Genelec Aural ID Software Technology

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear

Permette di acquisire le caratteristiche acustiche della testa dell’ascoltatore e di modellare su queste i comportamenti della cuffia utilizzata. Il programma calcola la Head Related Transfer Function (HRTF) che descrive le proprietà acustiche di testa, torso e orecchio esterno: elementi che interagiscono tra loro in modo complesso per influenzare il suono che raggiunge il timpano.

A cura della Redazione  di Audio Central Magazine

Schermata 2019-03-29 alle 07.10.42

Aural ID calcola questi elementi e crea un data file personale con le caratteristiche necessarie alla ri-modellazione del suono che arriva da qualsiasi azimuth ed elevazione. L’audio engine, successivamente, renderizza l’immagine stereo immersiva prodotta dalla cuffia.

Behringer Model D

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Il Mooog Minimoog Model D è, probabilmente, il sintetizzatore monofonico più iconico dell’epoca moderna: usato da migliaia di musicisti, ha contribuito a definire un suono elettronico caratterizzato dall’energia timbrica e dalla falicilità d’utilizzo, specie nella programmazione di sonorità semplici da approntare sulla sua interfaccia utente. Seguendo una strategia produttiva consolidata dai riscontri commerciali, Behringer ha messo su strada una versione miniaturizzata (nel prezzo e nelle dimensioni) del popolare monofonico statunitense, alterandone in parte il circuito originale per includere alcune interessanti espansioni; lo strumento, ovviamente, si chiama Model D, per gli amici, Boog.

Di Enrico Cosimi

IMG_0846

Molto si è discusso, e si continuerà a farlo, sui risvolti filosofico/etici  di operazioni che, a parecchi, sono sembrate disinvolti prelievi di altrui farine; come qualunque laureato in Giurisprudenza potrà confermare, un conto è la Legge, un conto è la giustizia, un contro è il mondo commerciale. In queste righe, non affronteremo la questione (ognuno è libero di pensarla come meglio crede)  e ci limiteremo ad analizzare l’apparecchio nei suoi comportamenti operativi e nella sua resa timbrica. Buona lettura.

Doepfer diventa polifonico

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

LI avevamo visti, ancora in forma appena post prototipale, in occasione dello scorso Superbooth berlinese, ora sono entrati a pieno diritto nel corposo catalogo del padre dell’EuroRack e i cinque moduli polifonici permettono non solo di generare strutture simultanee audio/controllo, ma anche di annullare le tradizionali divisioni che, nel mondo modulare, separano il comportamento monofonico da quello polifonico espanso attraverso modulazioni non convenzionali.

Di Enrico Cosimi

unnamed-5

La collezione polifonia è composta da diversi modelli.

A-111-4 Quad VCO offre quattro oscillatori triangle core basati su CEM3340. Ogni oscillatore è dotato di alimentazione indipendente, per garantire la massima stabilità dell’intonazione. I controlli individuali comprendono: 1V/Oct In per la gestione dell’intonazione, Octave switch (-1/0/+1), Tune (con escursione regolabile internamente su 2 semitoni, 1 ottava, 4 ottave), Mod CV In, Mod select (Exp FM-Lin FM-PWM), FM/PWM AMount. Sono disponibili uscite indipendenti per triangle, saw, rectangle, Sync input (la sincronizzazione è selezionabile hard/soft internamente). La sezione master del modulo comprende ingressi complessivi per controllare intonazione 1V/Oct, FM Exp, trasposizione d’ottava, intonazione con gli stessi range individualmente raggiungibili sui quattro oscillatori, uscite audio complessive per le quattro onde triangolari, dente di sega e rettangolare. Dai comportamenti parafonici, alla polifonia vera e propria, passando per i suoni phat con quattro oscillatori opportunamente detunati, il modulo si trova sempre a proprio agio.

Roland  Cloud TB-303 Software Bassline

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software

Per chi si fosse sintonizzato solo ora, ricordiamo che ll Roland Cloud è un sistema per affittare mensilmente una serie di plug-in in continuo sviluppo che riproducono alla perfezione il funzionamento delle storiche macchine (analogiche e non solo) targate Roland. L’ultima, attesissima, aggiunta è la deliziosa TB-303 Software Bassline, emulata in tutte le sue nuance, libera dai vincoli elettromeccanici della Boutique Series, pronta a ruggire oggi come allora per la costruzione dei pattern più acidi che vi potranno venire in mente.

Di Enrico Cosimi

Schermata 2019-03-06 alle 07.55.20

La tecnologia impiegata è la consueta ACV – Analog Circuit Behavior già usata per i modelli Juno 106, Jupiter 8, eccetera; originalmente sviluppata nel lontano 1981 e commercializzata come computerized bass machine, la TB-303 si è velocemente fatta fama di autentico bass killer per generazioni e generazioni di musicisti; oggi, la versione cloud fornisce le stesse prestazioni, compresi i collaterali effetti di crunch e squelch ottenibili alle massime regolazioni di filtraggio e resonance.

Arturia MicroFreak – Qualche anticipazione sui motori di sintesi

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Anche se, ancora, non c’’è l’autorizzazione ufficiale a pubblicare video e altri tipi di recensione multi mediale sul nuovo sintetizzatore targato Arturia, complice la consueta disponibilità Midiware (cui va il nostro interessato ringraziamento…), abbiamo avuto modo di “zampettare” sull’apparecchio, verificandone funzioni e – appunto – tecniche di sintesi incorporate.  Quello che segue è una panoramica dei motori di generazione sonora incorporati nell’oscillatore digitale che è il cuore dell’apparecchio.

DI Enrico Cosimi

Schermata 2019-03-01 alle 08.23.42

Attenzione! Anche se in elevata fase di sviluppo, il firmware non è ancora quello definitivo e nulla può assicurarci che quanto dichiarato oggi continuerà ad essere disponibile nelle prossime revisioni. Da questo punto di vista, ci sarebbe abbastanza da discutere sull’implementazione numerica dei parametri – tutti compresi tra 0 e 100 – applicata indiscriminatamente anche quando i valori effettivamente raggiungibili sono molti meno. Di sicuro, ci sono margini di miglioramento.

IK Multimedia iLoud MTM studio monitor

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

iLoud MTM è il nuovo studio monitor concepito e commercializzato da IK Multimedia per offrire prestazioni di riferimento in formato compatto sfruttando le tecnologie DSP di auto calibrazione acustica; fornite insieme al microfono di riferimento ARC, rendono possibile lavorare in assoluta confidenza con un sistema di ascolto che non ruba e non regala nulla all’ascoltatore.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

iLoud_MTM_news@2x

iLoud MTM può scendere fino a 40Hz phase coerent utilizzando un dessign simmetrico midrange-tweeter-midrange basato su coppia di woofer da 3,5” e tweeter ad alta definizione da 1”. Le ridotte dimensioni ed il design innovativo rendono possibile il posizionamento strategico dei monitor in postazioni di lavoro centrate attorno al monitor lcd di produzione.

ikc-L-3_iLoudMTM_front_back

Sul pannello posteriore del cabinet trovnao posto le connessioni analogiche Combo, la presa digitale USB, l’ingresso per il microfono di calbrazione ARC.

scheme_iLoudMTM_PhaseCoherent@2x

Cinque interruttori permettono di personalizzare il funzionamento del monitor attraverso LF Extension, LF e HF range, CMJ Preset e Sensitivity. Volume d’esercizio e interruttore d’accensione completano il tutto.

Mutable Instruments Tides mkII Tidal Modulator

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

La nuova versione del popolare modulo Mutable Instruments fornisce tutto il consueto repertorio di funzioni controllo-generazione-integrazione presenti nel vecchio Tides, con in più alcune espansioni di significativa comodità. Ancora una volta, il ringraziamento a Émilie Gillet è doveroso e sincero.

Di Enrico Cosimi

tides4

Tides appartiene a quel gruppo di moduli eurorack che si muovono al confine tra l’inviluppo loopable, la modulazione ciclica/transiente e le conseguenze che da questi comportamenti possono scaturire. In tutti i casi, l’utente afflitto da poco tempo utile potrà trovare immediata soddisfazione, l’utente più smaliziato avrà enorme giovamento dai comportamenti più nascosti che questa categoria di circuiti porta in dono. Il divertimento è garantito. La scala dei tempi è espansa da diversi minuti alla piena banda audio; le quattro uscite erogano comportamenti in quadratura, spostameneti di ampiezza, temo, fase e frequenza o altre divertenti funzioni attivabili a discrezione; per molti musicisti, l’Output mode aggiuntivo potrebbe giustificare un acquisto.

Icon Pro Audio Platform U22 VST Audio Interface

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear, Recording

E’ un’interfaccia audio 2in/2out USB 3.0 che lavora a 96/192 kHz 24 bit linear, con latenza ridottissima e prestazioni professionali Audio/MIDI

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

plattform front

I due canali sono dotati di regolazioni indipendenti di livello, alimentazione pantom +48V, indicatori LED di livello. Le connessioni comprendono porte TRS 1/4” e XLR I/O, porte MIDI In/Out; selezione direct monitoring per ascolto stereo, mono o PC con livelli indipendenti; l’uscita cuffia è dotata di regolazione indipendenti.

platform rear

Il range dinamico dichiarato è pari a 120 dB ADC, a THD+N è pari a -110 dB. L’apparecchio ha compatibilità con Mac Os e Windows 7-8-10 (32-64 bit).

platform angled

Qui per saperne di più.

 

Avantone Pro CLA-10A

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear, Recording

Avantone annuncia la prossima disponibilità del modello CLA-10A monitor attivo da studio che ricalca, questa volta con amplificatore incorporato, le linee guida precedentemente sperimentate nella versione CLA-10 passiva. Anche in questo caso, il prodotto è frutto della collaborazione con mixing engineer Chris Lord-Alge.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

avantone front

Il monitor è un due voci full range configurato per riprodurre il classico comportamento delle iconiche “casse col woofer bianco” amate dai recording engineer del secolo scorso.

Volca Modular: quello che c’è da sapere…

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

… per decidersi all’acquisto. Anche se il titolo può sembrare minaccioso, è un dato di fatto che il nuovo Volca Modular sia dotato di un fascino particolare che lo rende praticamente irresistibile per un’ampia platea di utilizzatori non convenzionali. A differenza delle strutture precedenti veicolate nella collezione di midiciali macchinette, in questo caso il musicista può riconfigurare pesantemente la struttura di sintesi intervenendo direttamente con il patching sul pannello frontale. Uniche avvertenze, a parte una buona vista per centrare le connessioni con i micro patch cables, è quella di ricordare che lo standard elettrico del prodotto non è del tutto direttamente compatibile – ma può sopravvivere – con altri apparecchi EuroRack. Insomma, occorre una certa cautela, ma le soddisfazioni possono diventare parecchie.

Di Enrico Cosimi

preview 4

Cosa è Volca Modular? E’ un piccolo sintetizzatore in formato West Coast, quindi afferente alla scuola timbrica di matrice buchlesca, che basa buona parte della propria espressività sulla resa progressivamente complessa delle sorgenti sonore, successivamente sottoposte a filtraggio dinamico Lopass Gate per l’articolazione e la caratterizzazione timbrica. I punti chiave della filosofia occidentale sono quindi: sorgenti sonore ben più complesse e articolate di quelle previste nei classici Minimoog o MS-20, filtraggio non risonante in configurazione integrata low pass & amplificazione, articolazione con inviluppi regolabili in modo transiente o in ripetizione ciclica. Di solito, il musicista che voleva allontanarsi dalla sicurezza del mondo East Coast per avventurarsi nella sperimentazione californiana era costretto a sobbarcarsi spese (molto) significative per acquisire materiali spesso costruiti con standard funzionali (molto) al di sotto delle aspettative.

Fino a ora.

ga('send', 'pageview');