Posts Tagged ‘analogue solutions’

VInce Clarke VCX-378 Imaginator

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Sviluppato in collaboraazione con Analogue Solutions, il modulo Euro Rack Imaginator VCX-378 incarna un raffinato meccanismo di quantizzazione, trattamento e composizione algoritmica messo su strada da popolare tastierista degli Yazoo (prima) e degli Erasure (poi). Insomma, se siete sensibili al fascino elettronico britannico, non rimarrete indifferenti alla possibilità di aggiudicarvi – ma dovrete essere veloci – uno di questi moduli.

Di Enrico Cosimi

Schermata 11-2457352 alle 12.00.03

Direttamente nelle parole di Vince: “volevo un attrezzo che fosse pratico per generare pattern musicali basati su variabili controllabili dall’utente”. Praticamente irresistibile…

Analogue Solutions Eurokorn

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Nel mondo Euro Rack, non mancano gli step sequencer, ma un apparecchio 16×4 può fare la differenza. Anche se la sua dimensione (84HP) lo rende importante per i sistemi di medio passo.

Di Enrico Cosimi

eurokorn-w

Eurokorn è la versione ingegnerizzata per Euro Rack del precedente Oberkorn progettato anni orsono da Tom Carpenter; fatte salve le funzioni più strettamente collegate al MIDI – che trovava fisicamente posto sul pannello posteriore, qui assente, in Eurokorn non manca nulla del precedente disegno.

Analogue Solutions Nyborg-12

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Il nuovo strumento di Tom Carpenter strizza l’occhio al precedente Semblance, estraendo l’indispensabile per un’implementazione timbrica analogicamente corretta. Nyborg-12, questo il nome dell’apparecchio, è concepito per lavorare stand alone, per essere accoppiato in bifonia o pluri affiancato in quadrifonia, con possibilità di montaggio (in coppia) rack e alloggiamento predisposto con fianchetti in legno che – come tutti ben sanno – scaldano il suono… 😀 😀

Di Enrico Cosimi

nyborg

L’apparecchio possiede due oscillatori audio indipendenti per intonazione (fine e ottava) e scelta della forma d’onda. L’architettura mediata dal Semblance (a sua volta, mediata dal SEM Oberheim) privilegia i doppi percorsi di modulazione gestibili con attenuatore-crossfader a zero centrale; in questo modo, si può mandare il controllo sulla frequenza o sulla simmetria dell’onda quadra avendo cura di scegliere – per ciascun oscillatore – una sorgente di controllo diversa.

Phil Oakey sponsorizza Analogue Solutions Telemark V2

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Di sicuro, Phil Oakey sa come cucinare una hit elettronica: con i suoi Human League, ha venduto più di un milione di copie della hit Don’t You Want Me, nella sola Gran Bretagna. Il brano – il primo ad entrare in classifica senza essere suonato da umani… – era stato programmato su un vecchio sistema Roland System 100, sfruttando fino in fondo le caratteristiche offerte dallo step sequencer Model 104. Oggi, Phil Oakey ha sponsorizzato un altro prodotto della perfida Albione, ovvero la versione V2 del Telemark Analog Synthesizer prodotto da Analogue Solutions.

Di Enrico Cosimi

THLpic1

Disponibile da diversi anni, il Telemark  è un sint semimodulare significativamente ispirato allo stile trasfuso nell’Oberheim S.E.M. expander: due oscillatori, filtro a stato variabile 12 dB/Oct, doppio inviluppo semplificato, LFO semplificato, diverse funzionalità di patching con cui raggiungere punti critici della generazione sonora e alterare i comportamenti più significativi del percorso di modulazione. Oggi, è il momento della Version 2.

Analogue Solutions Polymath: qualche anticipazione

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

La versione parafonica del Telemark vedrà presto la luce; nel frattempo, possiamo consolarci – o arrotare i denti – sulle prime informazioni che iniziano ad apparire in rete. L’apparecchio, come tutte le realizzazioni di Tom Carpenter, sembra destinato a sollevare interesse per le soluzioni adottate, piacevolmente al di fuori del mainstream.

Di Enrico Cosimi

polymath

Polymath è un sintetizzatore analogico parafonico, cioè che articola il proprio canale di voce sulla presenza simultanea di più oscillatori resi indipendenti per controllo d’intonazione, ma ancora vincolati all’interno di un’unica struttura di filtraggio e amplficazione. Allo stesso modo pionierizzato in vecchie macchine Roland (o nel nuovo Waldorf Rocket), in questa maniera si possono contenere i costi, garantendo comunque la possibilità di prendere accordi.

Analogue Solution Vostok MatrixSynth: a un passo dalla storia

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Vintage

Anni orsono, in un’affollata edizione della Frankfurt Musikmesse, fummo contagiati dal Vostok Matrixsynthesizer e, inevitabilmente, scoppiò amore a prima vista. Ci vollero molti anni e, non ultime, i buoni uffici di Alex Cecconi, ma alla fine riuscimmo a convertire diversi litri di sangue in un esemplare Mk II, particolarmente aggressivo nel look e nelle prestazioni. Oggi, ad un passo dalla storia, quando sembra che tutto dovrà cambiare con la nuova versione Deluxe, è il momento di una retrospettiva approfondita.

Di Enrico Cosimi

Apertura

Lo strumento è passato attraverso diverse fasi evolutive: la prima versione era alloggiata in un cabinet in resina plastica (non particolarmente robusto, non troppo costoso, non tanto rassicurante), con paraspigoli sempre in plastica e maniglia in stile valigiona economica; al suo interno, trovavano posto due oscillatori analogici ed un terzo oscillatore wavetable caricato con un certo numero di forme d’onda digitali ottenute per sintesi additiva e con altri meccanismi di compilazione che, a fronte di un’oggettiva blindatura, garantivano al musicista la possibilità di affrancarsi abbastanza velocemente dalle sonorità tipicamente analogiche.

Analogue Solutions Telemark-K

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Tom Carpenter colpisce ancora… Dopo aver sbaragliato il mondo dei cloni con il Telemark,  la versione autoctona del prestigioso SEM Oberheim, dopo aver confermato la propria superiorità timbrica con l’edizione patchabile, approda ora alla versione K, ovvero la versione a tastiera  con patchbay del modulo di sintesi analogica.

Di Enrico Cosimi

La struttura di voce è profondamente influenzata dal design originale del SEM Oberheim, con due oscillatori, un filtro a stato variabile, due inviluppi semplificati, un oscillatore a bassa frequenza e raffinate possibilità di modulazione.

Analogue Solutions Leipzig-S

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Per Tom Carpenter, mastermind celata dietro il marchio Analogue Solutions, Leipzig è sinonimo di monofonico analogico particolarmente cattivo; nel corso degli anni, sotto questa sigla si sono avvicendati diversi hardware – ovvero, variazioni dello stesso hardware – accomunati da un motore di sintesi esemplare per prestazioni e ragionata economia di gestione. Come dire che Leipzig suona tanto, suona cattivo, è facile da usare per chiunque sappia cosa sia un filtro e un oscillatore. Meglio di così…

di Enrico Cosimi