Novation Launchpad MINI – prima parte

Written by Antonio Antetomaso on . Posted in Gear

Chi mi segue su ACM avrà ormai capito la forte propensione per il metodo di lavoro proposto da Ableton Live! e, in particolar modo, per quel processo di composizione noto con il nome di live looping. Detta in parole povere, l’arte di comporre un brano musicale (in genere elettronico) catturando, lanciando, arrangiando, remixando piccole clip (audio o midi), il tutto assolutamente in tempo reale.

Di Antonio Antetomaso

COPERTINA

Ableton Live! è una delle DAW (non la sola, basti pensare a Fruity Loops e al neonato Bitwig studio) particolarmente predisposta per questo tipo di lavoro: schiere di DJ, live loopers, musicisti elettronici e gruppi musicali hanno investito in questo modo di operare approvvigionandosi di pezzi di hardware o di software di controllo di più svariata natura.

E il mercato stesso non sembra frenare questa corsa, anzi premiarla, incitarla, accelerarla ancora di più. In scorsi appuntamenti abbiamo affrontato la questione parlando di come l’iPad possa aiutare in tal senso con applicazioni come TouchOSC, Touchable 2, Conductr e compagnia cantante.

Per chi si fosse perso questi appuntamenti e fosse interessato, il materiale è disponibile qui, qui e qui.

Affascinato più che mai e sempre di più da questo mondo, ho deciso di recente di corredare il mio setup con un componente hardware, questa volta, che forse è tra i “pezzi di plastica” più conosciuti dagli utenti di Live!, il Launchpad di Novation nella versione Mini.

FIGURA1

Orbene, obiettivo di questa mini serie in tre puntate è ovviamente quello di mostrarvi a che serve questo giocattolino e che cosa ci si può fare dal punto di vista di:

  1. Utilizzo con Ableton Live! in un contesto concreto di live looping
  2. Utilizzo in “mobile” con l’iPad

cercando di rispondere alle due domande più gettonate che si trovano girovagando qua e là in rete, in merito a questa versione del dispositivo:

  1. Differenze rispetto al Launchpad S?
  2. Ne vale la pena?

In questa prima puntata vorrei concentrarmi meramente sulla “ferraglia” andando ad analizzare assieme a voi le peculiarità del dispositivo, lente d’ingrandimento alla mano

Per chi non avesse mai (e dico mai) sentito parlare del Launchpad di Novation, trattasi di un controller hardware a matrice (grid based), particolarmente concepito per controllare in modo rapido e “live oriented”, la celebre suite di Ableton.

Il primo Launchpad è stato lanciato sul mercato nel 2009 riscuotendo un successo non da poco tra musicisti elettronici e DJ di tutto il mondo: una matrice 8×8 di pad quadrati al servizio dell’utente per controllare il lancio e la registrazione di clips, ma anche effetti, volume, panning e (perchè no) da utilizzare per controllare virtual instruments di batteria e non. Per decidere la modalità operativa del dispositivo, pulsanti circolari in alto e a destra, ad abilitare funzioni secondarie.

 

FIGURA2

Nel 2013 è stata lanciata la versione S, forse quella più famosa: pulsanti più luminosi, dispositivo più veloce e class compliant, compatibilità con l’Ipad  e predisposizione ad altre DAW loop oriented come Fruity Loops, analogamente assai diffuso.

 

FIGURA3

Parallelamente (e arriviamo al dunque), a soddisfare l’utente particolarmente attento al prezzo e alle dimensioni, è arrivata una versione ridotta del dispositivo, il Launchpad MINI (http://global.novationmusic.com/midi-controllers-digital-dj/launchpad-mini).

Tale versione è stata pensata, a mio avviso, in modo assai intelligente: non tutti gli utenti hanno bisogno di tutte le funzionalità del launchpad S, ad alcuni (come al sottoscritto) può non interessare il dispositivo come controller MIDI con cui suonare. Soprattutto molti utenti (e ancora, come il sottoscritto) hanno necessità di dimensioni ridotte per consentire un maggiore utilizzo in movimento, magari perchè utilizzano un iPad.

 

Con ciò ho praticamente risposto alla prima delle due domande più gettonate: quali sono le differenze rispetto al Launchpad S? Presto riepilogato:

  1. Dimensioni: 185mm x 185mm x 16mm contro i 240mm x 240mm x 20mm. Quasi la metà;
  2. Assenza di dinamica;
  3. Prezzo: 98 euro contro i 168 del Launchpad S;
  4. Inclusi adesivi per personalizzarlo in funzione del tipo di utilizzo (Live! piuttosto che Fruity loops)

 

Per il resto, tutto ciò che si fa con il Launchpad S lo si fa con la versione MINI.

 

FIGURA4a

FIGURA4b

Si vabbè, ma che ci faccio con “sto coso”?

Presto spiegato. Una matrice di 8×8 pulsanti multicolore per controllare altrettante clips di Ableton Live! o di Fruity Loops. Concentrandoci per un momento sull’utilizzo del dispositivo con Live!, ciascun pad assume il colore verde (clip in esecuzione), giallo (clip presente ma non in esecuzione), rosso (clip in registrazione). Il tocco è veramente piacevole e particolarmente rispondente, per consentire una azione veloce in contesti live.

Si. ma io mica ho solo 64 clips nel mio progetto? Niente paura, gli 8×8 pads della matrice centrale sono in realtà una finestra sul mare di clips potenzialmente utilizzabili su Live!

 

FIGURA5a

FIGURA5b

La toolbar di sopra consente di far traslare tale finestra in su e in giu, a destra o a sinistra di una posizione. Dato che però può risultare scomodo traslare di una posizione soltanto, il pulsante session, una volta pigiato e mantenuto tale, consente di spostarsi di 8 posizioni in 8 posizioni. Veramente molto comodo ed intuitivo. Il dispositivo mostra tante colonne quanti sono i gruppi di 8 clips del nostro progetto.

 

FIGURA6

I pulsanti USER 1 e USER 2 abilitano due modalità di utilizzo, diciamo così, custom del dispositivo. In pratica entrambe le modalità consentono di usare i pads per suonare un virtual instrument (es. una traccia di batteria) o comandare qualsiasi parametro di Live assegnabile ad un particolare messaggio di MIDI CC. Se non si opera nessuna assegnazione, USER 1 consente di suonare il drum rack, USER 2 consente di accedere ai presets di Max for Live.

Mediante il Launchpad MINI, è anche possibile controllare il Mixer di Ableton Live! Basta pigiare sull’ultimo tasto in alto a destra (mixer appunto), e il dispositivo commuta nell’omonima modalità in cui ogni colonna è una delle tracce del nostro progetto e i colori dei pads spiegano a cosa serve ciascuna colonna.

Ad una prima pressione, il dispositivo offre una visione d’insieme del mixer, sempre 8 tracce alla volta.

 

FIGURA7

Per ogni traccia, i primi quattro pulsanti (verdi) consentono di resettare a valori di default il volume, il panning, il send A e il send B. I successibi due pulsanti (gialli) fermano ciascuna traccia e la abilitano o mettono in “mute” rispettivamente. Gli ultimi due (rossi) mettono la traccia in solo o la armano per la registrazione.

Ancora, il mixer è composto da diverse sezioni a ciascuna delle quali il dispositivo consente di accedere mediante la pulsantiera all’estrema destra, usando i primi quattro pulsanti dall’alto.

 

FIGURA8

Nel dettaglio, dall’alto verso il basso:

  • Volume di ogni traccia, controllabile per valori discreti crescenti dal basso verso l’alto, ciascun valore assegnato ad uno dei pad della colonna;

FIGURA9

  • Panning di ogni traccia: destra in basso, sinistra in alto;

 

FIGURA10

  • SEND A e SEND B, controllabili alla stregua del volume;

 

FIGURA11

E veniamo alla seconda domanda: ne vale la pena?

Anche qui credo di aver già risposto: se il vostro intento è solo controllare, assolutamente si.  Per 98 euro vi portate a casa un dispositivo che consente di agire su di un bel po’ di cose, sicuramente su tutte le funzionalità principali di Live!. Vi segnalo, inoltre, un progetto che consente di potenziare le funzionalità del Launchpad (S o MINI) aggiungendo, mediante linguaggio di scripting di Ableton Live! funzionalità aggiuntive, tra cui la possibilità di usare il dispositivo come uno step sequencer.

Tale progetto prende il nome di Launchpad 95, mi è stato segnalato sul gruppo Synth Cafè di Facebook ed è liberamente scaricabile qui.

Personalmente trovo che il giusto corredo di questo dispositivo sia una superficie di controllo per iPad. Pazientate la prossima puntata, ne vedremo delle belle, promesso.

 

 

 

 

Tags: ,

Trackback from your site.

Comments (29)

  • Michele

    |

    Buongiorno,

    mi sto appassionando al discorso del live looping (ho letto con interesse gli articoli al riguardo) e sto cercando di capirci qualcosa per quanto riguarda l’attrezzatura necessaria. Forse la domanda è un po’ fuori dall’argomento ma se non fossi ignorante non sarei qui a chiedere, mi scuso comunque in anticipo.
    Il punto è il seguente : ritrovandomi tra le mani un APC40, posso gestire Looper in Ableton senza dovere ricorrere ai vari Street Fighter o Launchpad? Il mio timore come avrai capito è che, essendo alle prime armi, non vorrei mettermi in casa degli oggetti con il solo scopo di fare qualcosa che APC40 è in grado di fare.
    Viceversa vorrei sapere quali sono i limiti di APC40 in un live looping set (ovviamente ho in mente Rheyne… ok, lui è un fenomeno ma insomma, se non si prende spunto dai più bravi ;-))
    Spero di essermi spiegato.
    Chiedo scusa ancora se sono stato off topic.

    Reply

  • Antonio Antetomaso

    |

    Ciao Michele,

    anzitutto non sei assolutamente off topic, la recensione del Launchpad è inserita in una mini serie che ha come cornice sempre il live looping con Live! Detto ciò, credo che con l’APC40 tu possa fare tutto ciò che fai con il Launchpad ed oltre. Looper è controllabile con qualunque oggetto che invii messaggi di MIDI CC, quindi va benissimo. Basta decidere quali tasti assegnare ed operare un comodo MIDI LEARN. Se osservi bene i video di Rheyne, egli usa il Launchpad e l’APC40 pressochè allo stesso modo, probabilmente perchè avendo parecchie tracce a disposizione gli fa comodo usare entrambi di dispositivi.

    Looper lo controlla sia con l’iPad mediante LEMUR sia mediante il Midi Fighter 3D.

    Riassumendo, quindi, a mio avviso:

    1) Se hai APC40, comperare il Launchpad potrebbe essere giustificato solo se hai la necessità di controllare più cose simultaneamente senza barcamenarti troppo con lo scrolling tra le varie tracce;

    2) Con APC40 puoi controllare Looper senza problemi, ma se hai l’iPad ti consiglio fortemente di usare questo dispositivo in accoppiata con APC40 (pazienta la seconda puntata eheheh)

    Non conosco i limiti di APC40 non avendolo mai provato, ma ho letto delle recensioni e da tutti è stato definito un controller per Live! più che completo.

    Spero di aver risposto alle tue domande. Pazienta l’uscita della seconda puntata, ad ogni modo. Forse ci vedrai ancora più chiaro.

    A presto.

    Reply

  • Michele

    |

    Grazie Antonio,

    comincio ad avere le idee un po’ più chiare.
    Fortunatamente ho un iPad (anche se solo di prima generazione ma penso che dovrebbe riuscire a supportare Lemur).
    Adesso capisco anche meglio i video di Rheyne : senz’altro per cominciare mi appoggerò al solo APC 40, gestire anche solo poche tracce immagino non sarà facile all’inizio….

    Attendo con grande curiosità il prossimo articolo.

    Grazie mille e un caro saluto!

    Reply

  • manolo

    |

    salve provo a inserire la daw lunchpad95 ho un prb intanto nn mi si acccendono i pad e niente altro mi scompare la griglia sulla sessione di live e sequendo le istruzioni i video nn mi funziona o la versione live suite 9.0.4 aiutatemi vi prego che vorrei usarlo alla stessa maniera dell’akay push grazie x una vostra riaposta

    Reply

    • Marco

      |

      Ciao non so se hai già risolto, ma launchpad95 è un mapping di terze parti, in pratica vai nella sezione midi di ableton e selezioni nei menu a tendina con tutti i tuoi device midi usb nella prima colonna launchpad95 nelle altre due IN e OUT il launchpad che hai collegato via usb, quando viene lanciato live launchpad95 rimane in funzione blank perciò devi comunque schiacciare sui tasti funzione session mixer ecc ecc più volte , perchè è in quel modo che scorri le funzioni e vedrai che ritroverai la tua session view classica, ricorda che anche user1 e user2 hanno più funzioni perciò anche li premendo più volte sul tasto di selezione della modalità troverai la scheda/funzione che ti serve.

      Reply

  • Antonio Antetomaso

    |

    Ciao Manolo,

    scusami ma non credo di aver capito bene il problema. Anzitutto l’installazione del Launchpad. Considerato che non ha driver, quando lo colleghi al computer, ti si accendono le lucine e iniziano a lampeggiare in modo casuale? Altra domanda, quando attivi Ableton Live, selezioni Launchpad come superficie di controllo nelle preferenze di Ableton Live? Quando fai così’, si illuminano solo le colonne corrispondenti alle tracce che hai inserito nel progetto Live? Direi di procedere un passo alla volta. Iniziamo ad installare il dispositivo correttamente. Fammi sapere.

    Reply

  • Giancarlo

    |

    Buonasera, avrei un problema con il lanchpad mini perché quando lo utilizzo non si illuminano i tasti, potrebbe aiutarmi ?

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      vediamo che dice l’autore dell’articolo… 😉

      Reply

    • niccolò

      |

      quando entri nella schermata live devi crearti una traccia midi. poi, clicca sul tasto in (che diventa arancione) all’interno della traccia, e poi metti input e output: launchpad mini. :)

      Reply

  • Antonio Antetomaso

    |

    Uhm…molto strano. Ma nonostante ciò, le clips partono? Cioè, Ableton Live! risponde come dovrebbe alla pressione dei tasti?
    Se si, direi che c’è qualcosa di non correttamente funzionante nel dispositivo. Se no è problema di corretta configurazione.
    Fammi sapere.

    Reply

  • niccolo

    |

    salve, ho un dubbio che mi gironzola per la testa da parecchi giorni. Tutte le performance che si possono vedere su youtube di grandi utenti come M4SONIC oppure SoNevable sono state fatte su di un launchpad S o comunque non un launchpad mini. La mia paura è che i project files di queste canzoni messe in download non possano essere impostate su un launchpad mini. (Sto provando da giorni a impostare il lightshow di una canzone ma non mi parte e non so proprio come fare).

    Grazie in anticipo :)

    Reply

    • Antonio Antetomaso

      |

      Ciao,

      a parte la dinamica sui pulsanti e le dimensioni, i dispositivi sono pressochè identici. Quello che fai con uno lo fai con l’altro…garantito al limone. Fa eccezione il suonare una parte di batteria usando la dinamica, ma se non ti occorre….

      Devi soltanto vedere se ti ci trovi con i tasti più piccoli. Per me non sono un problema, la dimensione non è molto ridotta.

      A presto

      Reply

  • Marco

    |

    Ciao, io ho un launchpad mini ma non mi trovo bene riguardo alla sensibilità dei tasti, infatti bisogna premerli molto forte per riuscire a suonare la traccia midi, ció non è molto comodo se si deve essere veloci, secondo te il launchpad S è migliore da questo punto di vista?

    Reply

    • Antonio Antetomaso

      |

      Non posso risponderti con precisione perchè il Launchpad S non l’ho mai provato. Credo però che materiale e sensibilità siano pressochè identici.
      Tocca farci un po’ di pratica…o, eventualmente, propendere per un altro controller, se non ti ci trovi.

      Reply

  • gabriel

    |

    Salve??? Sono un apassionato di musica eletronica ,, ho appena acquistato un launchpad mini ..qualcuno mi può dire passo a passo e se possibile mettere il link di come scaricare dei brani ??? Mi piacerebbe scaricare qualche brano di skrille… aiutatemiiiii…

    Reply

    • Antonio Antetomaso

      |

      Ciao,

      scusami ma credo di non capire la domanda. In che senso scaricare brani? Per metterli dove? Il Launchpad mini serve a controllare il lancio e la registrazione delle clips di Ableton Live!…alludi forse a dei sample loops da caricare all’interno delle clips e lanciare?

      :-)

      Reply

  • Diego

    |

    Ciao, sono nuovo in questo campo ed ero indeciso se comprare la versione mini oppure S. Non ho capito bene cosa intendevi quando hai scritto tra le differenze “dinamica” mi potresti dire a cosa alludevi?
    Comunque sia con entrambe si può suonare live?
    Diego

    Reply

  • Marco

    |

    Ciao a tutti,se ho un pc con windows 10 il launchpad mini funziona comunque o devo comprare il software e scaricarlo?? Funziona con android per caso?

    Reply

  • Marco

    |

    Ciao a tutti,se ho un pc con windows 10 il launchpad mini funziona comunque o devo comprare il software e scaricarlo?? Funziona con android per caso? URGENTISSIMO

    Reply

  • luca

    |

    Ciao, sono un appassionato di musica elettronica e ho un launchpad mini.
    Ho scaricato alcuni progetti pero quando apro ableton e vado su apri live set una volta selto un progetto non mi fa sentire i suoni.
    cosa devo fare? perche accendono le luci ma non riesco a farlo suonare.

    Reply

    • Laura

      |

      Anche io ho lo stesso problema. Cosa devo fare? Grazie

      Reply

  • Piero

    |

    Ciao, mi chiamo Piero. Ho acquistato un launchpad della behringer (touch cmd 64) dopo avere visto alcuni esempi sulla rete. In realtà quando è arrivato lo strumento ho nvisto che non è così semplice come dicono. In particolare mi hanno affascinato i giochi di luce che è possibile ottenere. Ma come si deve fare per attivare questi giochi di luce ????
    Grazie
    Piero

    Reply

    • Attilio De Simone

      |

      Il Launchpad è solo novation, quello behringer è un’apparecchiatura ispirata al Launchpad novation. Si tratta comunque di due hardware con un’idea di base in comune ma sviluppata ognuno con la propria tecnologia e il proprio approccio. Chiedere ad un possessore del launchpad realizzato da novation come si fa ad ottenere un determinato comportamento col cmd 64 realizzato da behringer, non ti dà molte possibilità di ricevere una risposta esaustiva. Hai migliori possibilità di trovare una soluzione leggendo il manuale operativo e/o contattando il servizio clienti behringher.

      Reply

  • pietro

    |

    Una domanda, collegando il launchpad mini attraverso il cavetto usb al computer la musica si sente attraverso le casse del pc stesso?

    Reply

    • Antonio Antetomaso

      |

      Ciao Pietro,

      il Launchpad è solo un controller. Non funge da scheda audio.

      Il suono lo senti dalla scheda audio che hai configurato su Ableton Live!
      Ciao.

      Reply

  • antonio

    |

    ciao, ho un problema nn con il launchpad ma con ableton. ho cercato molti video ma nn riesco a trovare cio che mi serve , in pratica nn riesco a modificare il movimento delle luci. quando premo su midi effect a destra non mi appare niente come posso risolvere. grazie

    Reply

  • Giuseppe

    |

    Non riesco proprio a farlo partire collegato al pc ma non fa niente si accendono solo le luci io ho un portatile con Windows 10… Ovviamente ho un launchpad mini k2 cosa devo fare grazie!

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *