Ableton Live 9: qualche dettaglio in più…

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Software

In molti campi della produzione musicale elettronica, il software con cui lavorare è solo Ableton Live. Punto. Per questo motivo, la recente versione 9 ha elettrizzato parecchi musicisti interessati alle sempre più potenti funzionalità del pacchetto di produzione, recording e performance.

Di Enrico Cosimi

live 9 a

Live 9 possiede diverse migliorie al funzionamento generale:

  • Automazione di sessione; è possibile registare l’automazione parametrica in tempo reale direttamente dall’interno delle clip. I dati scritti per le variazioni di parametro seguono la clip quando questa viene spostata tra le viste Arrangement e Session.
  • Sono state potenziate le operazioni di ricerca timbrica; è possibile effettuare drag & drop da qualsiasi parte del programma.

  • il programma è fornito con più di 3000 suoni residenti, nella Suite Edition, compresi sintetizzatori, drum kit, campionamenti one shot, strumenti acustic, loop e molto altro.
  • Ci sono tre modi per estrarre il MIDI dall’audio: si può lavorare con Drums-to-MIDI converter, per processare groove audio riducendoli a MIDI file facilmente editabili ed utilizzabili; si può usare Harmony-to-MIDI  e Melody-to-MIDI per convertire accompagnamenti e linee melodiche ricevute sotto forma di file audio in sequenze di dati con cui pilotare qualsiasi generatore di suono disponibile… ma si può anche cantare nel programma, tamburellare o altro, per inserire velocemente dati all’interno della programmazione.
  • Gli effetti sono stati potenziati; il nuovo Glue Compressor riproduce il comportamento di un leggendario bus compressor delle storiche consolle Anni ’80; EQ Eight sfrutta ora una modalità Audition con cui è possibile isolare le frequenze desiderate; Gate e Compressor sono dotati di Gain Reduction visualizzabile.
  • Le note MIDI sono trattabili con Transpose, Reverse, Stretch; le clip possono essere sottoposte a Warp e ad automazione di inviluppo.
  • La Suite Edition di Live 9 contiene, già in partenza, Max for Live, con 25 nuovi device pronti all’uso – sono presenti riverberi a convoluzione, drum synthesizer, MIDI echo, aggiornamenti potenziati di Step Sequencer e Buffer Shuffler 2.

live 9 b

E’ possibile seguire una politica di acquisto da zero per la Suite Edition (599 Euro), o da zero per la Standard Edition (349 Euro), o di Intro version (79 Euro). Tutte le politiche di upgrade sono state previste; il loro prezzo varia a seconda del livello di partenza.

Ulteriori informazioni, sono disponibili qui.

 

Tags: ,

Trackback from your site.

Comments (10)

  • cactusound

    |

    Appetibile!
    Giusto per informare gli appassionati, c’è molta attesa anche per questo: http://www.bitwig.com/bitwig-studio.html
    che forse finalmente farà da diretto concorrente ad Ableton, per aggiornamenti più rapidi nel tempo, ecc.
    Sulla carta sembra molto interessante, soprattutto se si gioca bene la carta Linux!

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      eh si, tra l’altro dovrebbe avere anche un sint modulare incorporato…

      Reply

  • danilo

    |

    Anche io sono in attesa del bitwig,intanto x cambiare,non sono x il monopolio del mercato anzi ben venga la concorrenza non dico che sarà meglio però sicuramente diverso e il mondo e’ bello xche’ vario,poi il sistema modulare nativo,questo se non sbaglio però non sarà disponibile dalla prima release,poi lo fanno anche x linux.io non lo uso però chi lo USA magari vuole produrre e fare esibizioni live ora può quasi farlo.poi spero visto che non sono riusciti a farlo uscire prima o in concomitanza con live 9 magari e sono alla prima release che il prezzo sia almeno un po’ più contenuto di live,o perlomeno pagando un bitwig come un live 9 standard ci mettano tutte le sound device ecc.nel live 9 standard manco operator mettono e voglio dire se vuoi dare un secuencer daw completo x produrre il synth nativo dentro me lo vuoi mettere.???

    Reply

  • nusa

    |

    Bitwig è più di un anno che è in beta test… speriamo che arrivi presto la release ufficiale. Del nuovo ableton mi piace che abbia max incorporato, il resto è non dico un surplus ma l’integrazione per un software già potente di per sé.

    Reply

    • nusa

      |

      “Sigh” riferito a cosa? 😀

      Reply

  • danilo

    |

    Ma neanche voi addetti ai lavori avete avuto modo di provare la versione beta??io mi ero iscritto al beta test e ho visto in vari forum che frequento molte altre persone che si sono iscritte ma niente.oltretutto sembra che neanche redazioni di computer music online e di carta stampata non abbiano avuto copie.boh :(

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *