Spatialization in electronic music

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Events

Un alto momento di cultura e specializzazione scientifica, un personaggio di rilievo della musica elettronica contemporanea: mercoledì 28 settembre, alle ore 16:30, Curtis Roads, il compositore che ha legato il proprio nome allo sviluppo digitale della sintesi sonora granulare, terrà una conferenza presso l’Aula Magna del Dipartimento di Chimica dell’Università di Parma dal titolo «Spatialization in electronic music», destinata a diventare uno dei momenti culturali più intensi del 2016 parmigiano.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

roads

Si tratta, infatti, di un’occasione eccezionale per ascoltare dal vivo il principale protagonista vivente della sintesi granulare del suono, cioè di quel particolare metodo di creazione sonora complessa, generata dall’assemblaggio di microelementi di suono di infinitesima entità, i cosiddetti grani, prodotti artificialmente tramite metodi algoritmici in grado di agire sui singoli parametri sonori.

In questo modo, Roads può gestire lo sviluppo dei suoni controllandone la propagazione nello spazio e muovendoli a proprio piacimento per creare nuovi eventi sonori: «Progettare nello spazio è come creare una coreografia sonora: controllare le fonti e dare vita al movimento. È vero che i suoni registrati modellano lo spazio in cui vengono catturati, ma noi possiamo anche definire i parametri di uno spazio virtuale per i suoni» scrive Roads «Immergendo il suono in un riverbero profondo, è come far fare agli ascoltatori un bagno in un liquido lussureggiante; aumentando l’utilizzo di sistemi sonori polifonici o multichannel/multiloudspeaker, possiamo formare punti, linee, accordi, (forme geometriche in due e tre dimensioni) e nuvole sonore entro uno spazio fisico. La mia conferenza si appunta su vari temi: spazializzazione su scale multitemporali, upmix generativi, spazi virtuali, feedback ad eco su nastro e accordi nello spazio».

 

Nato nel 1951 a Cleveland, Curtis Roads ha insegnato all’Università di Harvard, al Conservatorio di Oberlin e anche all’Università «Federico II» di Napoli, ma la sua carriera è principalmente legata alla realizzazione, insieme ad Alberto de Campo, di software che hanno consentito una crescita esponenziale delle possibilità di scomposizione granulare del suono e di conseguenza dell’analisi stessa del fenomeno sonoro.

L’incontro, promosso da Fondazione Prometeo e organizzato in collaborazione con CREATE – Center for Research in Electronic Art Technology / University of California, Santa Barbara (USA) e il Dipartimento di Fisica dell’Università di Parma, precede il concerto di musica acusmatica inserito nel cartellone della rassegna internazionale di musica moderna e contemporanea Traiettorie, che si svolgerà il giorno successivo presso l’Auditorium Paganini, alle ore 20:30 e che prevede anche l’ascolto di due sviluppi di Roads per elettronica: «Epicurus» (2010) e il recentissimo «Then».

 

Mercoledì 28 settembre 2016, ore 16:30

Università degli Studi Parma – Aula Magna del Dipartimento di Chimica

(Parco Area delle Scienze, 17/A – 43124 Parma)

In collaborazione con

CREATE – The Center for Research in Electronic Art Technology

University of California, Santa Barbara, USA

e

Università degli Studi di Parma

Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra

 

La conferenza è ad ingresso gratuito.

 

Info: Fondazione Prometeo: tel. 0521 708899 – 348 1410292, e-mail: info@fondazioneprometeo.org

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *