Posts Tagged ‘physical modeling’

Intellijel Plonk

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Il modulo Plonk, frutto dello sforzo congiunto di Intellijel e Applied Acoustics Systems/AAS, è in grado di offrire timbriche interessanti e poco analogiche attraverso l’impiego della sintesi per modelli fisici. In coda a questo testo, trovate diversi link a risorse dove approfondire l’argomento. Per ora, basterà evidenziare grossolanamente come, con questa tecnica, sia possibile emulare un comportamento acustico (corda pizzicata o confricata, membrana percossa, eccetera) modellando – appunto – un meccanismo matematico che reagisce nel modo più accurato possibile. Come è facile immaginare, se un modello matematico raggiunge un livello di complessità analogo a quello del modello reale, il suo impiego potrebbe risultare altrettanto complesso… insomma, un fagotto modellato numericamente (come nel vecchio Yamaha VL-1) potrebbe essere difficile da suonare quasi quanto un fagotto “vero”. Nel caso di Plonk, l’interesse è concentrato sulla produzione timbrica di sonorità (inizialmente) percussive, ma – come sempre quando i sistemi sono flessibili – è facile allontanarsi e raggiungere comportamenti diversi.

Di Enrico Cosimi

PLONK panel

Dal punto di vista fisico, Plonk è largo 12 HP, ha profondità skiff friendly pari a 44 millimetri, assorbe 170 mA dall’asse +12V e 6mA dall’asse -12V dell’alimentazione. Come tradizione Intellijel, organizza la superficie di comando in parametri principali con comando dedicato e attenuverter per la gestione bipolare delle tensioni di controllo. In aggiunta, un irresistibile display OLED a due righe permette la navigazione dei parametri; la polifonia sviluppata è pari a due voci, da non intendersi in senso bachiano del termine, quanto per garantire la giusta sovrapposizione tra le code di decay/release degli eventi percussivi programmati.

Sempre secondo tradizione Intellijel, si può iniziare a smanettare da subito – e i risultati non tardano – ma una letta al manuale operativo è caldamente consigliata.

Ableton Tension – Terza parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Tutorial

Chiudiamo la panoramica sul funzionamento di Tension prendendo in considerazione il contributo timbrico del Body e dei parametri analogici compresi nella seconda pagina del sintetizzatore.

Di Enrico Cosimi

 

13 Tension - Body models

Macro equalizzazione con la scelta della cassa risonante Body

La cordiera di un pianoforte a coda suonerebbe in maniera assai deludente se ascoltata al di fuori del mobile che contiene la tavola armonica; allo stesso modo, una sei corde acustica suona in maniera evidentemente diversa da una solid body elettrica. In tutti e due i casi, il contributo del body, cioè del sistema di cassa, tavola armonica e “contenitore” dello strumento è fondamentale per impartire al suono della sorgente sonora virtuale un determinato profilo formante di macro equalizzazione.

AAS Tension – Seconda parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software

Abbiamo visto come venga definita la corda virtuale di Tension e come sia possibile applicare Vibrato alla sua intonazione nominale; come promesso, è il momento di concentrarsi sulle funzioni di eccitazione e smorzamento. Omnia munda mundis.

Di Enrico Cosimi

07 Tension Excitator stnd

Chi mette in movimento (e come) la corda? La sezione Excitator

L’eccitatore è il sistema previsto nell’algoritmo di Tension per mettere in moto la corda, cioè per impartire l’energia iniziale all’intero sistema di generazione; come è facile immaginare, cambiano il modo con cui l’eccitatore innesca il movimento della corda, varierà significativamente il comportamento della medesima e, di conseguenza, il timbro generato.

AAS Tension – Prima parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software

L’instrument Tension, sviluppato da AAS per la suite Ableton, sfrutta a fondo le possibilità offerte dalla modellazione fisica delle corde pizzicate. Dopo le seminali esperienze di Karplus e Strong, negli Anni 70 dello scorso secolo, la possibilità di riprodurre esattamente il trasferimento energetico lungo una corda pizzicata, confricata, rilasciato o eccitata in altro modo, è stata approfondita in maniera verticale arrivando a competenze ben consolidate, funzionali e incarnate all’interno di parecchie strutture di sintesi virtuali. Da questo punto di vista, basterebbe pensare alle prestigiose timbriche ottenibili con Sculpture di Apple Logic o, sempre rimanendo in casa AAS, ai risultati già offerti dal vecchio linguaggio Tassman. Tension, omogeneizzando l’interfaccia grafica nel rispetto del format Ableton Live, fornisce la modellazione di corda, eccitatore, terminazione, body, attenuatore… e non solo.

Di Enrico Cosimi

 

01 Tension Main

In origine, la modellazione semplice della corda pizzicata avveniva, secondo Karplus e Strong, eccitando una linea di ritardo ricircolante attraverso un impulso energetico di varia natura. Lungo il percorso di feedback, la possibilità di dosare la quantità di segnale e di filtrarne via le armoniche più acute permettevano di simulare il damping e il decay, mentre la lunghezza della linea di ritardo era – ovviamente – inversamente proporzionale alla frequenza generata. In uscita alla linea di ritardo, un meccanismo di body equalization permetteva di sovrapporre al segnale prodotto dalla “corda virtuale” una vera e propria struttura risonante con cui assimilare la timbrica al funzionamento di un violino, una chitarra acustica, eccetera. Nel tempo, le cose sono diventate ancora più raffinate, permettendo di scegliere tanti parametri che vanno ad influenzare il meccanismo di base: corda messa in vibrazione, meccanismo che innesca l’energia nella corda, eventuali disturbi, e meccanismo di amplificazione/equalizzazione/risonanza.

Benvenuti dentro Tension.

Madrona Labs Kaivo – qualche anticipazione

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software

Kaivo, in finlandese, significa pozzo, inteso come sorgente pressoché inesauribile di suoni nuovi e ispirativi. Sviluppato sull’esperienza del precedente Aalto, riprende la stessa filosofia di ricerca timbrica che si basa sulla simulazione numerica di metallo, nylon, budello, membrane, molle, campane, legno e strutture risonanti a due dimensioni. 

Di Enrico Cosimi

Kaivo1.0

Ad un prezzo più che contenuto, Kaivo fornisce la combinazione – vincente – di sintesi granulare e physical modeling. La modellazione fisica è una tecnica che prevede la costruzione, la progettazione di equazioni scritte per documentare il fedele funzionamento di un modello sonoro preso dal mondo reale (un tubo, una membrana, una corda pizzicata); ogni volta in cui il modello viene eccitato, riproduce il comportamento timbrico ottenibile nel mondo reale, con tutte le variazioni e le piccole idiosincrasie che è lecito aspettarsi nelle strutture acustiche. Il realismo e l’imprevedibilità di funzionamento sono, semplicemente, irrealizzabili attraverso campionamenti tradizionali.

Physis Piano

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Frankfurt MusikMesse 2012, Gear

La modellazione fisica di un fenomeno acustico naturale è una tecnica ben nota in ambiente accademico e utilizzata, con notevole successo, in ambito commerciale; come al solito, esistono modellazioni ben fatte e modellazioni più grossolane, così come esistono suoni facili da modellare e strumenti che invece sono più complessi da restituire numericamente. Il pianoforte acustico è uno degli strumenti modellabili più complessi.

di Enrico Cosimi

Per questo motivo, quando ci siamo imbattuti (nei pericolosi corridoi dei padiglioni Musikmesse) nel nuovo Physis Piano messo su strada da Viscount, il nostro cuore ha saltato un colpo. Premesso che, in questa occasione, avremo modo solo di presentare l’oggetto – rimandando gli approfondimenti seri ad un’altro appuntamento, Physis Piano è destinato a non passare inosservato.