M-Audio Axiom Air 25

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Recording, Software

La numerosa famiglia dei controller MIDI ha, da sempre, in M-Audio uno dei punti di forza; il marchio è infatti in grado di coniugare prestazioni con prezzi contenuti e facilità d’installazione. Il modello Axiom Air 25 non sfugge a questa regola e offre – in un formato piacevolmente quadrangolare tutto quello che può servire al programmatore on the move. 

Di Enrico Cosimi

m-audio-AXIOMAIR25-0

Si può obiettare che 25 note, due ottave Do-Do, siano troppo poche per programmare fraseggi chopiniani; ma per la pratica quotidiana di inserimento note, l’insieme tastiera + pad + controller è pratico, portatile, facile da gestire; il pianista normo dotato potrà comunque collegare una qualsiasi (buona) 88 note sfruttando la porta MIDI In. In alternativa, potrà rivolgere la propria attenzione ai tagli 49 o 61 note, rispettivamente a quattro e cinque ottave. 

Le caratteristiche più salienti sono facilmente identificabili: due ottave di tastiere synth action con profilo pianistico, sensibili alla dinamica e all’aftertouch (lovely addition…); sedici pad retro illuminate, sensibili alla dinamica e alla pressione (per la programmazione di drum roll e parti ritmiche generiche); otto potenziometri assegnabili a discrezione dell’utente; uno slider per l’inserimento veloce dei dati; mod e pitch wheel; tasti di trasposizione e trascinamento; ampio display alfanumerico. Non manca, come da diverso tempo a questa parte, il bundle con i software Ignite e Ableton Live Lite…

Ignite_AxiomII25_big

L’apparecchio è class compliant con Mac OsX, Windows XP/7/8; l’alimentaazione può essere fornita attraverso power pack non in dotazione (9V DC, 500 mA, positivo al centro) o – con cautela, specie per i laptop, attraverso connessione USB.

Sul pannello posteriore, oltre alla connessione di alimentazione, trovano posto le prese USB, MIDI In/Out, Expression Pedal, Sustain Pedal e il lock per la sicurezza Kensington. Fidarsi è bene…

Schermata 01-2456675 alle 11.29.22

 

Tastiera e Pad

Come accennato in precedenza, le due ottave sono sensibili alla dinamica e al channel aftertouch; in aggiunta, è possibile personalizzare la curva di risposta alla dinamica – dieci opzioni –  in base al proprio tocco (o all’assenza di tocco: non c’è nulla di cui vergognarsi). La stessa procedura è disponibile per i sedici pad. I pad possono lavorare in MIDI Mode (trasmissione di note, pressure e messaggi selezionabili), Roll Mode (ripetizione automatica di una nota con densità specificabile dall’utente e comportamento momentaneo/bistabile), HyperControl Mode (personalizzazione di funzione in base alla DAW utilizzata).

 

Fader Controls

Sulla fascia sinistra del pannello comandi, è raggiungibile il fader indirizzabile – per controllare i parametri mappati con i diversi plug in e per armare, mettere in mute/solo le diverse tracce. Nel caso il semplice fader non dovesse bastare, è possibile ricorrere ai contigui…

 

Knob Controls

Otto potenziometri mappabili a discrezione dell’utente; si può lavorare in MIDI Mode (trasmissione di messaggi differenziabili preset per preset), HyperControl Mix Mode (gestione delle funzioni di mixaggio); HyperControl Inst/FX Mode (focus sui parametri di effetto propri dei singoli plug in di sintesi).

MK23_back

Considerazioni

Contrariamente ad altri controller, ben più costosi, dove la modifica del BPM sembra un’operazione di cui vergognarsi – raggiungibile solo attraverso menu nidificati; nella AIR-25 basta usare il tempo tap sul selettore dedicato e tutto, magicamente, si riallinea in battuta sulla velocità calcolata mediando le distanze temporali lette tra i 4 tap eseguiti. Fosse sempre così facile…

I controlli di Transport permettono una fluida integrazione tra hardware e software residente; sia esso Ignite, Ableton Live Lite o quello che più preferite – nel panorama delle DAW più diffuse in questo scorcio di nuovo secolo.

La solida implementazione di Pad Learn e – più in genere – di MIDI Learn, semplifica ulteriormente le procedure di personalizzaione, rendendo possibile – finalmente – la concentrazione sul dato compositivo e non sul funzionamento dell’intera baracca.

Come è facile immaginare, NPRN, SysEx e RPN non hanno segreti per AIR-25.

Bella. Veramente.

Tags: , , , , ,

Trackback from your site.

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *