Qosmo Modular XPulser

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Un nuovo marchio, tutto italiano, si affaccia al panorama Euro Rack. E’ la volta di Cosmo Modular, creatura di Cosimo Garofalo che produce raffinati – e per molti versi inaspettati – circuiti.

Di Enrico Cosimi

xpulser

XPulser è un oscillatore audio capace di lavorare con la fondamentale tra 13 e 13000 Hz, con possibilità di comportamento LFO che scende da 0.4 Hz e raggiunge i 400 Hz.

La frequenza è controllabile con due manopole Tune e Fine (non ci sono ottave o piedaggi preconfigurati… il modulo viaggia verso una precisa direzione d’impiego) e la struttura prevede due ingressi dedicati al controllo FM Exp e FM Lin. Nel primo caso, la formazione caotica di armoniche collaterali offre il massimo accesso ai suoni clangorosi; nel secondo caso, la produzione di armoniche collaterali permette di mantenere un miglior controllo sull’intonazione finale percepita – nei limiti della struttura analogica e dell’indice di modulazione applicato (ci sono due mod index indipendenti per il flusso Exp e per quello Lin).
In aggiunta alle due modulazioni, c’è un ingresso non attenuato 1V/Oct per il controllo d’intonazione temperato da parte di sorgenti esterne; invece del tradizionale comportamento di hard sync, Qosmo ha optato per un più divertente Reset della forma d’onda: l’effetto audio è lo stesso, ma in comportamento LFO, le cose sono molto più pratiche e divertenti.

Le forme d’onda prodotte comprendono: sinusoide, impulsiva a simmetria variabile (c’è una porta PWM con indice dedicato e un secondo controllo Width dedicato alla simmetria di base), triangolare, rampa, dente di sega. In aggiunta, piacevole addizione Qosmo, trovano posto una rampa a frequenza doppia (f2) rispetto alle altre forme d’onda (può essere usata come segnale “ufficiale”, facendo suonare la quadra f/2 come se fosse un sub oscillatore) e un mix di sinusoide e rampa – mezzo ciclo di seno e mezzo di rampa, per potenziare significativamente il peso sulle basse e sulle armoniche pari.

La componentistica impiegata è di alto livello, la progettazione di ampio respiro: quattordici punti di regolazione accessibili al tecnico consapevole (o all’utente esperto) garantisco un circuito ben concepito e facilmente personalizzabile nei risultati; il cuore dell’oscillatore è il classico meccanismo basato sull’interpretazione della dente di sega a rilassamento; tutto il meccanismo è al 100% analogico. Il trattamento è di gran lusso: il modulo viaggia in imballo personalizzato, con manuale di istruzioni, quattro viti per il serraggio sul cabinet e quattro rondelle in plastica per evitare il rack rash. Quattordici HP di ingombro, con profondità skiff friendly; non c’è assorbimento sul ramo +5V; il +12V è tassato per 108 mA e il -12V è tassato per 47 mA.

 

Non sono oscillatori

In catalogo, ci sono altri due moduli da 4 HP che ospitano ciascuno un doppio circuito: XMIX e XMULTI sono rispettivamente una coppia di sommatori 4-su-1 e una coppia di distributori 1-su-4. Detto così, potrebbero sembrare “normali”, ma le cose in casa Qosmo sono meno banali di quanto sembri: i due circuiti  sommatori lavorano con componentistica alimentata (un LED visualizza la polarità dei segnali) e offrono, oltre alla versione standard, una versione averaged  nella quale le tensioni sono scalate a 1/4 del loro valore d’ingresso. Una tensione a +10V collegata agli ingressi del sommatore averaged, esce a +2.5V; se usato come sommatore audio, in questo modo si evita qualsiasi distorsione. L’altra metà del modulo è un sommatore unity gain.
In maniera simmetrica, anche il modulo XMulti offre due comportamenti: uno splitter bufferato 1-su-4 e uno splitter passivo tradizionale; la bufferizzazione garantisce la massima accuratezza nelle tensioni di controllo eventualmente distribuite al controllo d’intonazione di quattro oscillatori sotto lo stesso sequencer.

Non è tutto: Qosmo ha in cantiere una linea di VCA Vactrol-based che potrebbero veramente fare la differenza con il resto del panorama Euro Rack. Abbiamo visto i secondi prototipi ancora privi di pannello, e quello che abbiamo sentito è cremoso, liquido, vivo, facilissimo da configurare timbricamente e – cosa fondamentale – diverso da quanto gira finora nei diversi cataloghi.
Tenete d’occhio questo marchio.

Qui, per saperne di più.

Tags: , ,

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *