RME Fireface UCX Standard Edition

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Recording

Dal prossimo Aprile 2012, Fireface UCX sarà venduta senza Basic Remote Control; RME ha scoperto che gli utenti preferivano di gran lunga il più potente Advanced Remote, con sei tasti programmabili dall’utente; pertanto, fino a esaurimento scorte, la UCX continuerà ad essere fornita con il Basic Remote… a fine forniture, si scende di prezzo.

 

di Enrico Cosimi

 

 

In breve, ricapitoliamo le funzionalità della Fireface UCX: 36 canali audio USB e FireWire, in formato hardware particolarmente compatto e portatile half rack; trattamento audio AD/DA a 192 kHz, 114 dB di dinamica audio; la latenza è praticamente inesistente (0.4 msec @ 48 khz), tale da considerare il classico analog digital monitorin come un vero e proprio real analog monitoring.

 

 

Grazie al Class Compliant mode, la Fireface UCX può lavorare con iPad e iPad 2, con otto anali di registrazione, playback stereo 24 bit @ 96 kHz, preamplificatori microfonici con equalizzazione, doppia porta MIDI in grado di gestire flussi di dati “intensi” come i dati sysex.

UCX è fornita con TotalMix e agisce attraverso active jitter suppression, per la massima linearità di funzionamento.

 

Tags: , , , , ,

Trackback from your site.

Comments (10)

  • mirko

    |

    Buongioro,
    scusate se mi aggancio ad un post un pò vecchiotto ma torna utile al mio caso.
    Vorrei acqusitare una nuova scheda audio e non saprie decidermi su quale marca e modello orientarmi.
    Le mie esigenze principali sarebbero quelle di poter lavorare a 44/48 Khz, poter collegare due synth esterni (Juno 106 e Roland MC202) ed inoltre far passare il segnale dei synth (sia esterni che vst) all’interno di un preamplificatore Neve 1076 e poi riregistrarlo dentro al sequencer.
    Potete aiutarmi?

    Grazie

    Reply

  • mirko

    |

    Scusate l’ignoranza ma non ho capito una cosa: sul sito Rme c’e’ scritto che la Fireface UCX ha 36 canali.
    Ma io non vedo 36 “buchi” ((vi prego non ridete!) dove attaccare i jack.

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    c’è poco da ridere! è una domanda più che legittima… :-)

    I produttori tendono a “farsi belli” elencando tutti gli ingressi e le uscite COMPRESI QUELLI SOTTO FORMA ADAT, cioè utilizzabili attraverso connessione digitale a patto di avere convertitori e hardware aggiuntivi…

    all’atto pratico, cioè senza voler spendere una lira in più del prezzo di listino, occorre contare con cura i jack sui pannelli frontale e posteriore per sapere quanti canali “pratici” sono simultaneamente disponibili

    😉

    Reply

  • mirko

    |

    Io Le voglio bene!
    Un’altra cosa: perché aggiungere in una scheda audio, che come compito avrebbe quello di acquisire un segnale, un sistema DSP per processare il suono?
    Il mixer software della RME mi sembra un pò un giocattolo…

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      serve per poter fare a meno di tutto l’armamentario nei casi di emergenza… 😉

      Reply

  • Roberto

    |

    Ciao Enrico, mi permetto di riesumare un vecchio post per farti questa domanda:
    Utilizzando la ucx con diversi synth e drum machine hardware e effetti esterni hardware, ho bisogno di acquistare un mixer hardware, collegarci su tutto ed entrare nella scheda?
    Grazie

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      se hai più macchine di quante porte disponga la scheda, sicuramente!

      Reply

      • Roberto

        |

        Ciao Enrico e grazie per la risposta.
        In realtà ce la faccio, ma il mio dubbio è rivolto ai pre.
        Ho i pre soltanto sui canali 1 e 2, vorrei poterli usare su tutti gli strumenti ed è per questo che pensavo al mixer.
        Però poi sorge il secondo dubbio: utilizzare i pre del mixer o quelli della scheda?
        L’ultimo dubbio in questione è sugli effetti. Adesso li uso con il send-return della scheda, ma anche ad effetti spenti ho una riduzione di segnale di circa 8db.
        Perchè succede? Con un mixer hardware avrei lo stesso “probema”?
        Grazie

        Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    sospetto che fino a quando non inizierai a usare pre da 2000/5000 euro cadauno, non ci saranno tutte queste differenze qualitative nella componentistica che usi 😉

    gli effetti collegati in send/return a un mixer tradizionale NON creano alcun tipo di perdita di livello grazie alla presenza di regolazioni di return level e send level

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *