Anticipazioni: Athena Synthesizer

Written by Enrico Cosimi on . Posted in Gear

Per ora, sono solo anticipazioni, ma se il progetto dovesse andare in porto, si potrebbe arrivare velocemente ad un potente sintetizzatore analogico in grado di raccogliere l’esperienza (l’heritage) di quella micidiale macchina da assolo che era il vecchio ARP Odyssey, condendola con nuove funzioni allo stato dell’arte. 

Di Enrico Cosimi

Athena Panel

Il progetto Athena Synthesizer (non sfuggirà ai lettori d’Omero che Pallade Atena era la protettrice di Ulisse/Odisseo…) prevede la costruzione di un sint analogico dotato di due oscillatori, ring modulator, noise generator, un filtro risonante ed un completo corredo di sorgenti di modulazione. Come nel vecchio apparecchio targato ARP, anche in questo caso l’ìmplementazione di pannello è ricca e permette giri molto complessi.

Il filtro è modellato sulle risorse timbriche del vecchio ARP 4075, una garanzia di unicità sonora che non potrà non soddisfare gli amanti di un certo suono analogico; la struttura è particolarmente ricca, e comprende:

  • due oscillatori audio ad ampio range, con selettori d’ottava indipendenti (eh eh eh), cursori di frequenza coarse e fine, hard sync e connessione diretta ring mod attraverso componente XOR di analogica memoria;
  • filtro 4075 style con comportamento Low Pass, in alternativa selezionabile ad altri due comportamenti 4023 e 4035, per coprire tutto il panorama timbrico della famiglia Odyssey; manca il filtro high pass dell’Odyssey originale;
  • amplificatore basato su componentistica OTA con maggior rapporto segnale/rumore e dinamica complessiva;
  • noise generator pink/white collegato al sample & hold mixer; il tutto, gestito da LFO con onda quadra e triangolare e comportamento free run/key sync selezionabile;
  • generatori d’inviluppo ADSR e AR con auto repeat (LFO rate) subordinabile, a discrezione, al Keyboard Gate; utile per realizzare bassi synt in perfetta sincronizzazione con l’esecuzione su tastiera; i tempi sono scalabili 1x o 0.1x.
  • due ingressi CV esterni per la gestione di VCF e VCA, facilmente ruotabili sotto controllo aftertouch e key velocity; connettori pitch, gate e trigger input per il controllo dall’esterno;
  • portamento inseribile a discrezione
  • controllo level output;
  • niente MIDI.

Athena è/sarà disponibile come: a) schede non popolate; b) schede già popolate ed assemblate con componentistica SMD; c) schede e cabinet in laminato metallico per l’assemblaggio. Le schede non popolate saranno disponibili a Marzo 2013.

 

Tags: , , , , ,

Trackback from your site.

Leave a comment

Inserisci il numero mancante: *