Moog Werkstatt Expansion Board

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Il piccolo Werkstatt, nato come apparecchio da costruire sotto dettatura in occasione dell’ultimo Moogfest, è ora potenziato grazie alla disponibilità della Expansion Board, una piccola schedina che semplifica le connessioni da e per il mondo esterno.

Di Enrico Cosimi

Schermata 01-2457035 alle 16.03.55

Appena annunciato, il meccanismo di espansione si installa a pressione nel pettine di multiconnettori presenti sul pannello frontale del sintetizzatore e offre, per ciascun segnale, un mini jack ⅛” (perfetto, quindi, per il mondo Euro Rack) con il quale garantire la massima connettività.

Schermata 01-2457035 alle 16.04.11

Questi i collegamenti serviti:

INPUTS

  • VCA: 0V to +5V in VCA EG Mode, +/-2.5V in VCA ON Mode
  • VCF: -5V to +5
  • VCO LINEAR FM: +/-2.5V (This is an inverting control input) 
  • VCO EXPONENTIAL FM: -5V to +5V, 1V/Octave, trimmable
  • LFO CV: – 5V to +5V (Negative CV slows LFO more than panel) 
  • VCF AUDIO: Unbuffered/Unmixed AC coupled input to VCF.

OUTPUTS

  • KB CV: Nominal 0.3V/semitone from 1 octave keyboard (Attenuate for 1V/Octave)
  • GATE: 0V (off) to +5V (on) gate signal generated from low note priority/ legato Keyboard circuit. (This jack may also be used as a GATE INPUT.)
  • EG: Simple ASD or AD type Envelope Generator, 0 to +5V signal
  • LFO: -2.5 to +2.5V wave shape selected from LFO Wave Switch.
  • VCF: -2V to +2 V signal for audio or CV uses.
  • VCO: 0V to +5V signal, shape selected by VCO Wave Slide Switch.

Trentanove euro e passa la paura.

Qui, ulteriori informazioni.

Tags: , ,

Trackback from your site.

Comments (28)

  • frabb

    |

    non male, mi era passato per la testa di prendermi sto affare ma proprio la mancanza di connettività “facile” in cv mi aveva lasciato un po’ lì…. ora l’apparecchio assume diverso interesse… lei l’ha provato? Come suona “sul campo”?

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      suona molto più grosso e imponente di quanto non possa lasciar credere il package e il taglio dell’oggetto… :-)

      Reply

  • frabb

    |

    uhm capisco male io o comunque non c’è il gate in?
    Questo è poco divertente, molto limitante (cit.)…

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      eh già… niente gate input :-(
      comunque, è una delle modifiche più gettonate e più pubblicate in rete

      Reply

  • Max

    |

    Salve,
    una curiosità: expansion board a parte, il Werkstatt dialoga anche con moduli 5U? Per esempio un Sequencer Q119 della Synthesizers.com. Grazie.

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      si si, il formato elettrico è compatibile; bisogna solo fare i cavi giusti
      ah, occorre risolvere la mancanza di un GATE In, che è una delle necessità più indispensabili e – come modifica aftermarket – una delle voci più “gettonate” in rete 😉

      Reply

      • Max

        |

        Grazie mille Professor Cosimi,

        Uhmmm anche se la Befana è andata via da poco…credo che ci farò un pensierino, si.

        Reply

  • Alessandro

    |

    Salve a tutti, sapete indirizzarmi su un sito o blog che spiega come costruire l’ingrtesso Gate IN, però con la modalità soldering free? Non mi andrebbe di modificare permanentemente il mio scatolotto :-) Grazie.

    Reply

  • Alessandro

    |

    Scusate ancora, ma cosa vuol dire l.’ultima frase tra parentesi?
    GATE: 0V (off) to +5V (on) gate signal generated from low note priority/ legato Keyboard circuit. (This jack may also be used as a GATE INPUT.)
    Questo jack può essere anche usato come gate input??

    Reply

  • Andrea

    |

    buon giorno,

    mi potete dire se questo potrebbe essere adatto per approcciarsi al mondo dei sint analogici?
    Se ho ben capito con la scheda di espansione si possono poi aggiungere altri moduli, mentre non è possibile fargli arrivare suoni da tastiere via midi?
    Grazie,

    Andrea

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      beh, un werkstatt dotato di scheda espansione è molto più comodo da integrare con altre strutture esterne; manca ancora il MIDI per il controllo “di tastiera” dall’esterno, ma si può arricchire la circuitazione di base con tutti i moduli euro rack possibili e immaginabili…

      Reply

  • Andrea

    |

    grazie per la risposta e complimenti per il sito e la qualità dell’informazione.

    Reply

  • Andrea

    |

    approfitto di questo spazio per un ulteriore consiglio.
    Guardando un po’ qui (e altrove) ho anche visto il Dark Energy della dopfer: che differenze ci sono (di suono, espandibilità, …) con il Werkstatt?
    Esiste una guida (free o anche da acquistare) alla sintesi analogica che spieghi per bene come funziona (partendo dalle basi, passando a come costruire una patch, …)?
    Grazie ancora,
    Andrea

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      uno è stato concepito come “allenamento” per chi voleva divertirsi a saldare componenti (in america) e, ad un livello più alto, assemblare parti già popolate di componenti (nel resto del mondo); l’altro è un sintetizzatore completamente assemblato che prevede – da parte dell’utente – solo la pratica musicale

      tutti e due sono controllabili dall’esterno – il primo, meglio se dotato di opportuna scheda di espansione euro rack… – ovviamente, basta guardare i due pannelli comandi, il secondo ha più comportamenti da offrire

      per quello che riguarda la pratica della programmazione, io inizierei a cercare con google “free analog synthesis tutorial”… di sicuro esce fuori qualcosa :-)

      Reply

  • Andrea

    |

    ciao,

    grazie nuovamente.

    Reply

  • Antonio

    |

    Salve prof. Enrico, volevo chiederle com’è possibile collegare una tastiera al moog in questione , qual’è il metodo più semplice ed efficace ? ovviamente comprando qualche componete che me lo consente. Grazie.

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    se hai l’espansione montata – e dopo aver regolato il circuito – entri con il CV nell’ingresso VCO FM EXPONENTIAL e con il Gate nel connettore GATE

    Reply

    • Antonio

      |

      se parlassimo di una arturia keystep ? come potrei fare tutto ciò ? non capisco cosa intenda per regolare il circuito prof. , mi scusi per le mie domande ma non sono molto esperto. grazie.

      Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    con la keystep, prendi Pitch Out e lo metti in VCO FM Exponential; prendi Gate e lo metti nel connettore Gate

    quando monti la scheda di connessione, devi rifare la taratura dell’oscillatore – quella che hai fatto prima di avvitare il pannello – perché differisce dalla gestione “normale” con i tastini del pannello frontale

    Reply

    • Antonio

      |

      Grazie prof. capito perfettamente. Volevo chiederle un ulteriore cosa se me lo consente. Potrei inserire un altro oscillatore ? come potrei fare ? grazie.

      Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    devi sdoppiare il segnale PItch in uscita alla Keystep e mandarlo ANCHE all’ingresso CV di un secondo oscillatore, che poi collegherai come uscita audio all’ingresso vcf audio

    Reply

    • Antonio

      |

      capisco Prof. ma io volevo dire un altra cosa. mi spiego meglio. Il moog ha un sola oscillatore mentre io allo stesso moog vorrei aggiungere un altro oscillatore da far convivere con quello già esistente. Grazie.

      Reply

    • Antonio

      |

      Si prof. ma senza keystep come si può fare questo ? come aggiungo un oscillatore al moog senza la keystep ?

      Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    lo controlli come controlli l’oscillatore interno del werkstatt e lo porti all’ingresso audio del filtro

    Reply

  • Antonio

    |

    Grazie tante Prof. Cosimi , scusate le mi assidue domande.

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *