Cyndustries Four Filters

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Cynthia Webster guida da anni, con mano ferma, il marchio Cyndustries e produce una serie di moduli che – disponibili nei più diversi formati (Modcan, Euro Rack, Blacet, DotCom, MOTM…), possono essere integrati all’interno di strutture di sintesi per arricchirne significativamente le funzionalità di base.

di Enrico Cosimi

 

Tra i tanti modelli (analogici puri e in tecnologia ibrida), particolarmente interessante – per densità e prestazioni – è il modello Four Filters che incorpora in un unico apparecchio quattro unità di filtraggio indipendenti per modo operativo e collegamenti.

A differenza di circuiti analoghi, in questo caso è stata privilegiata la precisione e la qualità di laboratorio per ciascuna sezione di filtraggio: ogni sub modulo offre slope a 12 dB/Oct e può essere configurata per lavorare in modalità Lowpass, Band Pass, High Pass e Notch. Ogni sezione è dotata di controlli indipendenti per Cutoff Frequency, Resonance e Modulation Amount; i collegamenti comprendono Audio In, Audio Out e CV In per ciascuna sezione.

 

 

Le quattro sezioni sono collegabili in diverse configurazioni, realizzando trattamenti in serie o in parallelo con cui arrivare a filtraggi particolarmente sofisticati; usando il comportamento push/pull per le coppie di potenziometri principali presenti in ciascuna sezione, è possibile passare da un modo di filtraggio all’altro. Cosa fare con quattro sezioni indipendenti simultaneamente disponibili? Parecchie cose; tra le possibilità offerte, è facile elencare:

• costruzione di filtri a quattro poli (basta collegare in serie due sezioni a due poli each one);
• realizzazione di tratti vocalici ottenuti processando in serie il segnale all’interno di tre o quattro unità low pass con elevati livelli di resonance;
• realizzare uno string voicing filter, attraverso collegamento parallelo di un notch e diversi high pass in serie;
• creazione della “configurazione Yamaha” di filtraggio, con low pass e high pass in serie;
• realizzazione di un sistema risonante, carico di resonance, che possa essere innescato da ripidi trigger in ingresso audio…

Insomma: perchè limitarsi?

I prezzi non sono proprio popolari, ma sono giustificati dall’elevata qualità del prodotto.

P.S. Vi piacciono i moduli densi? Il formato DotCom/5U è il vostro futuro? Beh, perchè non dare un’occhiata anche al quadruplo envelope generator di Cynthia?

 

Tags: , , , , , ,

Trackback from your site.

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *