Posts Tagged ‘recording’

L’imbuto e la cornucopia (seconda parte)

Written by Jacopo Mordenti on . Posted in Recording, Tutorial

Passiamo dall’universale al particulare: per scompaginare le carte del routing del segnale ci appoggiamo alla combinazione fra 1616m di E-MU e Cubase LE di Steinberg. La prima, ancorché fuori produzione, è una scheda audio che si fa forte non solo e non tanto di un nutrito parco di input e output, quanto soprattutto di un programma di controllo piuttosto flessibile: Patchmix DSP, un vero e proprio mixer virtuale modulare.

Di Jacopo Mordenti

emu_1616M_main

 

Il secondo, ancorché privo di molte features dei fratelli maggiori, risulta essere a tutt’oggi una DAW completa e capace di lavorare agevolmente su più bus di uscita (fino a 4, per l’esattezza).

L’imbuto e la cornucopia (prima parte)

Written by Jacopo Mordenti on . Posted in Recording, Software

Complice probabilmente la proverbiale leggerezza dei menù delle feste, mi capita in questi giorni di fare un sogno ricorrente: mi trovo nel mio home studio e vorrei tanto registrare qualcosa, ma quando mi avvicino alla mia DAW tutto quello che trovo è… un imbuto.

Di Jacopo Mordenti

mbuto

Sissignori: un imbuto, dove tutto confluisce e nulla fuoriesce. Una gabbia dorata straripante di tracce, di virtual instruments, di effetti: possibile che non ci sia modo di scardinarla? Possibile che non ci sia modo di trasformare l’imbuto in una cornucopia?

Alberto Rossetto, il location recording e il mix

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Recording

Abbiamo incontrato Alberto Rossetto durante la sessione di mix dell’album IT Decay degli Eridana. La band è composta da Emanuele Bartoli (chitarra e voce), Andrea Cetta (batteria) e Alessandro De Berti (basso e produzione artistica). I pezzi sono stati registrati in location recording. Tutte le apparecchiature necessarie alla registrazione sono state installate in un casale nei pressi di Roma. Musicisti e tecnici hanno lavorato in un ambiente informale e stimolante con ritmi di lavoro e tempi molto diversi da quelli tipici dello studio.

 di Emiliano Girolami

Alberto è uno dei promotori di M.I.L.K. (Minds In a Lovely Karma), una organizzazione che si propone di fornire servizi innovativi ai musicisti. La realizzazione di un album (o di un video) è un processo creativo. Le tecniche e le modalità operative, però, sono molto sofisticate e sovente richiedono un approccio scientifico. Obiettivo dei ragazzi di M.I.L.K. ci sembra quello di liberare gli artisti dai vincoli tecnici lasciando spazio, tempo ed energie alla creatività. La tecnologia esiste ed è quella giusta, il lavoro è però organizzato in modo da portare in secondo piano tutto quello che può distrarre dagli obiettivi artistici.

 

La proposta ci sembra interessante e abbiamo deciso di seguirla. Nei video che seguono Alberto ci descrive il suo approccio al location recording e, con riferimento specifico al lavoro con gli Eridana, l’approccio seguito nella realizzazione del mix.

 

Rimanete sintonizzati per le prossime puntate.

PLUGIN ALLIANCE Maag Audio EQ4

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Recording

Maag Audio EQ4 è un plug-in d’equalizzazione a sei bande, con esclusivo controllo sulla AIR BAND; è disponibile nei formati AAX, AU, RTAS, TDM, Venue, VST, per le piattaforme Mac/PC. Maag Audio privilegia un design che consente di tenere al minimo indispensabile le cancellazioni di fase tra una banda e l’altra. Direttamente ispirato all’hardware originale – in formato Series 500 – sviluppato da Cliff Maag, riprende buona parte delle prestazioni hardware originali, che lo hanno fatto apprezzare nei mixaggi vocali di Madonna, Celine Dion, Black Eyed Peas, Justin Timberlake e Barbara Streisand, tanto per nominarne qualcuno…

di Enrico Cosimi

Come in ogni equalizzatore su questo pianeta, ciascuna banda interagisce con le altre adiacenti, la AIR BAND permette di agire simultaneamente sull’intera curva impostata dall’utente e, in misura minore, sul livello generale. Per mantenere bilanciato il livello durante le procedure d’equalizzazione, si può agire per sottrazione sulle altre bande o si può ricorrere al Level Trim, che permette di abbassare o enfatizzare l’intero livello del segnale mantenendo così il corretto rapporto wet/dry. Le singole bande possono essere resettate con Alt/Click per riportare alla linearità il segnale passante.