Cosimi

tr-09_top_gal

La TR-09 riproduce, grazie alla tecnologia ACB – Analog Circuit Behavior,  il comportamento timbrico e operativo della Roland TR-909, batteria elettronica epocale che accoppiava generazione analogica per tutto quello che non era hi hat, ride e crash (ottenuti per campionamento digitale).

Roland System-8 PLUG-OUT Synthesizer

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Comunicato alla massa degli utenti attraverso un sapiente, ancorchè prevedibile, meccanismo di spolier and leaking, è ora ufficiale il lancio del nuovo System-8 PLUG-OUT Synthesizer targato Roland.

Di Enrico Cosimi

system-8_img02_gal

Per chi si fosse messo in ascolto solo oggi, ricordiamo che PLUG-OUT è l’architettura Roland che permette di caricare entro un hardware generico, uno o più “programmi di espansione” dedicati alla riproduzione fedele di iconici modelli timbrici del prestigioso marchio giapponese. Insomma, come i Plug-In sono ospitati all’interno di una DAW; i Plug-Out sono caricabili all’interno di un “sintetizzatore ospite hardware”. Il tutto è stato inaugurato con un precedente modello System-1 che offriva un’interfaccia utente dettagliata ma generica, personalizzabile – a colpi di retro illuminazione verde acido – in base, appunto, al PLUG-OUT caricato. Nel vecchio sistema, c’era un solo caricamento e il passaggio da un sistema all’altro era laborioso; nel nuovo System-8, ci sono tre slot personalizzabili (ad oggi, è attivo e in dotazione il PLUG-OUT Jupiter 8 e lo sarà presto quello dedicato al Juno-106); di più, il passaggio tra P.O. 1, 2 o 3 è indolore e non precede transizioni per i cicli di accensione/spegnimento.

 

Spatialization in electronic music

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Events

Un alto momento di cultura e specializzazione scientifica, un personaggio di rilievo della musica elettronica contemporanea: mercoledì 28 settembre, alle ore 16:30, Curtis Roads, il compositore che ha legato il proprio nome allo sviluppo digitale della sintesi sonora granulare, terrà una conferenza presso l’Aula Magna del Dipartimento di Chimica dell’Università di Parma dal titolo «Spatialization in electronic music», destinata a diventare uno dei momenti culturali più intensi del 2016 parmigiano.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

roads

Si tratta, infatti, di un’occasione eccezionale per ascoltare dal vivo il principale protagonista vivente della sintesi granulare del suono, cioè di quel particolare metodo di creazione sonora complessa, generata dall’assemblaggio di microelementi di suono di infinitesima entità, i cosiddetti grani, prodotti artificialmente tramite metodi algoritmici in grado di agire sui singoli parametri sonori.

Little Primal Tap: il delay mattacchione

Written by Jacopo Mordenti on . Posted in no-categoria

Un delay è per sempre: con la giusta regolazione di feedback, s’intende. E comunque, se l’eternità proprio non ci aggrada, è un attimo a impiegare il ritardo quale effetto di compagnia, capace alla bisogna di stravolgere con spensieratezza la più scarna delle parti: agli amanti dell’ambito software più spericolati consiglio in questo senso il Little Primal Tap di Soundtoys.

Little-PrimalTap-fullsize

KORG microKORG S

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Era il 2002 quando KORG presentava il suo microKORG, destinato a divenire un instant classic per l’irresistibile miscela di prestazioni synth, motore di vocoder incorporato, prezzo contenuto ed estrema portatilità. Oggi, a diversi anni di distanza, KORG rilancia con la versione microKORG S, dove “S” indica la presenza di un sistema autonomo di amplificazione incorporato, con tanto di woofer e coppia di tweeter/midrange left/right.

Di Enrico Cosimi

microKORG S top

La caccia al ricorso storico sembra inarrestabile e, oggi, con 499 dollari, vi portate a casa un sint a quattro voci, bitimbrico in split/dual, con vocoder incorporato a 8 bande dotato sia di ingressi reali per carrier e modulator, sia in grado di gestire il segnale microfonico dal gooseneck in dotazione contro il segnale del sint stesso.

KORG ARP ODYSSEY MODULE

Written by Enrico Cosimi on . Posted in no-categoria

Era quasi inevitabile, ma ha comunque sorpreso il mondo della musica elettronica hardware: dopo un primo leak della scorsa settimana, è stato ufficialmente confermato il nuovo modello ARP tabletop modulo, privo della (molto) discussa tastiera di passo ridotto tre ottave e caratterizzato da qualche interessante soluzione inedita. Lo strumento, marcato ARP ODYSSEY Module è disponibile solo nei due line up Rev 1 bianca e Rev 3 nero/arancione; non sappiamo se verrà fornito con qualche forma di valigetta, enclosure o altro tipo di gadget. Di seguito, una panoramica delle funzioni più importanti.

Di Enrico Cosimi

KORG ODYSSEY MODULE 2

Per prima cosa, le dimensioni: la scocca, ridisegnata più bassa (sul pannello posteriore, i sei canonici mini jack di interfacciamento analogico sono finiti su colonne affiancate) è quella del pannello KARP per intenderci, ma non ci sono più i bordi laterali sopraelevati, che proteggevano gli slider. L’aspetto, insomma, è molto più slim

KORG Volca Kick

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

La serie Volca si arricchisce del nuovo modello interamente dedicato alla produzione di timbriche analog kick.  Come al solito, le aspettative sono alte – visto il prezzo contenuto dell’apparecchio e la buona tenuta operativa dei precedenti modelli. Intanto, spariamo qualche caratteristica tecnica, nell’attesa di poter mettere le mani sopra all’oggetto.

Di Enrico Cosimi

Volca Kick

Lo strumento, dicevamo, è interamente dedicato alla produzione del suono analog kick; per fare una cassa analogica, servono principalmente due ingredienti: una sinusoide pitchata attraverso inviluppo e un generatore di click. Le maniere per ottenere i due comportamenti variano da costruttore a costruttore (Roland, negli storici modelli, usava una configurazione detta T-Bridge che sfrutta l’auto oscillazione di un sistema filtrante; Korg in diverse epoche ha scelto strade diverse).