Posts Tagged ‘moog’

Audulus per iPad – terza (e ultima) parte

Written by Antonio Antetomaso on . Posted in Software

Proseguiamo senza indugio nella nostra nostra attività di reverse engineering del Moog Prodigy in ambiente Audulus. La volta scorsa abbiamo “buttato giù” le patch per oscillatori e filtro. E’ il momento di affrontare il discorso relativo agli inviluppi, per capire, tra le altre cose, cosa va in ingresso al filtro e cosa in ingresso all’amplificatore.

Di Antonio Antetomaso

COPERTINA

Iniziamo a parlare allora del tanto caro “Loudness contour” che, secondo la filosofia Moog, indica sostanzialmente l’inviluppo che regola l’amplificatore. E qui arriviamo subito subito, tanto per rompere il ghiaccio, ad un altro problema legato alla “gioventù” di Audulus: l’inviluppo originale del Moog Prodigy è di tipo ADS con tempo di release attivabile e posto, in tal caso, pari al tempo di decadimento. Questo approccio, derivato sostanzialmente dal fatto (non dimentichiamo) che abbiamo a che fare con una macchina di fascia entry level, è valido anche per l’inviluppo del filtro (Filter Contour).

Descubriendo Moog 37

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Come promesso ieri, ascoltiamo e vediamo due simpatici videozzi che, senza pretesa alcuna, passano in rassegna (sarebbe corretto dire “spolverano”) le funzionalità del Moog Sub 37.

Di Enrico Cosimi

Schermata 09-2456910 alle 09.42.37

Come al solito, un sentito ringraziamento va alla Midiware, importatore italiano del marchio Moog, che ha cortesemente messo a disposizione la sua Demo Room e un raro esemplare dell’apparecchio. Buona visione.

Moog Sub 37 – L’appetito vien mangiando…

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Sin dal momento della sua presentazione (Winter Namm 2014 prima, e Frankfurt MusikMesse 2014 poi), il Moog Sub 37 ha gettato nella compulsione d’acquisto più spietata molti musicisti sparsi per il pianeta. Finalmente, in pieno backorder e in crisi di approvvigionamento, è stato possibile metterci sopra le mani per una giornata di prove ospitate nell’accogliente Demo Room Midiware.  I risultati sono stati più che lusinghieri.

Di Enrico Cosimi

Schermata 09-2456910 alle 09.41.51

Intendiamoci: non basta una giornata di smanettamento per apprezzare fino in fondo tutte le funzionalità che il nuovo apparecchio profonde a piene mani sulla già nota struttura Sub Phatty; ma, quantomeno, si è capito tutto il lavoro aggiuntivo che gli ingegneri Moog hanno messo su strada per raggiungere un insieme funzionale praticamente irresistibile. Come al solito, specie con i sintetizzatori, al meglio non c’è mai fine (basta aggiungere un osclllatore qui e un sequencer li…), ma occorre chiudere un progetto tenendolo all’interno dei target economici prefissati, altrimenti non se ne esce vivi. Detto questo, in queste paginette virtuali, elencheremo più o meno alla rinfusa i punti di forza dell’apparecchio, le cose che lo differenziano dalla concorrenza e dai precedenti modelli Moog; le cose, insomma, che dovrete tener d’occhio, dopo aver indossato le cuffie, quando proverete lo strumento dal vostro negoziante di fiducia.

Il grande gioco di fine Estate…

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Tutorial

Grazie al cielo, questa inquietante Estate 2014 sta volgendo al termine – perlomeno nel senso del calendario… Come tradizione, non può mancare un quiz con il quale mettere alla prova le proprie opinioni. E le proprie orecchie.

Di Enrico Cosimi

gioco

L’idea è relativamente semplice: grazie alla compiacenza di amici e parenti, si prendono sedici sintetizzatori diversi, li si imposta su un comportamento monofonico, se ne programma una timbrica generica e ci si registra un file .wav senza troppe pretese.

A questo punto, la domanda: avendo l’elenco dei sintetizzatori da una parte e la sequenza dei file audio dall’altra, sareste in grado di fare gli accoppiamenti giusti?
In bocca al lupo…

Moog Music MF-104M Super Delay

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Ad un prezzo parametrato sulla classe dell’apparecchio (799 dollàri) e con una produzione contingentata a soli 560 pezzi, torna il classico, cremoso, inimitabile analog BBD delay prodotto da Moog per la sua serie Moogerfooger. Dopo il 104Z da un secondo, dopo il 104M da 800 millisecondi con possibilità MIDI, è il momento del MF-104M Super Delay, letteralmente rimpinzato da ben sei integrati BBD vintage, con i quali raggiungere 1.2 secondi di ritardo full analog.

Di Enrico Cosimi

mf2

All’interno dell’apparecchio, trovano posto sei celle Panasonic NM3008 in serie, che raggiungono i 1200 msec, contro gli 800 della precedente versione MIDI equipped. La qualità timbrica è potenziata, nei limiti strutturali della tecnologia BBD, grazie all’adozione di un circuito Emphasis/De-Emphasis ottenuto devolvendo altre due unità BBD all’insieme; la tenuta sonora permette quindi di migliorare il rapporto S/N e la risposta in frequenza. Anche l’alimentazione è stata ridisegnata, per garantire maggior linearità; dal modello 500 Series, è stato estratto il comportamento di Delay Loop Level Matching, per garantire consistenza di livello nella gestione del percorso audio in feedback eventualmente sottoposto a trattamenti esterni.

