Marion Systems/Oberheim SEM*PLUS

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Chi, tra qualche giorno, bazzicherà per la Winter NAMM in direzione della Hall B, presso il booth 5011, avrà modo di ammirare l’ultima incarnazione dello storico SEM Synthesizer Expander Module, originariamente concepito da Tom Oberheim nei lontani Anni 70 come supporto timbrico alternativo al Minimoog Model D e ora, dallo stesso Tom, ricarrozzato per il montaggio in formato Euro Rack.
Di Enrico Cosimi

OBERHEIM SEM*PLUS 2

L’apparecchio, commercializzato come Marion Systems Corporation (Marion è la consorte di Tom Oberheim) riproduce e aumenta le caratteristiche operative dell’apparecchio originale: due oscillatori rampa/impulsiva/triangolare, un filtro stato variabile 12 dB/Oct, un amplificatore, un oscillatore a bassa frequenza, due generatori d’inviluppo e – attenzione – una interessante implementazione di pannello della connettività ⅛” Euro Rack. Praticamente irresistibile.

Il VCO 1 offre generazione triangolare, rampa, impulsiva a simmetria variabile, con doppia regolazione fine/coarse sull’intonazione, modulazione FM/PW indirizzabile, con sorgente selezionabile tra Env 1, Env 2, LFO o External. La PW è regolabile staticamente tra 10 e 90%.

Il VCO 2 offre in più la possibilità di essere subordinato Hard Sync al VCO 1.

Il VCF è il classico State Variable Filter Oberheim, con regolazione della Frequency e Resonance, selezione del modo LP-HP, con posizione Notch a mezza corsa e comportamento BandPass richiamabile. La frequenza di taglio è modulabile bipolarmente da Env 1, Env 2, LFO e External; il Modo è modificabile attraverso Env 1, Env 2, LFO. Non c’è più la possibilità di dosare progressivamente l’ascolto Saw/Pulse, ma ogni oscillatore è disponibile alternativamente nella scelta di forma d’onda Tri, Saw e Pulse; in aggiunta, un terzo bus Audio prevede la selezione dei segnali Noise, Ext 1 o Ext 2.

Il modulo LFO è stato significativamente potenziato e prevede ora la possibilità di regolare Rate, scegliere la forma d’onda tra Sine, Saw, Square, Sample/Hold; è possibile configurare il funzionamento in modalità One Shot, per generare un singolo ciclo.

I due generatori d’inviluppo sono ora in formato ADSR.

Di pannello, è possibile autorizzare due linee Aux 1 e Aux 2 e tenere costantemente aperto il VCA per facilitare il filtraggio dei segnali esterni.

Il Patch Panel offre i seguenti punti di collegamento:

  • VCO 1: CV In, Ext Mod In, PW In, Tri Out, Mix Out.
  • VCO 2: CV In, Ext Mod In, PW In, Pls Out, Mix Out.
  • VCF: CV In, Ext Mod In, LPHP Out, BP Out, Res In, Notch In, Ext In 1, Ext In 2.
  • ENV 1: Gate In, Env Out.
  • ENV 2: Gate In, Env Out.
  • LFO: Rate In, Trig In, LFO Out.
  • VCA: Ext CV In, VCA Out.
  • Aux In 1, Aux In 2, Flex 1, Flex 2, Noise Out.

Sembra molto interessante…

 

Tags: , , ,

Comments (6)

  • trivial105

    |

    un validissimo rivale del mother-32 oppure, visto che sembra offrire una catena di sintesi oggettivamente più ricca, è da considerarsi un apparecchio di fascia totalmente diversa? (e mi riferisco anche al papabile prezzo)

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      mah, sulla rivalità ho più di un dubbio; del resto, il progetto SEM originale era concepito proprio per fornire una espansione timbricamente affrancabile e integrabile ai suoni del classico minimoog; volerlo considerare come alternativa autosufficiente, mi sembra quantomeno auto limitante (non so se nel modulo, il filtro ha le stesse limitazioni nella resonance dello strumento originale, per dire); di sicuro, l’inviluppo finalmente a quattro stadi può potenziare la ricerca timbrica.

      sul prezzo, in mancanza di informazioni certe, non rimane che SPERARE in una sana dose di buon senso: se la riedizione del SEM standalone costa 900 euro, voglio sperare che questo modulo euro rack non supererà i 600/700 euro, ma – ripeto – fino a una conferma ufficiale, ogni cifra espressa è totalmente campata per aria…

      Reply

  • jeansax

    |

    Ci starebbe bene dentro il nuovo waldorf kb37…qualcuno da se il kb37 può ospitare tutti i moduli in commercio o solo quelli della casa madre?

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      può ospitare qualsiasi cosa sia conforme agli standard meccanici e elettrici del formato Euro Rack… 😉

      Reply

  • jeansax

    |

    Mio Dio !!!CHR GODURIA!!!!aspetto con ansia una recensione del sommo maestro Cosimi…e riempiano il porcellino di soldini per la prima esperienza modulare…

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    ringrazio per il “sommo”… sarà dura avere un esemplare a disposizione :-)

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *