Holderness Media Johnny

Written by Attilio De Simone on . Posted in Software

Gli effetti di Holderness Media si distinguono per la loro qualità, di cui abbiamo già discusso in articoli precedenti. È appena stato messo a disposizione degli utenti ipad e iphone Johnny, un ottimo effetto di tremolo dalle ricche caratteristiche.
Di Attilio De Simone
johnny-main-perform-page-1-1024x768
Come consuetudine Holderness, gli effetti sono realizzati in modo da offrire non solo comportamenti standard ma anche una serie di funzioni che ne arricchiscono le possibilità sonore, lavorando sempre in stereofonia con un’interfaccia intuitiva che sfrutta a pieno le potenzialità dello screen touch di ipad e iphone.

Come per le altre applicazioni Holderness, i comandi principali di Johnny sono suddivisi in due schermi: lo schermo Effetti (con il suo set di quattro pad XY per un facile controllo in punta di dita) e lo schermo Tweak (che comprende alcuni ulteriori controlli, gestiti da cursori).
Una terza schermata di impostazioni consente di gestire il gain audio di ingresso e uscita e il midi per il controllo da supporto midi dei parametri del programma, oltre ai controlli del tempo per sincronizzare il rate del tremolo al bpm e a quelli in modulazione di frequenza.
Il Tremolo è, essenzialmente, un effetto di volume in cui il volume del segnale di ingresso viene regolato automaticamente dall’effetto.
Il grado di variazione del volume è regolato dalla profondità dell’effetto, mentre la velocità delle transizioni tra il livello di volume più alto e quello più basso è la velocità. Come in un pedale tremolo basilare, i cursori di profondità e velocità Johnny eseguono queste funzioni, che possono essere gestite nella schermata principale tramite i pad per un’esecuzione live oppure nella schermata tweak, tramite i fader per un controllo accurato e precise.
I nuovi controlli Multiwave Mix, Multiwave shape e Multiwave Pattern consentono di gestire in modo più approfondito il rate consentendo di ottenere pattern ritmici inusuali rispetto agli andamenti tradizionali del tremolo.
L’effetto lavora molto bene e grazie alla stereofonia possiamo ottenere non solo comportamenti da tremolo ma anche da autopan (da provare con un piano elettrico), ed è utilizzabile all’interno di Audiobus o come insert tramite IAA in Cubasis.
Il MIDI learn lavora egregiamente e l’effetto può essere gestito interamente da controller esterno in tutti i suoi parametri presenti sui pad.
Per quello che costa il pacchetto effetti Holderness, non sarebbe una cattiva idea costruirsi un vero e proprio multieffetto basato su questi effetti, con un’interfaccia audio appropriata sarà possibile costruirsi un setup virtuale ma gestibile in tempo reale come un vero e proprio hardware grazie al touch screen. I chitarristi (ma anche i tastieristi grazie al trattamento stereofonico) non potranno che apprezzare la qualità degli effetti paragonabile a quella di ottimi hardware, ma con qualche marcia in più.n
Qui per ulteriori dettagli.

Tags: ,

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *