Posts Tagged ‘Pittsburgh Modular’

Pittsburgh Lifeforms Modular

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Rispettando la compatibilità Euro Rack, Pittsburgh Modular ha annunciato due dei nuovi prodotti che saranno presentati alla prossima NAMM. Il sistema Lifeforms si articola in due unità indipendenti, meccanicamente e elettricamente compatibili con gli standard previsti da Dieter Doepfer.

Di Enrico Cosimi

Pittsburgh

Queste le caratteristiche più interessanti: circuitazione analogica per il percorso audio, con due oscillatori multiwave e filtro Pittsburgh originale; sezione di controllo con tastiera capacitiva Touch Control dotata di generazione CV/Gate, arpeggio, sequencer, trigger pad a funzione multipla, preset voltage richiamabili su pressione (in stile Buchla).

Pittsburgh Modular Switch

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Otto unità di ingombro Euro Rack per il nuovo modulo Pittsburgh Switch, in grado di offrire complesse interazioni sulla gestione audio e CV all’interno della patch. Ciascun canale del modulo offre on/off manuale individuale o configurabile master sugli altri canali. Quando il controllo è in off, il canale è disabilitato e non lascia passare tensioni o audio ad esso collegate; lo stato del canale può essere definito agendo sull’attuatore o inviando una tensione di controllo.

Di Enrico Cosimi

Switch pittsburgh

 

 

Ogni canale offre tre possibili uscite indipendenti, la prima è “ufficialmente” l’uscita del canale, le altre due appartengono ai bus A e B indirizzabili e raggiungibili tramite switch a tre posizioni dedicato. In questo modo, un qualsiasi segnale collegato in ingresso può solo essere interrotto/disabilitato o inviato su una di tre possibili destinazioni.

Con quattordici interruttori manuali e quattro ingressi di CV, si possono mettere sotto controllo percorsi audio e di gestione che variano  – nella patch – a seconda delle necessità estemporanee.

 

Pittsburgh Modular Patch Box

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear

Al confine tra il mondo Euro Rack e la prateria di opzioni geetaristiche, il nuovo cabinet Pittsburgh Modular permette l’alloggiamento di strutture modulari in completa integrazione audio/controllo.
In questo modo, una scelta ragionata di comportamenti modulari (filtri, trattamenti, ma anche generazioni timbriche parallele) possono essere controllati e gestiti in punta di piedi.
A cura della Redazione  di Audio Central Magazine
Schermata 05-2457154 alle 11.57.34
La struttura offre connessioni predisposte per ingresso e uscita audio; i segnali audio in ¼” sono convertiti in formato mini jack ⅛”, per il patching diretto con i moduli Euro Rack.

Pittsburgh Modular Analog Replicator

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Un analog delay è, da sempre, in grado di stregare l’ascoltatore non solo per le caratteristiche funzionali del circuito di ritardo, ma anche per le caratteristiche timbriche sovrapposte al segnale passante. Analog Replicator  di Pittsburgh Modular ha parecchie coserelle interessanti nascoste sotto al pannello comandi.

Di Enrico Cosimi

analog replicator news

 

Dotato di una coppia di integrati BBD da 4096 celle cadauno, può generare ritardo pari a 2.6 secondi con una banda passante sufficientemente estesa. Grazie all’interruttore short/long, può essere velocemente configurato per comportamenti di modulazione o trattamenti di ribattuto generico.

Pittsburgh Modular Dual Ring

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Il doppio modulatore ad anello inaugura la serie dei moduli Pittsburgh prodotti in serie limitata. In pratica, per un numero contingentato di pezzi, in un periodo di tempo volutamente limitato, saranno disponibili – caso per caso – diversi circuiti particolari non abitualmente riportati nel catalogo ufficiale. In questo modo, i musicisti alla ricerca del comportamento sfizioso, o della chicca unica e irripetibile, potranno contare su caratteristiche d’impiego interessanti e destinate ad una quasi certa rivalutazione commerciale.

Di Enrico Cosimi

pittsburgh

Un modulatore ad anello è un semplice circuito che produce, alla sua uscita, somma e sottrazione per ciascuna coppia di armoniche riscontrate nella coppia di segnali all’ingresso; se lo stesso segnale è collegato alle due porte, in uscita si ottiene lo stesso suono all’ottava superiore. Entrando nel circuito con due semplici sinusoidi A e B, si otterrà A+B e A-B, ma (attenzione…), vista la natura di modulazione bilanciata propria del RM, mancheranno i segnali originali A e B.

Pittsburgh Modular Complete Cell [90] Foundation System

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Pittsburgh Modular ha firmato diversi circuiti Euro Rack caratterizzati da divertenti soluzioni operative. Dopo aver popolato il proprio catalogo di moduli con cui coprire i diversi compiti di sintesi, in occasione dell’ultima NAMM, Pittsburgh Modular ha presentato diverse soluzioni preconfigurate, veri e propri sistemi modulari omnicomprensivi, pronti al patching ⅛” più sfrenato. Tra questi, il Complete Cell [90] Foundation è il più potente.

Di Enrico Cosimi

90 full

Alloggiato in due boat metalliche, tenute in posizione da spessi fianchetti in legno, il sistema ospita due blocchi indipendenti (Foundation Desktop e Foundation Desktop Expander) configurati per offrire un logico percorso left-righ sorgente – destinazione.

Pittsburgh Modular Foundation

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Pittsburgh Modular è uno dei produttori Euro Rack di tendenza, con una serie ben mirata di moduli che possono rinforzare le capacità timbriche di diversi ambienti di programmazione sonora. Caratterizzati da un look Dymo Label, i diversi moduli sono di facile

Di Enrico Cosimi

La configurazione Foundation realizza una voce completa di sintesi completamente patchabile composta da: MIDI to CV, 2 Oscillator, 2 LFO, Ring Mod, Mixer, MultiMode Filter, 2 ADSR, 2 VCA, Output, 2 Multiples.