VirSyn Tera Synth per iPad

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Software

Harry Gosh colpisce secco e duro, esportando il motore di sintesi Tera sull’accogliente piattaforma iPad. Il meccanismo fornisce un’ambiente di programmazione virtual analog, con notevoli sbilanciamenti sulla potenza digitale nuda e pura.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

tera ipad

Tera for iPad sfrutta il wireless patching per la costruzione di timbriche in ambiente physical/virtual analog, con oscillatori, trattamenti di segnale, ring modulation, generazione subarmonica, distortion, delay/chorus/phaser e Reverb.

Buchla Music Easel – le modulazioni

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Fatta la conoscenza con la sezione audio vera e propria del Music Easel, è il momento di capire cosa c’è in serbo per quanto riguarda le sorgenti di modulazione. Ricordiamo che Music Easel è un apparecchio full analog, riedizione 2012/13 di uno strumento concepito nei lontani Anni 70, da un produttore – Buchla – che, di sicuro, non era interessato a seguire strade già battute… Per questo motivo, molte delle scelte circuitali adottate possono risultare, oggi come allora, strane o diverse dalla norma. Ma, del resto, è proprio questo il motivo per il quale, oggi come allora, parecchi musicisti decidono di affrontare l’acquisto. Per tutto il resto, c’è Moog…

Di Enrico Cosimi

open

Per ragionare con ordine, occorre dividere il “materiale di modulazione” nei due blocchi principali corrispondenti alle risorse native del sintetizzatore – il cabinet superiore dell’apparecchio – e le sorgenti di controllo raggruppate attorno alla tastiera – il cabinet inferiore.

Ueberschall Indie Pop Elastik Soundbank

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software

Il nuovo sounbank contiene riff, groove e file audio pesantemente influenzati dall’estetica sonora indie. Tre giga di materiale. con 10 construction kit, pronti per iniziare a comporre e arrangiare senza problemi di credibilità.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Sampling-CDs;Loops;Construction-Kits;Instruments;Download-Packs; Royalty-free-Libraries;Sample-Packs

Ciascun kit contiene cinque o più sezioni musicali con intro e outro, ci sono loop separati per i singoli tamburi della batteria, premix di batteria, loop di chitarra ripresi dall’ampli e dalla DI (per il reamping). Non mancano basso elettrico, pianoforte acustico ed elettrico, archi, synth, pad e percussioni. Manca solo la linea vocale, ma a quella dovrete pensare voi.

Buchla Music Easel – la catena audio

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Dopo aver fatto la prima conoscenza con l’apparecchio, è il momento di affrontare la catena audio che, lo ricorderemo per chi si fosse posto in ascolto solo ora, è composta da un oscillatore principale Complex Oscillator, un oscillatore secondario Modulation Oscillator (nelle macchine antiche, lavorava solo in banda sub audio, ma ora è stato promosso al rango di sorgente sonora), una coppia di circuiti Lopass Gate (che agiscono tanto come filtri passa basso dinamici quanto come amplificatori controllati in voltaggio) e uno Spring Reverb. Tutto il resto è relativo ai controlli e alle modulazioni.

Di Enrico Cosimi

Schermata 08-2456883 alle 18.00.17

La filosofia degli oscillatori analogici Buchla è impostata sulle capacità di arricchire il contenuto armonico, piuttosto che lavorare banalmente solo con la sintesi sottrattiva; per questo motivo, alla generazione di base delle forme d’onda, è affiancato un meccanismo di modulazione timbrica che può far raggiungere risultati molto distanti dal suono di partenza. Andiamo per ordine.

Expert Sleepers Disting

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Già il nome del modulo (disting come trascrizione fonetica di “this thing”) lascia capire che c’è qualcosa sotto… Ma è la lettura delle caratteristiche a lasciare incuriositi e pericolosamente ben disposti nei confronti dell’apparecchio.  Disting è un processore audio/CV che può essere configurato per lavorare con uno di sedici possibili algoritmi di trattamento.

Di Enrico Cosimi

Schermata 08-2456882 alle 10.03.10

Il modulo, largo solo quattro unità Euro Rack, possiede tre ingressi Z, X e Y per le sorgenti e due uscite A e B per i trattamenti. Con due trimmer, è possibile selezionare l’algoritmo di trattamento desiderato e impartire un offset sul valore – caso per caso – ritenuto più significativo ai fini del funzionamento.

Buchla Music Easel – Primo approccio

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

B.E.M.I. è la sigla che contraddistingue la nuova vita commerciale del marchio Buchla; l”abbreviazione deve essere sciolta come Buchla Electronic Music Instruments. Con la nuova vita, è finalmente giunto un nuovo standard costruttivo che, insieme a una conquistata solidità economica, garantisce il musicista sulla solidità dell’investimento. Parliamo di investimento perché, nonostante il Music Easel sia il Buchla più economico attualmente reperibile sul pianeta, è comunque uno strumento da quasi 4000 euro, cifre che è necessario muovere con una certa consapevolezza. In questo primo appuntamento, cercheremo di mettere a fuoco le competenze indispensabili, quelle senza le quali un sintetista anche esperto annaspa miseramente di fronte alla “filosofia Buchla”.

Di Enrico Cosimi

Schermata 08-2456881 alle 22.11.06

Concepito nel lontano 1974, come apparecchio onnicomprensivo per la produzione di musica elettronica “in movimento”, il Music Easel è stato ripresentato nel 2012 e, dopo un’attesa durata un anno e mezzo abbondante, è finalmente disponibile per i fortunati musicisti che lo hanno ordinato all’epoca. La stessa Ditta produttrice è rimasta sorpresa dal successo riscontrato con il nuovo Easel, ormai prodotto ampiamente sopra il migliaio di esemplari. Nel corso della nostra povera vita ottuagenaria, abbiamo avuto modo di mettere le mani su cinque diversi Easel (tra manifestazioni fieristiche e acquisti di fortunati mortali), confermando quella che era un’impressione già forte al primo impatto: ogni macchina suona lievemente diversa dalle altre, è tarata con tolleranze vagamente diverse e ha, come dire, una personalità analogica che si riconosce. Del resto, come per le motociclette, anche i sintetizzatori analogici sono oggetti che nascono con un’anima e una serie di caratteristiche non necessariamente riproducibili alla perfezione tra un esemplare e l’altro: il 95% delle prestazioni è costante, ma quel 5% di variabilità produce storia a se. Non male…

Propellerhead annuncia Reason 8

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Recording, Software

Ormai lanciatissimi nel panorama Audio/MIDI, Reason raggiunge ora la versione 8, per la gioia di quanti abbiano già deciso di veder crescere nel loro PC il popolare applicativo.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

unnamed-2

 

L’interfaccia utente è stata ridisegnata, con un look e una disposizione che privilegiano la semplicità nel flusso di lavorazione. Il nuovo browser sfrutta una search window che facilita la ricerca veloce dei documenti desiderati. Grazie al nuovo amp by Softube, è possibile processare i segnali audio esterni o interni alla DAW.

Doepfer A-138u Dual Micro Mixer

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Ancora in versione stra-preliminare, non possiamo non tenere d’occhio il piccolissimo mixer annunciato da Doepfer per il suo sistema Euro Rack; il modulo, largo solo 4 unità verticali – in pratica, sufficienti per alloggiare i jack mini da pannello e il loro dado di fissaggio – contiene due unità indipendenti che possono essere concatenate tra loro.

Di Enrico Cosimi

A138u

L’impostazione low cost è confermata dall’apparente mancanza di regolazioni per i livelli: ciascuna delle due sezione operative è dotata di tre ingressi e un’uscita di somma. Solo il primo dei due mixer prevede, attraverso trimmer raggiungibili sulla scheda componenti (quindi, non in tempo reale durante la procedura esecutiva o di programmazione), la regolazione dei tre livelli in ingresso.

Moog Theremini

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Complice un allievo compiacente, siamo riusciti a mettere le mani sul piccolo Theremini di casa Moog, l’apparecchio che – per prezzo e prestazioni – sembra destinato, quando arriverà in quantità sufficienti per il nostro mercato, a rinverdire l’interesse dei musicisti per questo peculiare strumento.

Di Enrico Cosimi

Theremini Front - black_0

Diciamo subito che, a fronte di una spesa inferiore ai trecento euro, non è lecito aspettarsi la stessa suonabilità dei modelli più grandi. Attenzione! Stiamo parlando di “suonabilità”, non di prestazioni o di timbrica. Il punto sensibile dell’apparecchio è la conversione della vicinanza/lontananza tra mani del musicista e antenne pitch/volume: quando il meccanismo è risolto con due belle bobinone alte trenta centimetri (come nei modelli RCA e Big Briar, o Moog vecchia serie), le note sono molto meno difficili da intonare; quando le bobine sono altre pochi centimetri, come nel modello Etherwave e Etherwave Plus, le note sono difficiline da intonare; con il nuovo Theremini, l’impegno richiesto al musicista cresce… non c’è nulla di impossibile (anche lasciando inattivata l’opzione di auto tune), ma – semplicemente – occorre impegnarsi un pochino di più.

Gugabox ARR – Analog Rytm Randomizer

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Software

Ci siamo occupati recentemente della Analog Rytm by Elektron, una batteria elettronica analogica (ma non solo) che, dotata di un corposo sequencer di bordo, sembra destinata a riscrivere diversi standard della programmazione e della produzione elettronica. Il problema, più o meno riconosciuto da tutti gli utenti, è che AR è, per l’appunto, fin troppo corposa, al limite della complicazione. Per questo motivo, Gugabox ha recentemente presentato un randomizzatore “su donazione” che sembra fatto apposta per risolvere le eventuali crisi da mancanza d’ispirazione o da eccessiva difficoltà.

Di Enrico Cosimi

Schermata 08-2456874 alle 22.41.34

La randomizzazione può avvenire in maniera globale o filtrando, selettivamente, uno o più blocchi operativi; in questo modo, si può lasciare a disposizione del motore automatico di ri-programmazione le pagine di Synth, o Sample, o Filter, o Amp o LFO… o fare un bel ALL Randomize e godersi il risultato.

Attenzione! Il motore di randomizzazione non interviene sui campionamenti digitali (casomai, sulla selezione numerica del campionamento) e neppure sulla programmazione ritmica dei trigger.

Con una semplice donazione, vi mettete la coscienza in pace e (per Mac e PC) siete pronti ad affrontare le delizie della programmazione casuale.