Moog Werkstatt 2014 Kit: lo vedremo mai in Italia?

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

In occasione dell’epocale MoogFest 2014, il gruppo di geniacci capitanati da Mike Adams ha presentato un piccolo strumento in scatola di montaggio che si chiama Werkstatt (officina…). Inizialmente proposto come scheda da popolare con i componenti attraverso saldature e montaggi da tipico workshop, è stato successivamente convertito in semplice kit di assemblaggio (in stile KORG MS-20Kit, per intenderci), da montare “e basta”.

Di Enrico Cosimi

Schermata 06-2456820 alle 17.52.22

Quello che ha inizialmente raggelato gli entusiasmi è stato sapere che Werkstatt era dedicato esclusivamente al mercato statunitense, attraverso una rete di venditori – ben noti a tutti gli affezionati sintetisti – che non possono vendere al di fuori del territorio statunitense. Oggi, dopo una serie di interessanti indiscrezioni, sembra, si dice, pare, corre voce, si sussurra che forse dopo l’Estate potrebbe esserci una ri-edizione del Werkstatt in scatola di montaggio, ma questa volta disponibile per il mercato internazionale. Se son rose…

Intanto, diamo un’occhiata alle caratteristiche dell’apparecchio.

Effetti Minifooger, Drive, Boost, Trem, Ring

Written by Emiliano Girolami on . Posted in Gear

Lasciate ogni speranza voi che entrate. Dietro la porta c’è Bob Moog pronto a farvi cambiare tutte le convinzioni che avevate fino ad ora sugli effetti per chitarra o basso. Una nuova linea da Moog composta da cinque pedali. Ne abbiamo provati quattro.

Di Emiliano Girolami

Boost-3-4

Tutti uguali dal punto di vista meccanico, sono alloggiati in un contenitore metallico a prova di bomba e di forma ergonomica, atta a favorire l’intervento del piede sullo switch di attivazione.  Le connessioni sono tutte sul lato superiore. Si parte dall’alimentazione a 9V (negativo al centro) e, a seguire, troviamo uscita, input per pedale di espressione e ingresso.  Non vi nascondiamo che vederli tutti in fila sul pavimento fa un certo effetto.

MOOG Theremini

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Il Theremini è la ri-progettazione, aggiornata ai tempi moderni, del più antico strumento elettronico commerciale che la storia ricordi. L’eterofono di Lev Termen nasce all’inizio dello scorso secolo e – da subito – conquista l’immaginazione dei musicisti per l’unicità del suo funzionamento: suona senza alcun contatto fisico tra esecutore e apparecchio. La magia è assicurata. Oggi, Moog Music riscrive le regole presentando una versione dello strumento destinata a far discutere parecchio e ad entrare, prepotentemente, nella wish list di parecchie persone.

Di Enrico Cosimi

persp_front_left 2

Il Theremini è stato progettato per garantire soddisfazione immediata al musicista esperto, già abituato alla complessità della ricerca d’intonazione, e al musicista meno esperto, che può contare su una serie di aggiunte circuitale con cui facilitare le procedure di performance.

MOOG SUB 37 Tribute Paraphonic Analog Synthesizer

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Come al solito, in occasione delle grosse Fiere internazionali (NAMM e MusikMesse), si scatenano i peggiori rumori su quello che sarà o non sarà presentato al pubblico; in maniera non convenzionale, Amos Gaynes di Moog Music ha deciso di svelare l’esistenza del SUB 37 Tribute Paraphonic Analog Synthesizer, diffondendo un semplice disegno tecnico che, nelle ore successive, è stato affiancato a due possibili rendering di pannello. 

Di Enrico Cosimi

sub37-2

Per questo motivo, in modo del tutto innocuo e privi di pezze di supporto, ci siamo divertiti a leggere il disegno tecnico, verificando le possibili future capacità del nuovo sintetizzatore. Come è facile immaginare, non tutto potrebbe essere confermato, non tutto potrebbe appartenere alla realtà, non tutto potrebbe trovare riscontro commerciale. Procediamo per ordine.

Animoog per iPad in dettaglio – seconda parte

Written by Antonio Antetomaso on . Posted in Software

Nella prima puntata abbiamo parlato della tipologia di sintesi alla base di Animoog per iPad, la sintesi anisotropica, basata cioè sulle animazioni programmate in uno spazio X/Y di un set di forme d’onda più o meno complesse. Abbiamo iniziato ad discutere nel dettaglio delle parti significative del synth, analizzando le sorgenti sonore, la sezione di filtraggio e parlando dei particolarissimi Orbit e Path. È il momento di parlare delle sorgenti di modulazione, altro punto di forza di questo soft synth.

Di Antonio Antetomaso

a FIGURA1

E’ tutto nella schermata in figura, organizzato in modo sapiente ed efficace: sorgenti e matrice di modulazione.

ga('send', 'pageview');