Synthesizers.com Q174 MIDI Interface

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Nel panorama 5U, antiquariato a parte, il marchio Synthesizers.com, creatura di Roger Arrick, si è conquistato da tempo una solida reputazione rinforzata da un eccellente rapporto Q/P. La scelta di costruire un sistema originale, ma echeggiante il look Moog d’epoca, la selezione dei moduli volutamente tradizionali – mancano gli operatori logici, tanto per dire – la qualità costruttiva hanno confermato la convenienza di fondo del sistema. Oggi, Roger Arrick ha presentato la nuova MIDI interface che sostutuisce il precedente, limitato, modello.

Di Enrico Cosimi

Q174

La Q174 è un’interfaccia MIDI in grado di convertire il flusso di dati ricevuto da controller, computer, sequencer e qualsivoglia apparecchio che trasmetta MIDI su pentapolare DIN in adeguate tensioni di controllo con cui pilotare il funzionamento del sistema di sintesi analogica.

 Una furba implementazione di pannello permette di regolare, con ingombro limitato alla singola unità, la conversione di base dei segnali indispensabili (CV Pitch, Gate, Trigger) con in più una seducente dotazione di funzioni accessorie.

La conversione dati copre CV Pitch con 10 ottave di escursione, Gate con 5 Volt di ampiezza, impulsi di Trigger, Key On e Key Off Velocity, Channel Pressure, Controller 1 (Mod Wheel), Controller 4 e Controller 7 (Volume) liberamente selezionabili. Come nel vecchio modello installato nella tastiera KKB15S, anche in questo caso è possibile gestire la doppia conversione bifonica, con in più un raffinato sistema di priorità assegnabile.

Il sistema può ricevere dati sui canali MIDI 1, 3, 5, o 7 – selezionabili attraverso un sistema di jumper interni; l’uscita di Pitch copre, come accennato in precedenza, 10 Volt, cioè dieci possibili ottave di escursione; è supportato il Pich Bend con escursione fissa a +/-2 semitoni (scelta logica e funzionale in contesto performativo). In aggiunta, si può sfruttare il connettore CV Add Input con cui sommare alla tensione di controllo Pitch elaborata dall’interfaccia una qualsiasi altra tensione (vibrato, ribbon, sequenza melodica o altro) generata in altro modo.

La conversione fornisce Velocity Output con range 0-5V, assegnabile all’interpretazione della Key On o Key Off, a discrezione dell’utente; il Gate Out è 5V – secondo lo standard seguito da Dot.Com – e il suo innesco è confermato da un LED di segnalazione.

La sottostante sezione MODE permette di assegnare tre triplette di controlli alle tre porte di uscita ausiliarie; con un selettore a tre posizioni, si impostano le combinazioni preconfigurate:

  • Aux 1, Channel Pressure; Aux 2 Off Velocity; Aux 3 Trigger Impulse;
  • Aux 1, Pitch 2; Aux 2, Velocity 2; Aux 3, Control Change 4;
  • Aux 1, Control Change 1; Aux 2, Control Change 7; Aux 3, Control Change 4.

In aggiunta, è possibile definire il comportamento di Gate Multiplo (ogni Key On retriggera l’inviluppo), Singolo (solo le note staccate retriggerano l’inviluppo), Multiple+Release (triggeraggio multiplo con triggeraggio aggiuntivo anche sul Nota Off).

La Key Priority, cioè il modo con cui viene passata in scansione la tastiera, può essere scelta tra Low Note Priority (Minimoog D), High Note Priority (le voci superiori dei sistemi bifonici ARP e Oberheim) e Last Note Priority (l’ultima nota impegnata è eseguita ad ogni costo).

L’alimentazione richiesta è +15V@30ma, -15V@30ma, +5V@50ma. Con 264 dollari, passa la paura.

 

 

 

Tags: , , ,

Trackback from your site.

Comments (3)

  • Ciro Urselli

    |

    Buongiorno Maestro,
    grazie per la chiara presentazione del prodotto.
    Un quesito mi assale: perché preferirla alle varie interfacce Doepfer, tra l’altro la A-190-3 ad un prezzo nettamente inferiore oltre all’ input midi fornisce il controllo anche su usb. E’ vero che l’ escursione del CV su Doepfer è limitato a 5V ma …?

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    Buongiorno, Eminenza,

    io la preferirei semplicemente perché può essere montata nel cabinet 5U; se però il problema non sussiste, cioè se non ci sono problemi nell’usare un’interfaccia esterna… ben venga l’interfaccia esterna.

    Attenzione però all’alimentazione richiesta dalla A-190-3 che non è compatibile elettricamente con il formato Dot.Com (a parte le incompatibilità meccaniche di montaggio)…. 😉

    Reply

  • Ciro Urselli

    |

    Grazie,
    per la risposta immediata ed esauriente.
    In effetti non avevo considerato il formato 5U … (mea culpa)

    ps: poca Eminenza, sono un modesto Curato di campagna … :)

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *