Keith Emerson è morto

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events

Apprendiamo dalla stampa internazionale la morte di Keith Emerson. E’ una notizia terribile che non ci sentiamo di commentare. Su richiesta di amici, in memoria del PIU’ GRANDE di tutti, ripubblichiamo la vecchia recensione (stiamo parlando di UNDICI anni orsono) scritta in occasione del suo ultimo concerto romano con la Keith Emerson Band (all’epoca, la rivista si chiama Rec’N’Play… altri tempi). Sad affection. Più che meritato, un enorme ringraziamento a Paolo Dolfini per aver conservato il testo originale. 

Di Enrico Cosimi

emo modular

L’immagine in apertura è tratta da Wikipedia; cercheremo – ma non nascondiamo le difficoltà – di recuperare nei prossimi giorni la documentazione fotografica originale dell’evento. 

Keith Emerson Band In Concert

Roma, Auditorium di Via della Conciliazione; 1 Dicembre 2005
La cornice è quella delle grandi occasioni: l’ultima volta che siamo stati all’Auditorium di Via della Conciliazione c’era Rubinstein che eseguiva il beethoveniano concerto “Imperatore” per pianoforte ed orchestra… insomma, è passato qualche anno e la situazione era molto più classica di quella attuale.
di Enrico Cosimi

Che poi anche Keith Emerson possa essere considerato un classico nel suo genere, è un discorso interessante ma che, al momento, non ci riguarda… Comunque; l’auditorium è stato equipaggiato con una installazione di tutto punto: sul palco trova posto il sistema di tralicci con americane che sospendono un nutrito parco luci, ai due lati del palco sono state montate le torri dell’impianto P.A. (che, per dimensioni ed aspetto minaccioso, risaltano abbastanza preoccupanti nella taratura acustica del teatro).

Batteria sul fondo, pedana rialzata, bass rig sulla destra del palco, tre piccoli combo valvolari piazzati davanti al drum riser e, in ampio risalto, sulla sinistra del palco trova posto il setup di Keith Emerson. In fondo, sulla destra, un oggetto misterioso è celato da lunghi veli neri: che si tratti del povero Hammond L100, pronto per essere maltrattato da Keith durante i consueti numeri di wrestling? Vedremo.

 

La strumentazione

In questa occasione, Keith utilizza uno dei due C3 Hammond customizzati da Al Goff; per la cronaca, uno dei due strumenti è interamente originale, l’altro utilizza un premplificatore a transistor modificato; nel corso della serata, abbiamo avuto l’impressione che determinate asprezze timbriche –inedite per il buon Keith- fossero da imputarsi proprio alla natura transistorizzata del famigerato preamplificatore. In mancanza di notizie certe (non potevamo salire sul palco armati di cacciavite…), queste rimangono opinioni più che personali.

Comunque, lo strumento portatilizzato da Al Goff è interamente alloggiato nel cassone superiore e poggia su un supporto metallico che ospita la scatola del pedale di espressione; non è la customizzazione più efficace –per spostare l’apparecchio servono sempre due persone, ma questo potrebbe non essere un problema- ma è quella che semplifica di molto il lavoro. Adiacenti alle zampe metalliche, trovano posto i controlli del leslie tremolo/chorale su footswitch (anche se in certi momenti, abbiamo avuto l’impressione che la velocità del leslie venisse regolata da un tecnico compiacente, boh..). Il rotary speaker, comunque, è celato alla vista, ben lontano dalla postazione del musicista – se ne sente la voce dal retro palco quando il keyboard technician presta gli ultimi controlli prima di iniziare.

Sopra all’Hammond, troneggia –inevitabilmente- la Korg Oasys che, qui come per i Dream Theater, sembra aver incarnato il concetto di tastiera tuttofare di lusso: del resto, 7500 euro per una workstation possono permetterseli in pochi. Alla sinistra dell’Hammond + Oasys, troneggia l’enorme modulare Moog, ormai da anni inscatolato in un contenitore custom metallico che ne facilita il trasporto e la sopravvivenza; la tastiera 5 ottave è messa bella alta da terra, il ribbon controller – con annesso lanciarazzi- è appoggiato per terra pronto all’uso. Completa la dotazione, un Korg Triton Extreme a 88 note. Oltre al pedale di volume dell’Hammond, sono presenti gli switches per il leslie, i damper per Oasys e Triton e altri due foot control misteriosi, che Keith (peraltro) utilizzerà con estrema parsimonia. Ah: c’è anche un accordatore cromatico Boss direttamente collegato al sintetizzatore modulare; vedremo in seguito come il suo funzionamento sia cruciale per la riuscita di determinati brani.

Patrocinio del DAMS per il TSM – Torino Synth Meeting

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Events

Torino Synth Meeting 2016 sarà patrocinato dal DAMS dell’Università di Torino.
Il Corso di Laurea in DAMS (Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) è il programma formativo di riferimento dell’Università di Torino per l’ambito cinematografico, musicale, televisivo, dei nuovi media, dello spettacolo dal vivo e della arti contemporanee.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Schermata 2016-03-10 alle 16.59.08

Collabora attivamente con le più importanti realtà culturali del territorio (Museo Nazionale del Cinema, Conservatorio G. Verdi, Film Commission, Teatro Piemonte Europa, Piemonte dal Vivo (Circuito Teatrale del Piemonte), Teatro Stabile di Torino, Divisione Regionale per i Beni Culturali e paesaggistici, Fondazione per Scuola della Compagnia di San Paolo, Torino Film Festival, Fondazione CRT).

Qui, tutte le informazioni sul Torino Synth Meeting.

Torino Synth Meeting – Edizione 2016

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events

Nel 2015 il Torino Synth Meeting ha ricevuto la fiducia e il riconoscimento di alcuni importanti marchi internazionali che hanno scelto il nostro evento per la presentazione in anteprima di alcuni nuovi prodotti; tra questi: Aida DSP, Arturia, Elektron, Erica Synth, Euterpe Laboratories, Frap Tools, Grp Synthesizer, Kinetik Laboratories, Moog Music, Native Instruments, Roland, Sequential Circuits, Sound Machines e molti altri.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

TSM

Il TSM ha completato la sua 5a edizione nel 2015 con un evento che ha coinvolto 3 location nel centro della città di Torino, oltre 1.000 partecipanti, 25 brand, 10 ore di workshop e showcase, 8 ore di concerti elettronici dal vivo e 2 grandi concerti con ospiti internazionali.

NAMM 2016: qualche considerazione. A distanza

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events

Si è appena conclusa questa edizione 2016 della Winter NAMM di Anaheim e l’occasione è buona per ragionare un pochino dei massimi e dei minimi sistemi che sembrano governare – quantomeno, influenzare – il mondo che ruota attorno al mercato degli strumenti musicali.

Di Enrico Cosimi

apertura

Ci sono diversi fenomeni che potrebbero essere presi in considerazione, per discutere a lungo; ci limiteremo ai più evidenti, consapevoli che gli argomenti – per loro stessa natura – saranno destinati a rimbalzare ancora per molto negli anni a venire.

Cubase Pro 8.5 Launch Event – Roma

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Events, Software

Il Product Specialist / Education Development, producer Franco Fraccastoro mostrera’ tutte le nuove funzioni di Cubase Pro 8.5. Sara’ utilizzato il CPR originale (progetto di Cubase) dell’ultimo singolo dei Moda’ E’ non c’e’ mai una fine e verra’ realizzato un brano electro / pop conRetroloque 2 e altre funzioni di Cubase Pro 8.5.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine
Schermata 01-2457409 alle 11.52.12
Al termine dell’incontro vi sara’ una sessione di domande e risposte per chiarire eventuali dubbi sui prodotti.

FIMI 4.0 – Messe Frankfurt Italia Forum

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Events

 

Il prossimo 10 dicembre, Messe Frankfurt Italia organizza a Milano il quarto FIMI – Forum per l’Internazionalizzazione del Made in Italy, che avrà come tema portante l’incontro tra creatività e tecnologia. L’evento di quest’anno, che si svolgerà in collaborazione con Elle Decor Italia presso l’Università Bocconi, sarà l’occasione per presentare l’Osservatorio Smart Factory & Smart People 4.0, dedicato all’interior decoration e al design, che analizzerà il mercato italiano e le realtà produttive di questi settori sul territorio nazionale, con un focus particolare sul fenomeno dell’ industrie 4.0. I risultati dell’Osservatorio, affidato a SDA Bocconi, che svolgerà l’attività di ricerca, saranno presentati alla fine del prossimo anno, attraverso un gruppo di lavoro composto da professori e collaboratori esperti.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Animalogica Bologna Synth Meeting

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Events

Il giorno 18 Novembre 2015, con SYNTHPOSIUM riparte la stagione di eventi di ANimALOGICA con SYNTHPOSIUM: un condensato di momenti dedicati alla liuteria elettronica nel nuovissimo e prestigioso LOFT Kinodromo.
A cura della Redazione di Audio Central Magazine
 Schermata 2015-11-16 a 17.10.36

La nuova sede dell’Associazione Kinodromo ospiterà infatti il primo evento della serie SYNTHPOSIUM con esposizione di sintetizzatori analogici, digitali e modulari, presentazioni di nuovi strumenti da parte di brand del settore e una zona dischi con una selezione della migliore offerta tra nuove uscite e usato.

Frankfurt MusikMesse 2016: cambia qualcosa…

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Events

Con molto anticipo, riceviamo le prime informazioni ufficiali sui cambiamenti che caratterizzeranno l’edizione 2016 della MusikMesse di Francoforte (l’unica, ultima, grande fiera europea dedicata alla musica e agli strumenti elettronici). Diversi segnali erano nell’aria già ad Aprile scorso, se ne parlava tra gli addetti ai lavori e – in base al carattere individuale – se ne traevano auspici positivi o meno positivi. Sia come sia, nell’edizione 2016 ci saranno differenze di un certo rilievo, che è il caso di segnalare ora che, appunto, riceviamo il primo comunicato ufficiale.

Di Enrico Cosimi

Schermata 08-2457263 alle 14.00.36

I giorni di apertura sono cambiati, e anche la logica di apertura. Dal Giovedi 7 a Domenica 10 Aprile 2016 ci sarà il Musikmesse, tutti i giorni prevedono l’accesso indifferenziato a visitatori, trade buyer, stampa, eccetera (in precedenza, solo gli ultimi due giorni di fiera erano aperti al pubblico, i giorni precedenti erano dedicati esclusivamente agli operatori di settore); dal Martedi 5 al Venerdi 8 Aprile 2016 ci sarà il Prolight, quindi in solo due giorni sarà possibile visitare ambedue gli appuntamenti espositivi.

ga('send', 'pageview');