DSI OB-6. Qualche anticipazione

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Sviluppato in collaborazione tra Dave Smith, il boss della DSI nonchè padre del MIDI e del Prophe 5, e Tom Oberheim, il padre del S.E.M. e di tante altre storiche macchine analogiche, il nuovo OB-6 può essere definito, a tutti gli effetti, un palinsesto realizzato sulla struttura originale del P-6 per portarla a funzionare come un buon sintetizzatore Oberheim.

Di Enrico Cosimi

Schermata 03-2457454 alle 10.37.19

Come al solito, i cultori iper talebani dell’ortodossia vintage rimarranno delusi, così come – probabilmente – sono rimasti delusi dal confronto tra Prophet-6 e storico Prophet 5. Senza rischio di errore, è possibile dire che OB-6 parte da una base condivisa (la struttura hardware del P-6), che viene reinterpretata con il filtro SVF-State Variable 12dB/Oct tipicamente Oberheim, per ottenere comportamenti timbrici di fascino analogico.

La struttura è quella: cabinet in metallo, fianchetti in legno, quattro ottave di tastiera sensibile alla dinamica e all’aftertouch. Nel motore di sintesi, ci sono due oscillatori, un filtro SVF, un amplificatore, un doppio inviluppo, un modulo LFO, più il potente percorso di modulazione per voce (nel P-6 era PolyMod, qui è XMod) e la gestione separata di Aftertouch e Clock Generator. Non mancano arpeggiatore e sequencer polifonico. 

Di seguito, direttamente dal sito DSI, riportiamo le caratteristiche principali. Allenatevi a capire cosa cambia e cosa rimane ispirato al precedente modello DSI.

Schermata 03-2457454 alle 10.36.53

Oscillatori

  • Two discrete VCOs per voice
  • Continuously variable wave shape (sawtooth and variable-width pulse, plus triangle on oscillator 2) per oscillator
  • Pulse width per oscillator
  • Hard sync: oscillator 1 syncs to oscillator 2
  • Square wave sub-octave generator (oscillator 1) per voice
  • Low frequency mode (oscillator 2)
  • Keyboard tracking on/off (oscillator 2)
  • Oscillator detune amount for increased tuning instability, from subtle to extreme

La subottava è con l’onda quadra.

Mixer

  • Oscillator 1 amount
  • Oscillator 1 sub-octave amount
  • Oscillator 2 amount
  • White noise amount

State Variable Filter

  • Two-pole, resonant, filter per voice with low-pass, high-pass, band-pass, and notch functionality inspired by the original Oberheim SEM filter
  • Bi-polar filter envelope amount
  • Velocity modulation of envelope amount
  • Keyboard tracking: off, half, full

Questo è il punto chiave dello strumento.

Filter Envelope & Amplifier Envelope

  • Four-stage (ADSR) envelope generator
  • Velocity modulation of envelope amount

Nel P-6 c’è anche la possibilità di attenuare l’inviluppo sulla linea di controllo per l’Amplificatore. 

Low Frequency Oscillator

  • Five wave shapes: sine, sawtooth, reverse sawtooth, square, and random (sample and hold)
  • Clock sync (internal or external MIDI clock)
  • Initial amount
  • Mod destinations: oscillator 1 frequency, oscillator 2 frequency, oscillator 1 and 2 pulse width, filter cutoff, filter mode, amp

X-Mod

  • Sources: filter envelope (bi-polar) and oscillator 2 (bi-polar)
  • Destinations: oscillator 1 frequency, oscillator 1 shape, oscillator 1 pulse width, filter cutoff, filter mode, normal to bandpass filter

Si, è la PolyMod che ha reso famoso il Prophet 5. Se, come Paul Fishman dei Re-Flex, amate gli strumenti ibridi e “moddati”, questa è la volta buona per sentire un Oberheim ruggire sotto PolyMod targata Sequential.

Aftertouch

  • Source: channel (mono) aftertouch with bi-polar amount
  • Destinations: oscillator 1 frequency, oscillator 2 frequency, LFO amount, amplifier envelope amount, filter envelope amount, filter mode

Clock

  • Master clock with tap tempo
  • BPM control and display
  • MIDI clock sync

Arpeggiator

  • Selectable note value: 16th note, 8th note triplet, 8th note, dotted 8th note, quarter note
  • One, two, or three octave range
  • Up, down, up/down, random, and assign modes

Sequencer

  • Polyphonic step sequencer with up to 64 steps and rests

Effects

  • Stereo analog distortion
  • Dual, 24-bit, 48 kHz digital effects, including: reverb (room, hall, plate, spring), delay (full bandwidth digital delay and emulated bucket brigade), chorus, flanger, phase shifters, and ring modulator
  • Delay sync
  • True bypass maintains fully analog signal path when digital effects are off

Performance Controls

  • Full-sized, semi-weighted, 4-octave keyboard with velocity and aftertouch
  • Backlit pitch and mod wheels
  • Spring-loaded pitch wheel with selectable range per program (1 to 12 semitones up and down)
  • Transpose controls for an 8-octave range
  • Hold switch latches held notes on
  • Polyphonic portamento
  • Unison (monophonic) mode with configurable voice count, from one to all six voices, chord memory, and key modes
  • Manual switch: when on, the front panel is live; what you see is what you hear

Il Bend Amount a pannello è particolarmente comodo. 

Patch Memory

  • 500 user and 500 factory programs in 10 banks of 100 programs each
  • Direct program access, including single-button access to the current set of 10 programs

Schermata 03-2457454 alle 10.37.05

In/Out

  • Left/mono and right audio outputs (2 x 1/4” phone jack)
  • Headphone output (stereo, 1/4” phone jack)
  • MIDI in, out, and thru ports
  • USB for bidirectional MIDI communication
  • Filter cutoff expression pedal input
  • Volume expression pedal input
  • Sustain footswitch input
  • Sequencer start/stop footswitch input

Fate il vostro gioco. 

Tags: , ,

Comments (4)

  • Marco

    |

    Dal punto di vista commerciale, questo Ob6 è l’ennesima furbata di Smith che tende a massimizzare i profitti, abusando dell’effetto nostalgia.
    Dal punto di vista tecnico posso dire che, a parità di struttura ma con il filtro a due poli targato Oberheim, posso credere al fatto che il synth suoni diversamente dal P6, avendo di recente scoperto come lavorano i filtri nei moduli Sem.
    Aspetto comunque le opinioni di chi lo proverà tra pochi giorni, alla sua uscita, sperando presto di poterlo suonare anche di persona.

    Reply

  • Daniele

    |

    Salve Enrico,non trovando ancora una recensione sul nuovo DSI Prophet 8 rev. 2 che ho da poco acquistato mi sono permesso di utilizzare questo post,non riesco a creare un tipico suono square utilizzando come riportato da manuale la forma d’onda pulse con il shape mod al 50% visto che direttamente in questa macchina non è inserita di default la forma d’onda quadra,il suono prodotto si avvicina ma resta lontano dai classici suoni che riuscivo ad avere sul mio vecchio access virus T,ho provato con i filtri ma niente,non sono molto pratico come avrà ben capito :) mi potrebbe aiutare?grazie per la pazienza

    Reply

    • Enrico Cosimi

      |

      caro Daniele,
      non ho esperienze dirette su quella macchina, ma leggo dal suo manuale (a pagina 20) che, per ottenere un’onda quadra perfettamente simmetrica, è necessario selezionare l’onda impulsiva (usando il tastino SHAPE) e poi regolando il comando SHAPE MOD fino a raggiungere il valore 50%.

      Fammi sapere
      A presto
      enr

      Reply

  • Daniele

    |

    Grazie per la risposta,non ottenevo un suono decente perchè non ho dato la giusta differenza col detune tra i due oscillatori,con osc1 a +5 e osc2 a -10 si sente il suono che speravo,aspetto con ansia una tua recensione di questa macchina che purtroppo mi sembra avere un po di problemi con gli oscillatori al momento spero risolvibili via software,a presto Prof.

    Reply

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *