MOTU DP9: aggiornamenti dalla NAMM

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in Recording, Software

Segnaliamo i miglioramenti apportati a Digital Performer 9 e mostrati al pubblico in occasion dell’ultima NAMM. Il programma sfruta ora il sound engine Pre-gen, che rende l’audio particolarmente trasparente sia per la gestione delle tracce che per la resa dei virtual instruments o plug-in utilizzati; il tutto, riducendo il carico sulla CPU.

A cura della Redazione di Audio Central Magazine

DP

In questo modo, da bench test effettuati, il programma riesce a caricare dieci volte il numero di plug-in gestiti prima del Pre-gen. Durante il NAMM Show, DP9 ha fatto faville facendo girare 150 istanze di strumenti simultaneamente (compresi grossi calibri come Kontakt Cinsamples librarian, eccetera).

La latenza è stata dimezzata, arrivando a valori notevoli: in un round-trip latency test (RTL) effettuato con una 1248 Firewire MOTU Thundebolt Interface, è stata misurata una latenza pari a 1.38 millisecondi, con un buffer pari a 32 sample @ 96 kHz.

Il nuovo plug-in SMPTE-Z genera time code longitudinale LTC sia sotto aggancio alla Timeline di DP, sia in modalità Freewheel. L’opzione Stillframe permette il prolungamento della generazione anche quando il programma è in stop. Il Timecode può essere inviato ovunque sfruttando le assegnazioni delle tracce audio.

La funzione Hardware Insert permette di collegare qualsiasi outboard esterno in insert per processare i segnali interni; è prevista la possibilità di misurare automaticamente la latenza send/return e compensare automaticamente la risposta del programma.

La disponibilità di Digital Performer 9.02 è prevista per la Primavera 2016; l’upgrade con SMTE- e Hardware Insert è previsto in free update per l’Estate 2016.

 

Qui, per saperne di più.

Tags: ,

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *