Posts Tagged ‘interfaccia’

Focusrite Scarlett 2i4 USB Audio Interface

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Gear, Recording

Inconfondibile, nella sua livrea scarlatta in alluminio anodizzato, la nuova interfaccia audio Focusrite è una 2 in / 4 out su USB che incorpora due preamplificatori Focusrite con cui gestire segnali microfonici e di linea.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

Le funzionalità di pannello comprendono i due ingressi combo XLR/TRS, due canali di regolazione Gain con visualizzazione LED tricolore (green, yellow, red) che incorona il comando Gain, selettro Line/instrument, Pad Attenuation.

MOTU Track 16

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Recording

MOTU ha presentato la nuova studio interface Track 16, un’interfaccia desktop particolarmente compatta che, grazie ad un breakout connector, può gestire traffico audio in formato 16×14 (cioè sedici ingressi e quattordici uscite) su connessione FireWire o USB 2.0 per Mac e PC. In aggiunta, l’apparecchio gestisce i/O ottico, MIDI I/O, SMPTE timecode I/O, con tanto di digital mixer interno a 16 bus, riverbero, eq, compressione, tools di audio analisi, FFT, spettrogramma e tuner.

Di Enrico Cosimi

L’unità di base, l’interfaccia vera e propria, è alloggiata in un solido scatolotto di alluminio scavato dal pieno - in quella tecnologia che, nell’epoca Apple, è stata veicolata come “unibody”. Il pannello frontale ospita un connettore hi-Z per chitarra e basso elettrico, in ingresso di linea stereo su mini jack da ⅛”, due uscite per cuffia parallelate tra loro (su connettori ¼” e ⅛”). Sul pannello posteriore, l’ormai classico multiconnettore DB25 offre sfogo al breakout esterno – ulteriori particolari in seguito – e condivide lo spazio utile con le connessioni FireWire 400, USB 2.0, optical I/O digitale in grado di veicolare otto canali indipendenti 1x, più quattro canali di SMUX a 2x e un TOSlink stereo a 96 kHz. Grazie alla connessione ottica, si possono agganciare altri apparecchi come MOTU 8pre alla Track 16, espandendo le possibilità complessive.

RME Fireface UCX Standard Edition

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Recording

Dal prossimo Aprile 2012, Fireface UCX sarà venduta senza Basic Remote Control; RME ha scoperto che gli utenti preferivano di gran lunga il più potente Advanced Remote, con sei tasti programmabili dall’utente; pertanto, fino a esaurimento scorte, la UCX continuerà ad essere fornita con il Basic Remote… a fine forniture, si scende di prezzo.

 

di Enrico Cosimi

 

 

In breve, ricapitoliamo le funzionalità della Fireface UCX: 36 canali audio USB e FireWire, in formato hardware particolarmente compatto e portatile half rack; trattamento audio AD/DA a 192 kHz, 114 dB di dinamica audio; la latenza è praticamente inesistente (0.4 msec @ 48 khz), tale da considerare il classico analog digital monitorin come un vero e proprio real analog monitoring.

 

 

Grazie al Class Compliant mode, la Fireface UCX può lavorare con iPad e iPad 2, con otto anali di registrazione, playback stereo 24 bit @ 96 kHz, preamplificatori microfonici con equalizzazione, doppia porta MIDI in grado di gestire flussi di dati “intensi” come i dati sysex.

UCX è fornita con TotalMix e agisce attraverso active jitter suppression, per la massima linearità di funzionamento.

 

RME Fireface UFX

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Recording

Grazie alla tecnologia DURec, la Fireface UFX è l’unica interfaccia audio attualmente in distribuzione che garantisce la registrazione e la riproduzione audio di 60 possibili canali indipendenti direttamente scritti e letti da hard disk o da USB-pen collegati all’apparecchio. Il tutto, senza computer in giro.

di Enrico Cosimi

Immaginate una sala prove, una sala da concerto o una struttura in cui, fatto il posizionamento microfonico, non ci siano altre necessità che giustifichino il controllo su schermo classico del PC: con Fireface UFX, si può registrare direttamente su supporto digitale; in alternativa, si può lavorare con un computer di gestione, ma senza alcun tipo di software DAW proprietario, o si può passare “tradizionalmente” attraverso una DAW vera e propria.

Il driver TotalMix, fornito in dotazione, permette di armare le tracce di registrazione e di lavorare in completa autonomia. Fino a 8 diversi setup possono essere salvati per richiamare settaggi, impostazioni di registrazione, routing degli ascolti in cuffia, eccetera.