Native Instruments Solid Mix Series

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Recording, Software

Nascono come plug-in KOMPLETE Effects e possono essere inglobati in qualsiasi DAW attualmente disponibile sul mercato; stiamo parlando dei tre effetti studio processor realizzati da Native Instruments con la tecnologia da anni sfruttata nei loro prodotti di punta. I tre processori virtuali lavorano in stand alone o in plug-in mode rispettando i requisiti AU, VST, RTAS e AAX. La compatibilità è Mac/PC, ovviamente, e i tre modelli comprendono Solid Bus Comp, Solid EQ e Solid Dynamics.

Di Enrico Cosimi

NI tutti e tre

Solid Bus Comp offre regolazioni di Input Level, Output Level e Dry/Wet balance; il comportamento di compressione è personalizzabile attraverso i controlli di MakeUp, Threshold, Attack, Release e Ratio.

 

solid bus comp

Nato per incollare insieme le tracce di batteria (magari, utilizzando un rapporto di compressione non eccessivamente spinto) o l’intero mixaggio, il processore virtuale permette la definzione del comportamento di compressione e il rapporto di livello nella catena di trattamento audio. La risposta sulle basse è particolarmente trasparente.

 

NI Solid eq

Solid EQ lavora su sei bande di equalizzazione, con due interventi completamente parametrici sulle medie e due interventi semi parametrici sulle bande estreme; in aggiunta (ed ecco come si arriva alle sei bande di trattamento), sono disponibili due ulteriori controlli di regolazione per i tagli sulle basse e sulle acute. La sezione parametrica è dotata di regolazione individuale per frequenza, cut/boost e qualità selettiva dell’intervento; la sezione semi parametrica può lavorare con frequenza, cut/boost e selezione di comportamento bell o shelving. Non manca il selettore A/B, per il controllo veloce di funzionamento. I valori di riferimento centrale delle singole bande sono: 155, 208, 2049 e 15000 Hz.

NI Solid dynamics

Solid Dynamics è un compressore stereo basato su expander/gate; la compressione può essere regolata in ratio, threshold e release; l’angolo di compressione è selezionabile soft/hard e, senza obbligare il musicista a fare i salti mortali, si può definire un comportamento di attacco slow/fast e un modo di release linear/log.

Il meccanismo expander/gate permette di controllare fattivamente la soglia minima tollerata per il rumore di fondo della traccia o di lavorare in maniera creativa tagliando le code dei tamburi; è possibile specificare gate multipli per intervenire sul segnale catturato da diversi microfoni.

Novantanove euro e passa la paura.

 

 

Tags: ,

Trackback from your site.

Comments (2)

  • Lorenzo

    |

    Li avete provati?
    E, più in generale, come sono gli effetti “non creativi” della NI?

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    la notizia è fresca fresca…

    in genere, la loro tecnologia spacca 😉

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *