KOMA Elektronic: una sbirciatina…

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

KOMA Elektronic è un interessante marchio che si sta facendo strada nella produzione di apparecchiature analogiche – ma non solo – per il musicista elettronico; nel suo catalogo, trovano posto un delay analogico BBD, un filtro dinamico e un sensore di controllo. Come dire: coserelle assai interessanti…

 

di Enrico Cosimi

BD101

Il modello BD101 è un Analog Gate/Delay che sfrutta fino in fondo le funzionalità timbriche offerte dai componenti BBD di analogica memoria: estremo trattamento sonoro del segnale, over clocking e under clocking per risultati simili alla deprivazione di bit, sonorità organicamente analogiche, possibilità di controllo dall’esterno per i parametri più significativi di funzionamento (che rendono il BD101 integrabile con poca fatica all’interno di qualsiasi sistema modulare).

Le funzionalità principali sono quelle di delay line e, parallelamente, di gate sul segnale audio; i quattro controlli rotativi danno accesso a Gate Speed (la velocità del LFO con cui innescare il comportamento di gating), Gate Amount, Delay Time e Delay Feedback/Cycle. L’automazione di Gate, cioè l’apertura e chiusura del segnale passante, può essere caratterizzata con due interruttori a tre posizioni con cui definire lo Shape (la sagoma di rampa/apertura progressiva, di gate vero e proprio/attacco e rilascio istantanei o di dente di sega/rilascio progressivo) dell’inviluppo e il Range di valori temporali (low, mid e high).  Il delay analogico può essere gestito nel rapporto Wet/Dry.

Dall’esterno, è possibile intervenire con tensioni CV per controllare Speed, Amount e innesco del Gate, Delay Time dell’unità BBD; dal pedale, si può prelevare il comportamento del sensore di prossimita, inviandolo al controllo di apparecchiature esterne.

 

 

Sensore di prossimità?

Avete letto bene: i due pedali KOMA incorporano un motion controller che converte il movimento rilevato (mani, piedi, altre parti del corpo) in controlli con cui pilotare un qualsiasi parametro tra quelli disponibili. Come si assegna il controller al parametro selezionato? Nella maniera più semplice e analogica del mondo: patchando l’uscita del sensore all’ingresso di controllo desiderato. Facile come lavorare con un sintetizzatore modulare… :-) Se il range delle regolazioni di pannello e quello dei controlli CV esterni non risultasse compatibile, si può sempre intervenire sui trimmer di regolazione raggiungibili sul pannello posteriore.  Il pedale è dotato di send/return per l’integrazione di altri trattamenti di segnale lungo il percorso di Feedback.

FT201

Il modello FT201 Analog Filter/10-Step Sequencer riunisce in un unico apparecchio un filtro vactrol la cui frequenza di taglio è automatizzabile tramite step sequencer a 10 passi. Con il sensore di movimento incorporato, è possibile mettere sotto controllo l’apertura del filtro che ha tre uscite simultanee relative ai comportamenti bandpass, lowpass, highpass.

Una volta regolata la posizione di default per la Cutoff Frequency, impostato l’Input Gain e la quantità di Resonance desiderata, si può innescare lo step sequencer definendo la lunghezza desiderata (da 2 a 10 passi…) e la sua velocità; ciascuno step ha un trimmer di regolazione e un led che segnala il passo attualmente eseguito. Oltre al segnale audio principale (in e out lo, band, hi per l’impiego del pedale…), sono disponibili i percorsi di controllo relativi a External Clock, Cutoff, Resonance, Seq Reset, Sensor Output, Seq Output; ancora una volta, l’integrazione del circuito è garantita.

KOMA Kommander

E’ un CV Motion Controller che contiene due sensori indipendenti, in grado di tracciare il movimento del musicista convertendolo in tensione proporzionale alla distanza-vicinanza; i segnali così elaborati possono essere inviati a punti ritenuti espressivi del sintetizzatore o di altri pedali… a portata di cavo.

L’apparecchio, che lavora con tecnologia infrared opportunamente modificata per non risentire della luce solare, può essere adattato per il montaggio in formato Euro Rack o 5U.

Tags: , , , , , , , ,

Trackback from your site.

Comments (6)

  • L

    |

    Sono alla ricerca di un buon delay per il mio sistema eurorack e il Koma mi incuriosiva molto… sembra molto “tweakable” e questo mi piace :-)

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    ci sono MOLTE possibilità: se te lo puoi permettere, il Tiptop Audio Z-DSP è fantastico – la prossima settimana pubblico una panoramica con un videozzo sulle sue possibilità

    in alternativa, ci sono diversi moduli BBD di doepfer – ovviamente, devi sceglierti il numero di “stadi” che ti servono per avere delay lunghi quanto ti servono…

    fammi sapere! 😉

    Reply

  • L

    |

    Sì lo Z-DSP era un altro che avevo preso in considerazione…
    aspetterò anche il tuo video :-) magari mi schiarisce le idee

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    ho qualche dubbio che possa schiarire le idee… :-)

    comunque, buona visioneeeeeeeeeeeeee!!!!!

    Reply

  • Kid_Ale

    |

    Ciao Enrico, una piccola domanda “insolita”.
    Secondo te questi due pedali come suonano con un violino? A me interessano parecchio soprattutto per la loro modalità di controllo completamente compatibile con esigenze violinistiche (non ho mani libere per spippolare quando suono, sarebbe interessante usare il ricciolo del violino come”controller” mentre suono avvicinandomi e allontanandomi dai sensori).
    Parlando invece del suono appunto non ho trovato nessun video o audio demo che utilizzi come punto di partenza un suono pulito di un arco (o al massimo qualche pad che possa avvicinarsi), magari con il delay molto corto il bd101 può risultare poco adeguato…
    che ne diresti?

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      in teoria, dovrebbe funzionare, a patto che il ricciolo abbia una massa sufficiente ad essere “letta” dal sensore; calcola comunque che il raggio d’azione del sensore è MOLTO ridotto… in pratica, corri il rischio di dover suonare con il pedale posizionato a poche decine di centimetri dallo strumento.

      prima di acquistare qualunque cosa, io farei delle prove, magari trovando un rivenditore compiacente o un amico che già possieda l’apparecchio.

      in relazione al violino come base per le elaborazioni, ricordo solo nahogy (si scrive così?) che, negli Anni 70 controllava i suoi sinth EMS dal violino passando per un pitch to voltage, altro non mi viene in mente.

      il bd101 è MOLTO corto… 😉

      Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *