Strymon Generalissimo Four Head dTape Echo

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Grande sensazione ha suscitato, alla NAMM, il debutto di Strymon nel mondo dei moduli Euro Rack: da sempre produttori di prestigiossimi floor processor per chitarristi e tastieristi, i geniacci Strymon hanno deciso di esportare uno dei loro più performanti algoritmi di tape delay simulation all’interno di un hardware largo 28 HP che, letteralmente, chiede di essere installato nel vostro cabinet modulare.

Di Enrico Cosimi

Generalissimo Panel

Siamo ancora alle informazioni preliminari – la disponibilità annunciata è per la ventura Estate 2016 (ma c’è chi, come il sottoscritto, ha già provveduto a piazzare un ordine…) – ed è comunque possibile tracciare un quadro d’insieme che potrà tornare poi utile quando, finalmente, avremo sotto le mani l’apparecchio.

Generalissimo, questo il nome fulminante dell’apparecchio, sfrutta l’algoritmo dTape (cercate sul sito Strymon il white paper che ne descrive dettagliatamente il comportamento: è una lettura assai istruttiva) per realizzare – in logica 1 comando/1 funzione – tape delay a quattro testine virtuali con funzioni di loop, sound on sound e sincronizzazione; tutti i parametri più importanti dal punto di vista performativo e di sound design prevedono il controllo CV dall’esterno. Decisamente, niente male.

Il motore interno si basa su un micidiale processore Analog Devices SHARC ADSP-21369, con una core instruction rate pari a 366 MHz, in grado di arrivare a 2.4 Gigaflops di picco durante la performance. L’audio è trattato a 24 bit/96 kHz di conversione AD/DA, con rapporto S/N tipico pari a 115 dB. Il segnale diretto rimane sempre in analog dry path; la risposta in frequenza è 20-20.000 Hz.

Un primo bilancio

Generalissimo può fare cinque cose diverse, ovviamente afferenti al mondo del tape delay:

Four Head Tape System

Un eco a nastro dotato di quattro testine di lettura è in grado, nel regime analogico, di leggere lo stesso segnale con quattro diversi intervalli di tempo/ritardo, creando ritmiche nelle ribattute o precise costruzioni espressive. Il comportamento delle testine virtuali e del motore tape è configurabile nei classici punti caratteristici di Wow & Flutter, risposta alle variazioni di Record Level, Low Cut. Il nastro magnetico può essere invecchiato con Tape Age e Crinkle. Ciascuna delle quattro testine magnetiche è dotata di livello d’uscita e abilitazione On/Off indipendente; il feedback è regolabile con un controllo generale di intensità, mentre le singole testine possono essere abilitate individualmente al riciclo di segnale (ricordiamo che, nelle storiche camere echo tape Roland, solo una testina è abilitata al feedback).

Sound On Sound Looper

Si può convertire il funzionamento della quarta testina in modalità registrazione, lasciando le altre tre nel normale modo delay. Ribattute e sovrapposizioni timbriche sono facilmente gestibili da pannello; si può navigare nell’audio catturato dal Sound On Sound attraverso Trigger che riporta il playback dell’audio al punto di partenza.

Vintage Spring Reverb

E’ un generatore indipendente di trattamento, dedicato alla simulazione del riverbero a molla; l’effetto è regolabile in intensità, non in durata. Come nel mondo reale.

Timing Delay

Le quattro testine, di base, sono allineate ritmicamente per produrre, dalla quarta testina intervalli di un quarto calcolati in rapporto alla velocità definita attraverso Tempo Tap o impostata via Clock Input; le altre tre testine possono essere “spostate” lungo l’asse temporale per realizzare sedicesimi, ritmi terzinati o figurazioni irregolari. Ogni testina ha il proprio jack di Clock Out, che rende disponibile segnali di clock suddivisi e calcolati in base alle divisioni selezionate a monte.

Self Oscillator

Con il Feedback al massimo, Generalissimo entra in auto oscillazione, producendo un segnale che può essere intonato agendo sul controllo di Speed. Chiaramente, non è un oscillatore full function, ma l’interazione tra auto oscillazione e comportamenti timbrici conseguenti al deterioramento del nastro virtuale e del motore di trascinamento virtuale, possono portare a risultati sonori piacevolmente inaspettati.

Controlli di pannello

Le funzioni immediatamente regolabili comprendono: Tempo Tap, Speed, Dry Signal Level, Playback Level, Feedback, Record Level, Low Cut, Tape Age, Crinkle, Wow & Flutter, Spring Reverb Level. Sound On Sound On/Off, Tape Head Feedback On/Off individuali, Tape Head Level individuali.

Control Voltage

I parametri Speed, Playback Level, Feedback Amount e Reverb Level sono i più evidenti punti di destinazione per i segnali di controllo ricevuti dall’esterno. Il Sound On Sound può essere triggerato dall’esterno per tornare velocemente all’inizio. Le quattro testine emettono altrettanti flussi di clock per agganciare apparecchiature esterne.

Campi di applicazione

Fatto # 1: quando un produttore di floor processor pensa alle connessioni In/Out, tende a privilegiare la mono auralità di chitarra e basso, rispetto alla possibile stereofonia dei segnali provenienti da tastiere e sintetizzatori.

Fatto # 2: un effetto Euro Rack – tipicamente, delay – è mono in / mono out; un riverbero Euro Rack può, nei casi più fortunati, essere mono in / stereo out.

Fatto #3: Strymon produce floor processor Stereo In / Stereo Out adatti tanto ai cordofoni quanto ai sintetizzatori. (Dieci minuti di applausi a scena aperta).

Fatto # 4: Strymon Generalissimo offre, nel panorama Euro Rack, Left & Right Input e Left & Right Output. Le uscite sono configurabili come coppia stereo standard o come coppia Dry/Wet. (Venti minuti di applausi a scena aperta).

Il prezzo annunciato è pari a 599 dollàri, la disponibilità è per Estate 2016.

 

Tags: ,

Comments (2)

  • Jacopo

    |

    Caro Professore,
    immagino il momento nel quale di fronte a questo tapedelay la sua arteria drone ha sussultato e, riverberando in uno spasmo della mano, le ha fatto cliccare su “order”…
    più difficilmente riesco ad immaginare in che modo sia riuscito ad abbandonarsi in questo gesto senza imbattersi in gravi dilemmi di coscienza… l’imminente arrivo del rainmaker dell’intellijel non rende impossibile la fuga da questo struggimento?… come ha potuto – oh maestro – schierarsi da una parte piuttosto che dall’altra senza farsi lacerare dai rimorsi?

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      forse, una valutazione squisitamente “dimensionale”?
      forse il fatto che ho già da diversi anni, orgogliosamente, Timeline e Big Sky?

      boh

      Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *