Kenton D-Sync. Set and forget

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Poche macchine hanno la capacità di farsi collegare e poi dimenticare per la semplicità e la solida funzionalità che incarnano. Kenton D-Sync Bi-directional MIDI to DIN Sync Converter è una di queste.

Di Enrico Cosimi

Schermata 09-2457294 alle 07.52.26

Ne avevamo parlato velocemente qualche settimana addietro, anticipando le funzioni; ora, dopo averla testata su strada, possiamo confermare: la conversione da MIDI a Sync 24 da Sync 24 a MIDI, oltre che essere attiva in maniera contemporaneamente simultanea (a voi trovare una condizione estetica per avere due clock diversi nello stesso progetto…) lavora alla grande, lavora bene al primo colpo, lavora sempre e – cosa ancora più importante – incarna in pieno la filosofia set and forget.

L’apparecchio è alimentabile tramite power pack in dotazione, oppure può essere tenuto acceso da una qualsiasi porta USB libera sul vostro laptop. Non dovrete fare altro che collegare il segnale di sincronizzazione da gestire come sorgente, MIDI o Sync che sia (per ora, è solo il DIN Sync 24 Roland, per intenderci, ma una prossima release permetterà di gestire anche il DIN Sync 24 KORG Linn) e raggiungere l’ingresso di sincronizzazione Sync o MIDI che sia. Tutto qua. Set and forget, appunto.

Buona visione.

Tags: , , ,

Comments (2)

  • Alessio Colantoni

    |

    Egregio Professore,
    sono alla ricerca di un apparecchio che sia in grado di convertire un clock analogico (nel mio caso si tratta di un clock generato da un sistema eurorack) in un clock midi da inviare al MicroBrute (che a sua volta verrà usato come sequencer/sorgente di inviluppi ed lfo per il modulare). So che il microbrute ha un ingresso gate, ma non è la stessa cosa (se il bruto riceve un clock posso scegliere di mandare la sequenza quando voglio e a un clock che è multiplo di quello in ingresso). So che esistono moduli che operano tale conversione, ma al momento sono a corto di HP, quindi opterei per un apparecchio esterno. Consigli?
    Riverenze a non finire

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    dipende tutto dalla densità di clock analogico che vuoi inviare;

    se, per dire, avessi a disposizione un BeatStep Pro, potresti dirgli di aspettarsi 1 impulso per quarto quarto e mandare fuori MIDI, o 24 o 48 impulsi…

    con altre macchine, potrebbe essere più seccante

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *