Come suona l’ARP 2600 blu? Prima parte

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear, Tutorial

Nelle scorse settimane, complice la disponibilità di Gianni Giudici e Toni La Camera, siamo riusciti a mettere le mani sul raro ARP 2600 blu – uno dei primi 25 esemplari prodotti da Alan Robert Pearlman all’inizio degli Anni 70. Tralasciando le discussioni sulla corretta nomenclatura dello strumento (da noi, per anni, è stato chiamato blue meanie, in modo simile al successivo grey meanie; da altre parti, lo si è etichettato come blue marvin…), è il caso di ascoltare qualcosa prodotto da questa fenomenale apparecchiatura.

Di Enrico Cosimi

perc gating

Di seguito, una serie di video in cui – per piccoli frammenti – è possibile assaggiare le potenzialità dell’apparecchio.

Percussion Gating

perc gating

In questo video, la coppia di inviluppi ADSR e AR è innescata dal Clock Generator integrato nel modulo Sample & Hold; la tensione di controllo prodotta da quest’ultimo è utilizzata per aprire – in maniera poco prevedibile – la frequenza di taglio del filtro passa basso. Ancora una volta, il comportamento più aggressivo del normale, ottenibile nella macchina blu, è confermato dalla tendenza alla saturazione raggiunta ogni volta che si esagera nel livello degli oscillatori e del filtro.

 

ARP 2600 e Doepfer Dark Time

con doepfer

Come si fanno dialogare due macchine con tensione di Gate non compatibile? Doepfer emette un Gate +5V, ARP richiede +10V… E’ il momento di ricorrere alla misteriosa sezione di Voltage Processor, con la quale invertire (prima), addizionare +5V (poi) e re-invertire nuovamente (ancora dopo) la tensione di Gate prodotta dl Dark Time, fino a raggiungere gli agognanti +10V richiesti da ARP.

Come è facile prevedere, CV 1 Out pilota gli oscillatori, CV 2 Out pilota gli accenti del filtro.

 

Ring Mod

con ring mod

il modulatore ad anello del 2600 è particolare: offre gli accoppiamenti AC/DC per rispondere con maggior enfatizzazione ai transienti presenti nelle forme d’onda e garantisce notevole ricchezza timbrica. Come è facile immaginare, inviando due oscillatori la cui intonazione è fatta variare, in uscita al RM si produrranno somma e sottrazione cangianti delle componenti armoniche. Niente male.

La prossima volta, un’altra scarica di video, prima di salutare definitivamente il nostro sintetizzatore color puffo…

Tags: , , , ,

Trackback from your site.

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *