DSI Mopho X4: è arrivato il Mopho polifonico!

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Dave Smith ha inventato strumenti musicali storici come il Prophet 5, ha messo a punto protocolli d’interfacciamento epocali come il MIDI, ha permesso a tutti di lavorare con macchine professionali low cost come l’Evolver. Oggi, forte di una credibilità inscalfibile, presenta la versione X4 del Mopho synthesizer: il nuovo DSI Mopho X4.

Di Enrico Cosimi

Qui sotto, le anticipazioni più interessanti su questo apparecchio che sembra avre parecchie cose irresistibili al proprio interno:

  • quattro volte la stessa architettura Mopho, sotto controllo di una tastiera 44 note – come il Model D, per intenderci, sensibile alla dinamica e all’aftertouch;
  • ciascuna voce Mopho è composta da due oscillatori analogici, con due suboscillatori, filtro Curtis CEM low pass a 4 o 2 poli, tre inviluppi a 5 stadi, quattro LFO, un arpeggiatore re-latchable, un sequencer 16×4 indirizzabile;
  • ogni voce può contare su 20 sorgenti e 50 destinazioni di modulazione; in aggiunta, c’è la FM lineare sul filtro, il feedback audio per la costruzione di timbriche distruttive;
  • il pannello frontale offre una selezione dei parametri più indispensabili all’editing veloce;
  • lo strumento supporta il protocollo Poly Chain, per la costruzione di strutture polifoniche ottenute integrando diversi apparecchi con connessioni MIDI in cascata; in questo modo, si possono superare le quattro voci di base per raggiungere 8, 12 o 16 o 20 voci, a seconda del numero di macchine hardware fisicamente disponibili nello stesso momento;
  • connessioni stereo audio out, collegamenti per expression e damper pedal, porte MIDI e USB per la connettività.

Sembrerebbe irresistibile…

Tags: , , , , ,

Trackback from your site.

Comments (2)

  • Fabrizio

    |

    Ciao Enrico…ho letto in rete che dovrebbe avere un prezzo inziale di 1.299,00 $…non vedo l’ora di sentire le prime demo e magari di metterci le mani sopra.
    Certo che con tutte queste nuove uscite, quest’anno, c’è da perdere la testa…e sopratutto una bella quantità di denari! ciao

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      sembra veramente interessante;

      concordo: se non fosse per la crisi che ci attanaglia, sarebbe veramente difficile tenersi i soldi in tasca… invece, non avendoli proprio, è tutto molto più facile :-)

      Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *