Grp A2 Synthesizer – Qualche anticipazione

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Mentre le spiagge si riempiono, e le città si svuotano parzialmente, proseguono instancabili le fasi di realizzazione del sintetizzatore Grp A2. Dopo aver girato una serie di video, possiamo – d’accordo con Paolo Groppioni (che ringraziamo pubblicamente) elencare qualche caratteristica del succoso strumento.
Di Enrico Cosimi

Schermata 08-2457607 alle 17.17.07

L’apparecchio ricalca la struttura fonica degli ormai classici sintetizzatori Grp, enfatizzando quindi la dotazione di forme d’onda native (cortesia della generazione analogica) e la possibilità di intervenire sul loro contenuto armonico attraverso una robusta sezione di filtraggio. Ovviamente, trattandosi di uno strumento di prezzo assai più contenuto – se paragonato ai bombardoni Grp A4 e A8, è lecito attendersi qualche scelta drastica. Andiamo per ordine.

Schermata 08-2457607 alle 18.11.19

Cabinet

Si parla del sintetizzatore, ma occorrerebbe parlare anche del cabinet, che è utilizzabile come contenitore per otto moduli standard in formato 5u, con tanto di power harness e completa compatibilità meccanico/elettrica con il formato. In questo modo, è possibile alloggiare unità Synthesizers.com, Moon Modular, eccetera senza colpo ferire. Il Cabinet offre alimentazione regolata, possiede una porta MIDI e una porta USB che facilitano l’interfacciamento col mondo esterno. L’alimentatore, power pack, è incluso nella dotazione, così come i due corposi fianchetti in legno.

 

Sorgenti sonore

Ci sono due oscillatori, dotati di un ampio corredo di forme d’onda (triangle, saw, rect, square) che sono personalizzabili attraverso comportamenti dedicati; in questo modo, è possibile sfruttare la Shape Modulation/PW Modulation per alterare la simmetria dell’impulso in un oscillatore o sfruttare i comportamenti di Super Saw Super Triangle ottenuti per clonazione analogica; quest’ultimo circuito permette di sovrapporre alle forme d’onda originali otto clonazioni sapientemente detunate e “aperte” in audio spread, per ottenere timbriche ampie. Molto ampie. La frequenza dei due oscillatori può essere modulata attraverso una scelta differenziata di sorgenti di controllo; complessivamente, sono disponibili: LFO 1, LFO 2, VCO 1, VCO 2, Noise, Ring, S&H, EG1, EG2, Aftertouch, Mod Wheel, Bend, VCF Out.

Oltre all’ampiezza timbrica dei nove oscillatori virtuali, occorre ricordare che il suono così gonfiato può essere utilizzato nel regime di Hard Sync – devastante – o nel modulo di Ring Modulation o, ancora, come sorgente di modulazione audio rate per la frequenza di taglio del filtro. In tutti e quattro i casi (super sound, hard sync, ring mod e audio filter modulation), il Grp A2 può far sparire dalla circolazione sistemi ben più blasonati.

In aggiunta ai due oscillatori, c’è il Noise Generator, per le timbriche non pitchate.

 

Schermata 08-2457607 alle 18.12.16

Filtro e Amplificatore

Il segnale prodotto dalle sorgenti sonore (non èpossibile filtrare segnali esterni) è sottoposto al filtro della sezione State Variable Filter, con slope pari a 12 dB/Oct e modo selezionabile Low, Band, High e Notch. In aggiunta al normale comportamento selezionabile, si può sfruttare l’uscita stereofonica della macchina per gestire sui canali Left e Right simultaneamente l’uscita Low Pass del filtro SFV e quella High Pass; regolando con cura la  modulazione di frequenza dinamica si ottiene l’apparente spostamento del segnale sul fronte stereo. Provare per credere. Il filtro è modulabile, oltre che dall’inviluppo, dal Keyboard Tracking e da una possibile sorgente selezionata tra LFO 1, LFO 2, VCO 1, VCO2, Noise, Ring Mod, Sample & Hold, EG2, Aftertouch, Mod Wheel, Pitch Bend. L’envelope amount è bipolare.
Il segnale del filtro può essere distorto con la sezione Drive dedicata.  Il VCA è controllato con generatore d’inviluppo dedicato; ulteriori particolari in seguito. L’amplificatore può essere lasciato sotto controllo dell’inviluppo AD/AR, può essere tenuto costantemente aperto in Hold (utile per fare Drone), può essere affidato ad un eventuale controllo CV ricevuto dall’esterno.

 

Schermata 08-2457607 alle 18.13.07

Modulazioni cicliche, transienti e… non solo

Di solito, in un sintetizzatore, le modulazioni più comuni sono ottenute grazie agli inviluppi e agli oscillatori a bassa frequenza; maggiore è la loro quantità numerica, più ampia è la flessibilità offerta al musicista. Nel Grp A2, ci sono due generatori d’inviluppo (dedicati a filtro e amplificatore), due oscillatori a bassa frequenza indirizzabili, un Sample & Hold e un Arpeggiator. A tutto questo, deve essere aggiunto una patchbay di collegamento analogica.

 

Oscillatori a bassa frequenza

Sono due, come tradizione Grp: il primo più ampio e controllabile, il secondo apparentemente più limitato, ma che in realtà nasconde l’accesso ai punti critici dello strumento per tensioni di controllo esterne analogiche o desunte dall’interfaccia MIDI.
Il primo Voltage Controlled LFO, offre forme d’onda square, triangle, ramp e saw; può essere sincronizzato/restartato al Nota On, se necessario ha ampiezza sagomabile da Mod Wheel o Channel Aftertouch; la sua frequenza è modulabile con ampiezza a discrezione dell’utente.

Il secondo LFO è, in realtà, una Modulation Source che offre sia i comportamenti ciclici di triangle e square modulation, sia accesso/smistamento agli altri segnali di modulazione prodotti da LFO 1, VCO 1, VCO 2, Ring Mod, VCF Out, White Noise, EG1, EG2, Sample & Hold. Provate a sviluppare mentalmente le possibilità e scoprirete che la mente vacilla…

 

Generatori d’inviluppo

Il filtro è controllato da un classico ADSR che tanto classico non è: come nel modello più grande, è possibile sfruttare il motore di Loop incondizionato o di Loop subordinato al Gate di tastiera; in pratica, è come avere un terzo LFO pronto all’uso.
L’amplificatore è controllato attraverso un inviluppo AD/AR selezionabile.

 

Schermata 08-2457607 alle 18.14.04

Arpeggiator

Funziona solo sui dati ricevuti alla porta MIDI In (pensateci un attimo: non è possibile arpeggiare tensioni CV e Gate ricevute in sequenza monofonica…). Permette la regolazione di Frequency internal (ma può funzionare sotto MIDI Clock o sotto Clock External TTL) e di PW Gate per la percentuale legato/staccato all’interno del singolo step. Il musicista può impostare il modo di avanzamento Up, Down, Up&Down, Random, la ripetizione di Step (x1, x2, x3), i salti di ottava, la sorgente di clock e la densità di step in rapporto al clock stesso (avanzamento per quarti, ottavi o sedicesimi).

 

Sezione Master

Oltre al Master Tune, permette la regolazione del Bend Amount e del Portamento Time, con disabilitazione sul VCO 1 e filtraggio dei dati ricevuti dalla porta MIDI; in aggiunta, offre la visualizzazione del Gate On, l’impostazione di Hold incondizionato.

 

Schermata 08-2457607 alle 18.15.05

Patchbay

Oltre alla coppia di uscite Left/Right (che possono essere forzate in modalità Direct a emettere segnale LP12 e segnale selezionato via Filter Mode), è presente l’uscita cuffia. Gli ingressi di controllo comprendono: Kybd CV In (per pilotare i due oscillatori e, via kb track anche il filtro) Gate In (per innescare gli inviluppi e resettare LFO 1; Filter CV In/Amp Level In; VCO 2 Pitch, Aft Clock In.

 

Schermata 08-2457607 alle 18.15.55

Cliccando sulle immagini, a parte quella di apertura, potete accedere ai video.

Buona visione.

Tags: ,

Comments (10)

  • Manfred

    |

    Professore salve,
    mi permetta una domanda, sono in fase di ricevere il tanto sospirato A2.
    Secondo Lei è meglio pilotarlo tramite ingresso midi o CV/gate?
    Grazie mille per la risposta
    Cordiali saluti

    Reply

  • Manfred

    |

    Carissimo Prof. dopo lunghissimi 10 mesi di attesa , finalmente il sig. Paolo è riuscito ad inviarmi l’A2 (quasi come un figlio).
    Ho iniziato i primi cablaggi e Le volevo chiedere se l’ingresso EXT CLOCK IN accetta anche segnali START/STOP. Immagino di no .
    Saluti e buon inizio anno scolastico.
    Manfredo

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    no no, quel tipo di connessione è fatta per ricevere solo il treno d’impulsi per la sincronizzazione :-)

    Reply

  • Manfred

    |

    Professore salve, non so se può darmi una dritta …
    Desidererei controllare con la BEATSTEP PRO il filtro ed il clock tramite i due ingressi analogici.
    Connessioni:
    VELO out (BeatSP) > CV FLT (A2)
    CLOCK out (BSP) > EXT CLOCK IN (A2)
    Non mi riesce
    Mi sembra che la tensione sia giusta
    Ha nessun consiglio malefico per fare ciò ….
    Grazie mille anticipatamente e scusi il disturbo

    Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    devi controllare il cavo da velo out a cv filt (verifica se nel grp è una connessione tip/sleeve mono o se devi avere un cavo “a Y” per differenziare tip-ring-sleeve)

    poi, il clock out della BSPro deve essere impostato su “1” dentro al MIDI Control Center

    Reply

    • Manfred

      |

      Grazie della celere risposta dott. Enrico.
      Avevo già tutto controllato:
      – CLOCK su 1 nella BSP
      – CV FLT connessione TIP/RING con TIP sul controllo del Filtro (come da manuale)
      ma niente.
      Ora faccio nuove prove e poi posto.
      Se nel frattempo Le viene in mente qualche arcano ….
      Saluti

      Reply

  • Enrico Cosimi

    |

    per funzionare, funziona: verifica che il BSPro mandi fuori “roba”…

    Reply

    • Manfred

      |

      Trovato l’arcano.
      L’ho sempre detto, parlare con un GRANDE uno si rilassa e riesce a ragionare.
      Era solo un problema di adattatore jack da 3,5 a 6,6.
      Funziona tutto a meraviglia come Lei giustamente a scritto pocanzi.
      La saluto e La ossequio.

      Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *