Oberheim Matrix 1000… ma non si potrebbe sentire qualcosa?

Written by Jacopo Mordenti on . Posted in Gear, Tutorial

Dove eravamo rimasti? Ah, si: un rapido assaggio del pargolo. E dunque eccoci qua, alle prese con quattro preset del Matrix 1000 appena tweakati per mezzo del programmer Access; preset nello specifico coadiuvati da una traccia ritmica e arrangiati in Live. Niente effetti, se non un po’ di riverbero. Niente compressione, se non un pizzico di limiting cautelativo. Volevate il Matrix 1000? E adesso pedalate

di Jacopo Mordenti

Cliccate qui e godetevi, una volta trasportati nel magico mondo di YouTube, il videozzo tentatore.

Buona visione…

Tags: ,

Trackback from your site.

Comments (8)

  • Antonio Antetomaso

    |

    Davvero una bella macchina!!

    Reply

    • Jacopo Mordenti

      |

      Divertente e abbordabile. Che cosa si desidera di più?

      Certo: tante comodità a cui siamo abituati mancano. Gli effetti, ad esempio: e se si abbinasse il povero, piccolo Matrix 1000 con i poveri, piccoli modelli fisici di Line6? Nel rack ho giusto un Pod X3 Pro… 😀

      Reply

  • synthy

    |

    le vecchie sonorità oberheim…ahhhh…
    ma meglio il bianco o il nero? se non ricordo male c’erano differenze
    illustraci jacopo

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      Sicuro di una differenza in tal senso? Sai c’è non ricordavo nulla del genere…

      Reply

    • Jacopo Mordenti

      |

      La realtà materiale è che tra la versione nera e quella bianca non c’è alcuna differenza, se non il colore – e anche oggi la mia ovvietà l’ho detta! – e l’anno di produzione – essendo la versione bianca di poco più tarda rispetto a quella nera.

      Detto ciò, in termini statistici mi è capitato di leggere di problemi della versione nera più frequentemente che della versione bianca. Anche la mia esperienza personale va in questo senso: il primo Matrix 1000 su cui misi le mani – acquistandolo usato in un negozio bolognese – era nero… A casa, nel provarlo nel dettaglio dopo aver disattivato l’unisono su cui era rimasto furbescamente impostato, mi accorsi che una voce non funzionava. Restituito e rimborsato. Il secondo Matrix lo presi da un privato: bianco, abbinato al controller Access… disponibile alla prova SENZA unisono 😉

      Reply

    • Jacopo Mordenti

      |

      … Parliamo degli stessi negozianti che avevano in conto vendita un Cheetah. Il prezzo era buono, ma nell’accenderlo… ops: non suonava. Niente di drammatico, beninteso: si trattava di sostituire la batteria, probabilmente. Ma la logica – esplicitamente! – era “Ah, ma non è nostro; è in conto vendita. Se non suona non sappiamo che farci”. Ovvero come condannare un synth a rimanere invenduto saecula saeculorum…

      Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *