Nuovo Korg Module per ipad

Written by Redazione Audio Central Magazine on . Posted in no-categoria, Software

Korg USA ha annunciato oggi Module per iPad, una nuova applicazione che trasforma l’iPad in un modulo audio mobile. Korg Module dispone di cinque motori audio dedicati, una funzione set list con immagine PDF score viewer e lettore musicale, con la possibilità di registrare le performance e condividerle via SoundCloud.
A cura della Redazione  di Audio Central Magazine
Schermata 11-2456975 alle 21.47.53
I motori dispongono della stessa tecnologia sviluppata per workstation e sintetizzatori a tastiera Korg, tra cui: Piano acustico, Electric Piano, Clav, Organo, e Multi.

Oltre ai moduli standard, due moduli di espansione saranno disponibili: Synthogy Premium Concert Grand Piano e Piano Wurley elettrico.
Schermata 11-2456975 alle 21.50.50
Caratteristiche:
  • 90 programmi
  • Cinque moduli
  • Piano acustico
  • Piano elettrico
  • Organo
  • Clav
  • Multi
  • Effetti Master
  • Effetto di modulazione
  • Effetto Ambiente
  • Utilizzabilicontemporaneamente
Schermata 11-2456975 alle 21.50.59
MIDI
  • Pilotabile da tastiera MIDI esterna
  • Program change
  • Il pedale può essere usato per modificare la velocità del rotary
  • MIDI virtuale
  • MIDI tramite Bluetooth
  • Utilizzabile in gadget come cinque tipi di Gadget
  • Funzionalità Set List
  • Modifica programmi per ogni canzone che si esegue
  • Visualizzazione immagini o spartiti in PDF
  • Utilizzo la fotocamera interna per catturare informazioni, ecc
  • Modificare il testo per creare memo
  • Possibilità di richiamare File di testo
  • Caricare e riprodurre canzoni dalla libreria dell’applicazione Music
  • Regolazione della velocità di riproduzione dei brani
  • MIDI Player
  • Compatibilità file MIDI standard
  • Registrazione Audio
  • SoundCloud
  • Dropbox
  • Esportazione su Mac / PC tramite la condivisione di file iTunes
  • Velocity Curve
  • Dinamica variabile tramite tastiera MIDI
Schermata 11-2456975 alle 21.51.04
Inter-App Audio
Supporto Audiobus 2
Schermata 11-2456975 alle 21.51.09
Dispositivi supportati
iPad Air 2, mini iPad 3, iPad Air, iPad mini 2, quarta generazione di iPad, terza generazione di iPad, iPad 2, iPad mini
Schermata 11-2456975 alle 21.51.14
Dispositivi e polifonia approssimativa
  • iPad Air 2: 72 voci
  • iPad Air, mini iPad 3, iPad mini 2: 64 voci
  • Quarta generazione di iPad: 48 voci
  • Terza generazione di iPad, iPad 2, iPad mini: 32 voci
La polifonia dipenderà dai suoni e dall’impostazione di latenza. Korg consiglia di utilizzare l’ultimo modello di iPad. Korg consiglia di utilizzare un dispositivo con ampia capacità di memoria.
Librerie di espansione del suono:
Synthogy Avorio mobile Grand: 2 GB
Piano KORG Wurley elettrico: 120MB
Korg annuncia il rilascio di Module entro fine di novembre 2014. Non si hanno info sul prezzo.

Tags: , ,

Trackback from your site.

Comments (4)

  • Michele Viazzani

    |

    Spettacolo! Cose impensabili fino a pochi anni fa… Se riuscissero a mettere un kronos in un ipad sarebbe stupendo.

    Reply

    • Attilio De Simone

      |

      E’ chiaro che con questi progressi della tecnologia per tablet si aprono le porte all’utilizzo di questa piattaforma come base su cui far girare workstation. Di contro ci può essere il rischio che una eccessiva standardizzazione possa appiattire l’universo musicale. tutto troppo uguale, troppo facilmente accessibile, mancato approfondimento delle tecnologie e del loro utilizzo.

      Reply

      • Michele Viazzani

        |

        Le workstation son già di loro, salvo qualche raro caso, abbastanza piatte in termini di tecnologia, magari proprio questa svolta potrà ridare lustro al settore. Il problema secondo me è che si cerca ormai da un po’ di tempo di usare sempre più il progresso dei supporti (processori, memorie) a discapito di un progresso dello sviluppo di uno strumento: voglio dire che ai tempi di un K2500 si era arrivati a creare un mostro con una memoria di campioni e una capacità di calcolo irrisoria se comparata ad esempio ad un IPAD Air. Oggi questo sviluppo non lo vedo più, è più facile campionare giga e giga di suoni anzichè programmare campioni leggeri con “genialità”.

        Reply

        • Attilio De Simone

          |

          Concordo con te. Inoltre, la gente, lavorando con giga e giga di campioni, o con migliaia di preset, non approfondisce la conoscenza degli strumenti (software o hardware è irrilevante) di cui dispone.

          Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *